11 Novembre 2019, 10.40
Bagolino
Ricorrenze

Anche Bagolino festeggia il 4 novembre

di Marisa Viviani

Puntualmente anche quest'anno si è svolta a Bagolino la celebrazione del 4 novembre, Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate, in ricordo della fine della Prima Guerra Mondiale e della vittoria contro l'impero austroungarico


La festa, che cadeva in un giorno infrasettimanale, è stata posticipata a sabato 9 Novembre, per permettere una più ampia partecipazione della popolazione.

Storicamente superato oggi lo spirito nazionalista e revanscista del primo dopoguerra, e di molti anni a seguire, oggi la celebrazione di questa festa è concentrata in particolare sulla commemorazione dei caduti militari e delle vittime civili dei quell'immane carneficina che fu la Grande Guerra del 1914/18, con una spiccata caratterizzazione di impegno civile e umanitario contro la guerra.

Questo infatti il tenore dei vari interventi delle autorità presenti alla manifestazione: il sindaco Gianzeno Marca, che ha rivolto il suo messaggio per la pace in particolare ai ragazzi partecipanti; il capogruppo degli Alpini di Bagolino, Manuel Schivalocchi, che ha ringraziato per la costante partecipazione e ricordo della popolazione; Mario Fusi, che a nome del suo gruppo ha letto la Preghiera del Fante.

Nello spirito della pace, della fratellanza e della solidarietà, gli alunni delle scuole di Bagolino hanno dato lettura di pensieri, riflessioni, poesie, partecipando anche al canto dell'Inno d'Italia e della Canzone del Piave.

Alla manifestazione erano presenti gli Alpini di Bagolino con il capogruppo Manuel Schivalocchi; i Fanti di Bagolino con il loro presidente Claudio Morandi; gli Artiglieri di Ponte Caffaro con il loro presidente Alberto Bordiga; rappresentanze dei Carabinieri e Paracadutisti in congedo; la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria Inferiore di Bagolino con i rispettivi insegnanti.

Nel corso della cerimonia sono stati ricordati gli ultimi due anziani reduci viventi Attilio Fusi e Cherubino Melzani e Giulio Pelizzari, mancato da pochi giorni all'età di 99 anni. La manifestazione è stata animata dalla musica della Bandina Nastro Azzurro di Brescia, ormai affezionata presenza in questo paese.

Una corona d'alloro è stata deposta presso il Sacrario dei Caduti della Grande Guerra, che sorge presso la Chiesa degli Adamino, a memoria dei 72 morti di Bagolino; anche presso il Monumento ai Caduti della Prima e Seconda Guerra Mondiale, dopo l'alzabandiera e i saluti militari di rito, è stata deposta una corona; è seguita la Santa Messa, officiata dal parroco don Paolo Morbio.

Nelle foto, di Luciano Saia, momenti della manifestazione commemorativa del "4 Novembre" 2019 a Bagolino




Vedi anche
06/05/2018 10:05:00

Grande successo per il concerto «La Grande Guerra» Un pubblico attento ha gremito sabato sera la chiesa parrocchiale di San Lorenzo a Sopraponte per il concerto che il corpo bandistico “Nestore Baronchelli” ha dedicato al ricordo dei Caduti della Prima guerra mondiale

25/07/2016 09:18:00

In Bruffione per ricordare i caduti Nonostante la pioggia intensa, un centinaio di persone hanno preso parte sabato al tradizionale pellegrinaggio degli alpini di Bagolino presso l’ex cimitero della Prima guerra mondiale

23/05/2018 08:48:00

Il dovere della memoria Partecipata manifestazione sabato scorso a Ponte Caffaro organizzata dalla sezione locale degli Artiglieri d'Italia nel centenario della conclusione della Prima Guerra Mondiale

07/11/2019 08:00:00

Per ricordare i Caduti Una ricca ricerca d’archivio e un libro in ricordo dei Caduti della Prima Guerra Mondiale. La presentazione di “Non dimenticateci!” si terrà questo venerdì, 8 novembre, a Prevalle

07/11/2015 08:00:00

Quattro cippi per i Caduti della Grande Guerra Sono stati inaugurati in occasione della cerimonia del 4 Novembre a Odolo, per iniziativa del locale Gruppo Alpini, che hanno allestito anche una mostra presso la biblioteca, dove sono in programma due appuntamenti dedicati alla Prima guerra mondiale



Altre da Bagolino
10/07/2020

Bagolino Alpin Run, al via l'edizione speciale 2020

La corsa in montagna organizzata dalla Società Sportiva Bagolino e dall'Avis locale quest'anno si correrà con una formula speciale, adatta a tutti

08/07/2020

«San Rocco in musica» ora in San Giorgio

La rassegna musicale organizzata dalla Pro Loco di Bagolino con “Habitar in sta terra” e la Parrocchia riprenderà questo sabato, 11 luglio, in una sede più spaziosa per rispettare le norme di sicurezza anti Covid-19

05/07/2020

Sopralluoghi anti assembramento

Anche i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno effettuato numerosi controlli per verificare il rispetto della normativa sul Covid-19. Dieci giorni di chiusura comminati dalla Prefettura per un bar di Ponte Caffaro

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

25/06/2020

Visite protette in Fondazione

Alla Beata Versa Dalumi di Bagolino l’infezione è da tempo sotto controllo: sono possibili visite in sicurezza, separati dai familiari da uno schermo di plexiglass

24/06/2020

L'iperico, nel bene e nel male

A Ponte Caffaro, dopo la tradizionale raccolta, all’erba di San Giovanni, nell’erboristeria Bolandini dedicano anche una mostra

24/06/2020

Sull'Eridio con Idra

Ha ripreso a solcare le acque del lago d’Idro il battello turistico che effettua il giro dello specchio d’acqua valsabbino

23/06/2020

Chiuso per invidia

Succede anche questo in tempo di Covid, soprattutto se per evitare assembramenti devono intervenire i carabinieri

20/06/2020

I 101 al tempo del Coronavirus

Una dedica in musica per il prestigioso traguardo di Pasquina Gagliardi, di Bagolino, quella dedicata dal Coro Beorum di cui è una grande supporter

16/06/2020

Anche Alpini e Artiglieri di Ponte Caffaro per la sicurezza in chiesa

Anche a Ponte Caffaro, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe, le disposizioni del governo e della diocesi per la sicurezza sanitaria dei fedeli sono state prese molto seriamente dal parroco don Paolo Morbio e dal sacerdote ausiliario don Eugenio Panelli