Skin ADV
Lunedì 06 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Apprezzare la natura

Apprezzare la natura

di Roberta Zanoni





29 Febbraio 2020, 08.55
Bagolino
Tradizioni

Quel che resta del Carnevale

di Marisa Viviani
Sappiamo come è andata a finire, il carnevale a Bagolino e Ponte Caffaro c'è stato e non c'è stato, perché l'ordinanza regionale è stata solo parzialmente rispettata...

Ma questo concerne soltanto le tre giornate conclusive della manifestazione, perché nei quaranta giorni che le hanno precedute ci sono state iniziative importanti per il contenuto spiccatamente carnevalesco e il valore culturale legato alla tradizione del Carnevale di Bagolino.

Si sono tenute infatti regolarmente le sonàde dé carnaàl nelle giornate di lunedì e giovedì, presso i locali pubblici con i sonadùr in piena forma pronti a dar sfogo all'astinenza musicale tra un carnevale e l'altro, seguite da un pubblico locale affezionatissimo alla propria tradizione. Anche i màscär hanno potuto sfogare le proprie passioni burlesche nelle giornate previste per la loro uscita, già dopo l'Epifania, in una sorta di prova generale, ripetuta, del gran finale.

Degli incontri organizzati dal gruppo “Voci del Carnevale” sul tema “Il saper fare del passato”, si è parlato a lungo su queste pagine, in relazione ai lavori di realizzazione di capi di abbigliamento dei costumi di màscär e bälärì, sgàlbär, maschere, manufatti vari.

Tale iniziativa ha rappresentato l'aspetto più significativo per la definizione culturale di questo carnevale, attorno al quale fin dal passato si sono sviluppate numerose attività artistiche, artigianali, musicali, e relazioni sociali su base comunitaria con forte connotazione identitaria.

La festa dedicata quest'anno a “Lä spùsä dé 'nä òltä”, ha riunito poi in una serata di puro divertimento le migliori attitudini alla recitazione e all'ideazione scenica del gruppo teatrale che ruota attorno a Versilla Salvadori. In una stravagante ambientazione d'antan, attori della compagnia teatrale e altri prestati per l'occasione, si sono avventurati nella rappresentazione di un verofinto matrimonio con la compiacenza dell'autorità religiosa, prestatasi con umorismo all'ironica cerimonia, che si è poi conclusa nel più classico dei modi, il banchetto di nozze, con un menù controcorrente a base di polèntä teràgnä, ben innaffiato, e ben condito con il piacere della convivialità, del canto corale del Coro Ciclamino e del gruppo mandolinistico “8 Corde”.

E ancora, il “Carnaàl déi fänzì”, che ha riassunto in un'unica festa dedicata a bambini e ragazzi i contenuti, le figure, le espressioni tipiche del carnevale, con riferimenti alle tradizioni del passato. La manifestazione ha visto mobilitarsi un gran numero di volontari impegnati in varie attività e in lavori artigianali, spiegati ai bambini per la conoscenza viva della storia della comunità e delle famiglie attraverso il tempo, mentre la partecipazione dei ragazzi, alunni in orario scolastico, si è configurata come una vera lezione sul campo, preparata dalle insegnanti della scuola primaria secondo un progetto didattico di interscambio di ospitalità con le classi dell'Istituto Comprensivo.

Preceduta da un analogo incontro tra classi parallele a Ponte Caffaro in settembre, cui seguirà l'ultimo scambio tra le classi a Idro in maggio, l'accoglienza degli alunni a Bagolino verteva sulla conoscenza della tradizione del carnevale attraverso una partecipazione consapevole, e perciò preceduta da una lezione tenuta da relatori esperti della materia, nello specifico Nerio Richiedei, Lorenzo Pelizzari, Idalgo Salvadori, che hanno presentato agli alunni il percorso storico del carnevale attraverso i documenti d'archivio, la liuteria, la musica.

E infine la consuetudine irrinunciabile della festa nelle cozìne, che ha esteso i suoi tempi della convivialità per godersi come sempre il cibo, il vino, la compagnia, la conversazione con famigliari e amici, alla faccia del virus che è riuscito a fermare, ma solo parzialmente, il carnevale, là dove, come ha sentenziato qualcuno, nemmeno i Conti di Lodron erano riusciti nell'intento!

Ciò che resta del carnevale annullato per motivi di salute pubblica non è quindi poca cosa, al contrario rappresenta una parte consistente di attività e partecipazione ad una tradizione che ha mantenuto, anche se privata del suo exploit finale, la sua presenza irrinunciabile nella vita della comunità.
                                                                        
Nella foto di Luciano Saia: Piccoli bälärì che non rinunciano a ballare
Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
24/02/2020 16:40:00
Sospeso anche il Gran Carnevale Dopo la decisione della Provincia Autonoma di Trento di sospendere le manifestazioni legati al Carnevale, non si svolgerà neanche quello di Storo

16/02/2020 07:33:00
Il Carnevale dei bambini, imparare per crescere C'è un aspetto del Carnevale di Bagolino che lo caratterizza e lo distingue da altre manifestazioni consimili...

23/02/2020 12:43:00
Sospeso il carnevale a Bagolino e in altri Comuni A causa dell'infezione da Coronavirus, a tutela della salute pubblica, sono stati annullati anche il Carnevale di Bagolino, così come quello Sabbio Chiese e Odolo. A Storo solo delle limitazioni
Aggiornamento ore 14.30



03/03/2019 09:24:00
Sale l'attesa del Carnevale La tradizione più caratteristica del carnevale in Valle Sabbia è sicuramente quella di Bagolino e Ponte Caffaro, dove negli ultimi due giorni del periodo carnevalesco entrano in scena i balarì

09/02/2020 09:58:00
Voci del Carnevale, lascia fare alle donne Si è conclusa giovedì 6 febbraio a Bagolino l'ottima iniziativa del Gruppo "Voci del Carnevale", dedicata al "Saper fare del passato" e articolata in quattro serate tematiche relative alle competenze femminili e maschili sulla tradizione del carnevale



Altre da Bagolino
30/03/2020

Annullato il Grand Prix di corsa in montagna

A causa dell'emergenza sanitaria in corso salta la competizione di corsa in montagna che riuniva sei gare podistiche. Restano in programma singolarmente solo le ultime quattro competizioni


23/03/2020

Limitazioni al transito sul Caffaro

Un'ordinanza provinciale prevede il divieto di transito ai veicoli che pesano più di 40 tonnellate. E per tutti la distanza di 30 metri un veicolo dall'altro. «Decisione unilaterale» lamenta il sindaco di Storo. E ci sarebbero dubbi sulla effettiva possibilità di controllare i carichi


19/03/2020

Orario ridotto alla Rurale

Mantenere la continuità del servizio ottemperando alle disposizioni sull’emergenza, nel rispetto di operatori e clienti. Così si è regolata la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Ecco gli orari delle filiali valsabbine e della Valle del Chiese in vigore da questo giovedì


16/03/2020

Un contagiato anche a Bagolino

Dieci nuovi casi ieri, che portano il numero delle persone infette a settanta. La Valle Sabbia, insomma, almeno facendo riferimento a quel che accade nel resto della Provincia, sembra reggere meglio di altre zone all’onda d’urto del virus

13/03/2020

Andrà tutto bene, ce la faremo

Anche a Bagolino l'iniziativa è piaciuta e il Gruppo Oratorio ha rivolto un invito ai ragazzi per la realizzazione degli arcobaleni con un messaggio di ottimismo e augurio per tutto il Paese

12/03/2020

Morire col virus, a 53 anni

Si è spento Adriano Foglio, origini bagosse e residenza vestonese. Lo scorso 3 marzo era stato ricoverato all’ospedale di Desenzano con una polmonite


09/03/2020

Dogana rediviva... per un'ora

Fra le 14 e le 15 di domenica 8 marzo l'impressione era che a Ponte Caffaro fosse stata ripristinata la dogana fra Italia ed Austria. Esperienza che potrebbe ripetersi


07/03/2020

Istituto comprensivo di Bagolino, pronti per la didattica online

Anche gli istituti scolastici della Valle Sabbia stanno adottando in questi giorni le modalità di insegnamento telematico, per il quale avevano già gli strumenti, come nel caso delle scuole dell’alta valle

03/03/2020

Tanta neve, in forse lo Sleddog

Nevicata copiosa in montagna e anche al Gaver, dove la garanzia di proseguire con le sciate e le ciaspolate fino a Pasqua si scontra con le recenti norme sanitarie. In forse il Campionato di Sleddog atteso per domenica prossima


26/02/2020

Nonno Ilario, morto sotto l'albero

L'hanno trovato alcune ore dopo, morto schiacciatosotto il tronco di un piccolo abete che lui stesso aveva tagliato. A Ponte Caffaro, in via Quadri III


Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia