Skin ADV
Mercoledì 13 Novembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








12.11.2019 Preseglie

12.11.2019 Vobarno

11.11.2019 Preseglie

11.11.2019 Odolo Valsabbia

11.11.2019 Vestone Valsabbia

11.11.2019 Bagolino

11.11.2019 Vallio Terme

11.11.2019 Vobarno

12.11.2019 Gavardo Salò Valsabbia Garda

12.11.2019 Sabbio Chiese Valsabbia Val del Chiese Storo






19 Febbraio 2019, 09.10
Bagolino
Aspettando il Carnevale

Cronaca di una festa annunciata

di Marisa Viviani
La manifestazione "Maschere e Tradizioni", che si è tenuta lo scorso sabato a Dossena (Val Brembana, BG) ha visto la partecipazione su invito dei Màscär di Bagolino, insieme alle maschere tradizionali di Valtorta (Bergamo) e dei Mamuthones, Isshohadores e Tenores di Mamoiada (Nuoro)

Tale iniziativa intende far conoscere le maschere italiane della tradizione carnevalesca e preservarne la presenza nel carnevale. La manifestazione è stata aperta infatti da un convegno sul tema "Le maschere tra commedia e carnevale", in cui sono intervenuti Mario Paffi (Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada), Marco Rota (Teatro da Viaggio di Bergamo), e Nerio Richiedei (Habitar in sta terra, Suonatori del Carnevale di Bagolino) – introduzione di Franco Brevini e coordinamento di Claudio Gotti.

Nel pomeriggio i vari gruppi di maschere partecipanti si sono esibiti nelle frazioni del paese, per riunirsi poi in serata a Dossena per uno spettacolo finale.
 
L'invito ad intervenire a questa manifestazione, nelle scorse settimane aveva mobilitato varie associazioni di Bagolino per la preparazione dei màscär che avrebbero partecipato allo spettacolo, e mentre i giorni passavano e la data si avvicinava, cresceva un'eccitazione che si andava definendo sempre più come l'attesa di un anticipo di festa del carnevale: bisognava organizzare bene la partecipazione per fare bella figura e soprattutto divertirsi al massimo.
 
E quando il giorno è arrivato i Màscär di Bagolino hanno ben figurato e si sono divertiti moltissimo. Luciano, il nostro inviato nella trasferta di Dossena, ce ne ha parlato.
 
"Non sto a descrivere il clima da gita scolastico-ricreativa-carnevalesca sul pullman, dove se ne sono sentite di tutti colori. Questa è una gabbia di matti, mi sono detto io che li conosco, figuriamoci la gente che li incontra per la prima volta. Infatti si vedevano màscär già vestiti con il ceviö́l, l'abito tradizionale maschile, con scarpe da ginnastica e calzettoni, altri vestiti délä èciä, barbe incolte e capelli arruffati, che mostravano le gambe pelose o i mutandoni ai passanti sbigottiti.

Quelli che invece si dovevano ancora cambiare, non si preoccupavano di infilarsi il sottanone o la braghetta nel bel mezzo del prato prospiciente la strada statale della Val Brembana, dove il pullman si era fermato per una sosta enogastronomica con vettovaglie bastanti per un esercito; dietro una siepe c'era infatti un uomo che assisteva sospettoso alla scena dell'improvvisato accampamento, mentre i nostri si cambiavano, banchettavano e cantavano incuranti della curiosità suscitata.
 
Ma questi sono stati solo i preliminari di rito per gasarsi prima dell'esordio sull'inconsapevole piazza di Dossena, dove i nostri màscär hanno esternato tutto il repertorio di battute e scene tipiche compatibili con la trasferta, vale a dire senza l'apporto dei mezzi scenografici e strumentali classici usati a Bagolino.

Infatti, appena scesi dal pullman hanno trovato subito il bersaglio ideale su cui esercitare l'arte della moina e dello sberleffo in stile bagosso: una bionda di un metro e ottanta in minigonna, giornalista, microfono in mano, soggetto ideale per girarle attorno, prenderle le misure col metro, chiederle un appuntamento, farsi una foto insieme da appendere in cucina."
 
Così è cominciata la festa dei màscär in terra forestiera, dove hanno lasciato il segno della capacità dei bagossi di divertirsi a carnevale, secondo un'abitudine che non prescinde mai dalla compagnia, dalla conversazione, dal mangiare e bere insieme agli amici. Cosa che i nostri hanno fatto anche a Dossena, intrattenendo le persone per strada facendole ridere, entrando nelle case a chiacchierare, fermando le automobili per scherzare con i passeggeri; e ricevendo dalla gente del luogo molta simpatia e cordialità, tanto da riceverli nelle cucine offrendo ospitalità, fiducia e compagnia.
 
"Una nonna di 93 anni, che aveva accolto in casa quattro màscär non voleva più lasciarli andar via, tanto era contenta e divertita dalla loro presenza, così come avevano fatto gli abitanti di un intero cortile decisi ad adottarli per l'intera giornata, con lo sconcerto dell'accompagnatrice dell'organizzazione che non riusciva a far rispettare gli orari della manifestazione.

Era uno spettacolo vedere la povera ragazza trascinare fuori dalle case un màscär e subito dopo altri due che vi entravano, si sedevano e cominciavano a chiacchierare con i padroni di casa incuranti dell'orologio. La poverina avrà capito che non è facile disciplinare i nostri màscär, non è la loro natura, né quella del carnevale."
 
Alla fine della giornata, tutti stanchi ma soddisfatti della partecipazione, sia per l'accoglienza ricevuta, ma soprattutto per aver lasciato in quel paese una traccia: quella di un carnevale vissuto, che non ha bisogno di effetti speciali per trovare il senso della festa, ma soltanto di mantenere la capacità di instaurare relazioni umane con le persone anche da sotto una maschera. 
 
                                                                                                                                              
Nelle foto di Luciano Saia: 
- Foto di gruppo dei Màscär di Bagolino 
- Màscär "al lavoro" con la gente di Dossena 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/02/2018 10:00:00
Il fascino della ritualità Due comunità in festa per il carnevale in questi due giorni a Bagolino e Ponte Caffaro con l’arrivo sulla scena delle eleganti maschere dei Balarì

20/01/2016 14:29:00
A PuntoLabo si prepara la festa Il Cag Puntoragazzi di Prevalle propone cinque appuntamenti pomeridiani per i bambini della scuola primaria per realizzare oggetti, disegni, decorazioni e maschere di Carnevale

15/02/2017 14:49:00
In scena le maschere doppie del Carnevale di Livemmo Puntuale nella penultima domenica di Carnevale torna secondo tradizionale la festa in maschera nel borgo di Pertica Alta

01/03/2014 08:00:00
Weekend in maschera A Bagolino e Ponte Caffaro inizia la festa in attesa dei due giorni conclusivi di lunedì e martedì. Nel resto della valle in campo gli oratori con feste di carnevale per bambini e ragazzi


28/01/2016 14:30:00
Le maschere alla conquista di Livemmo Domenica il primo assaggio con la tradizione carnevalesca delle Pertiche e le tipiche maschere "doppie" dello storico Carnevale di Livemmo



Altre da Bagolino
11/11/2019

Anche Bagolino festeggia il 4 novembre

Puntualmente anche quest'anno si è svolta a Bagolino la celebrazione del 4 novembre, Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate, in ricordo della fine della Prima Guerra Mondiale e della vittoria contro l'impero austroungarico


10/11/2019

Premiata a Brescia la transumanza bagossa

Uno scatto di Mariarosa Marchesi ha vinto la sezione speciale “Tradizioni che si ripetono” al 46° Premio Brescia (1)

09/11/2019

Ricognizioni belliche in Valle del Chiese

Questo sabato pomeriggio a Ponte Caffaro l’appuntamento con Gente di Vallesabbia vedrà protagonista Francesco Bologni, presidente del Museo Grande Guerra in Valle del Chiese di Bersone

07/11/2019

Gambe in spalla

Imperdibile appuntamento quello di domani – venerdì 8 novembre – a Bagolino. Per la rassegna “FeliceMente” l’incontro con Roberto Bruzzone, alpinista, escursionista e scrittore


05/11/2019

IV Novembre a Ponte Caffaro

Come da tradizione la sera del 4 novembre a Ponte Caffaro si è tenuta la cerimonia commemorativa della Giornata delle Forze armate e dell’Unità nazionale

04/11/2019

240 anni dopo l'incendio

“A 240 anni dall'incendio che distrusse Bagolino, che senso ha ricordare quell'evento, e fino a quando ricordare?”

02/11/2019

Screening urologico alla Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi

Grande affluenza, da Bagolino e dintorni, per la giornata di prevenzione del tumore alla prostata. Un’iniziativa lodevole e opportuna, soprattutto per i paesi privi di servizi di medicina specialistica nelle vicinanze

29/10/2019

«L'incendio occorso nella terra di Bagolino»

Nel 240° anniversario dell’incendio di Bagolino, questo mercoledì 30 ottobre, oltre alla messa di suffragio, sarà presentata un’opera pubblicata da Habitar in sta terra

28/10/2019

Ma chi ce lo fa fare?

In merito alle problematiche riscontrato dalla Pro loco di Bagolino per organizzare la manifestazione La Transumanza, dice la sua il presidente della Pro loco di Anfo


27/10/2019

Grande successo e conclusione amara

Quale futuro per La Transumanza? Nel corso di un’assemblea pubblica il presidente della Pro loco di Bagolino ha presentato i risultati positivi dell’ultima edizione, ma ha annunciato che l’ente non è più in grado di organizzare una manifestazione così grande

Eventi

<<Novembre 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia