Skin ADV
Sabato 04 Aprile 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Lago d'Idro

Lago d'Idro

by mf



02.04.2020 Vestone

03.04.2020 Vobarno

02.04.2020 Pertica Bassa

03.04.2020 Prevalle

02.04.2020 Sabbio Chiese Valsabbia

02.04.2020 Valsabbia

03.04.2020 Gavardo

02.04.2020 Valsabbia Provincia

03.04.2020 Gavardo Valsabbia

03.04.2020 Casto Lavenone



25 Febbraio 2020, 07.35
Bagolino Valsabbia
Coronavirus

«Ci hanno trattati come delinquenti»

di val.
In barba ai divieti, soprattutto domenica, ma anche il lunedì, Bagolino ha fatto il pieno di gente e di "assembramenti". Bloccate sul nascere le danze di una trentina di balarì "dissidenti"

«Hanno voluto mantenere lo “sporchess” e hanno impedito la parte più bella del Carnevale. Così davvero non va bene. Così non si fa».
E’ lo sfogo amaro di un balarì, uno dei dissidenti fra quelli che ieri mattina hanno provato a ballare fra le piazzette e gli slarghi di Cavrìl.

Una trentina in tutto, sui cento e passa che fanno parte della Compagnia, i rappresentanti della parte “nobile” del Carnevale bagosso che non hanno voluto fare ascolto ai “capi”, i quali invece, “obtorto collo”, avevano accettato l’ordinanza comunale che vietava le manifestazione folkloristiche su tutto il territorio comunale.

«Abbiamo fatto un paio di ballate e subito sono arrivati degli agenti a farci smettere, costringendoci a toglierci la maschera per poter essere identificati – ci ha raccontato il dissidente -. Un altro paio di ballate le abbiamo potute fare in un cortile privato, perché a quanto pare lì era consentito.
Poi siamo saliti poco più su per la contrada e quando abbiamo ricominciato a danzare sono arrivate due auto dei carabinieri, coi militari a disperderci e a dirci che rischiavamo la denuncia penale. Ci hanno trattati come delinquenti».

Gli amministratori e le forze dell’ordine
non avevano scelta e non avrebbero potuto comportarsi diversamente. Sappiamo infatti che con le ordinanze ministeriali, regionali, poi anche della Prefettura, c’è davvero poco margine di discussione.

Ciò che si è visto domenica e poi lunedì a Bagolino, ad ogni modo, è stata una rappresentazione dell’assurdo.
Se le ordinanze che si sono susseguite fin dalla tarda mattinata di domenica avevano lo scopo di evitare assembramenti anti coronavirus, infatti, da queste parti non sono servite ad un bel niente.

Per tutta la giornata di domenica
nelle piazze, ma anche nei vicoli bagossi, si è registrato il tutto esaurito: di ragazzi soprattutto, mescolati a qualche màscher, alcuni dei quali tristemente dediti allo sballo alcolico.

A nulla è valsa l’ordinanza emanata verso mezzogiorno della domenica di divieto per gli estranei di fare ingresso a Bagolino, quando ormai il paese era già pieno di gente.

A nulla è valsa quella successiva che ha previsto la chiusura dei bar alle 18, visto che poi si sono aperte le taverne private e le case.
A poco o niente i posti di blocco istituiti dai Vigili agli ingressi del paese per evitare che a Bagolino arrivassero altre persone.

Orde di ragazzi e di ragazzini, infatti, hanno continuato ad imperversare fino a notte fonda e a nessuno di loro, a quanto pare, è mancato l’alcol necessario ad esagerare con la baldoria.
Così anche nella giornata di ieri, con le vie affollate come se le ordinanze non fossero mai state emanate.

Insomma: l’unico assembramento che le forze dell’ordine sarebbero riuscite ad evitare con successo, sono state le esibizioni dei sonadùr e le danze dei balarì.

Nemmeno la guerra
era riuscita ad interrompere il Carnevale bagosso, che ha più di 500 anni. C’è riuscita la paura del coronavirus.

-----------------------------------------------
Rettifica:
Abbiamo scritto che a bloccare le danze dei balarì "dissidenti" ad un certo punto era stata la polizia Provinciale.
Si tratta di un'informazione errata: ci assicurano dal comando della Provinciale, infatti, che al lunedì fra la mattina e il mezzogiorno nessuno di loro era in sevizio a Bagolino.
Ce ne scusiamo con i diretti interessati e coi lettori.
Ubaldo Vallini


Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
23/02/2020 12:43:00
Sospeso il carnevale a Bagolino e in altri Comuni A causa dell'infezione da Coronavirus, a tutela della salute pubblica, sono stati annullati anche il Carnevale di Bagolino, così come quello Sabbio Chiese e Odolo. A Storo solo delle limitazioni
Aggiornamento ore 14.30



24/02/2020 16:40:00
Sospeso anche il Gran Carnevale Dopo la decisione della Provincia Autonoma di Trento di sospendere le manifestazioni legati al Carnevale, non si svolgerà neanche quello di Storo

29/02/2020 08:55:00
Quel che resta del Carnevale Sappiamo come è andata a finire, il carnevale a Bagolino e Ponte Caffaro c'è stato e non c'è stato, perché l'ordinanza regionale è stata solo parzialmente rispettata...

19/02/2015 07:00:00
«Alcuni giudizi che non vorrei dare» Eccoci qui, al mercoledì dopo le “Santissime Feste” del Carnevale di Bagolino, del carnevale dei Bagossi, del nostro carnevale

16/02/2020 07:33:00
Il Carnevale dei bambini, imparare per crescere C'è un aspetto del Carnevale di Bagolino che lo caratterizza e lo distingue da altre manifestazioni consimili...



Altre da Valsabbia
03/04/2020

Quattro ventilatori all'ospedale di Gavardo

Sono quelli messi a disposizione dalla Cassa Rurale nel contesto delle iniziativa messe in campo per la situazione di emergenza. In arrivo per chi ne ha bisogno anche 5 mila mascherine

02/04/2020

Le urgenze sono tante, serve gioco di squadra

Passano i giorni di questa quarantena forzata e si cominciano a vedere parecchie problematiche che emergono in tutta lo loro crudezza

02/04/2020

Anche la Pasqua senza fedeli

Anche i riti della Settimana Santa, del Triduo pasquale e le celebrazioni pasquali saranno quest'anno in tono minore, senza la presenza del popolo. Le disposizioni della diocesi per le parrocchie


02/04/2020

Canoni idrici, quota più alta per la montagna lombarda

Pirellone approva modalità di assegnazione derivazioni idroelettriche. Massardi (Lega): “Resa giustizia ai territori di montagna, con l'obiettivo di trattenere più risorse possibile in loco”

02/04/2020

Consegna a domicilio

Il Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese, in questi giorni in cui a tutti è chiesto di starsene a casa, effettua consegne della spesa (minimo 30 euro) anche direttamente al vostro domicilio

02/04/2020

Conte proroga le restrizioni fino a Pasquetta

In una conferenza stampa da Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio ha comunicato che le restrizioni continueranno fino al 13 aprile, poi comincerà la fase 2 con aperture graduali


01/04/2020

L'Ato chiede di sospendere il Tavolo di lavoro

La richiesta è stata indirizzata al Ministero dell’Ambiente dal presidente dell’Ato di Brescia Aldo Boifava, sulla scia delle proteste dei sindaci del Chiese, impegnati a 360 gradi nella gestione dell’emergenza sanitaria

01/04/2020

Nuova data per la Fiera di Gavardo

A causa del protrarsi dell’emergenza coronavirus, la manifestazione fieristica gavardese e valsabbina sarà spostata a settembre

01/04/2020

Contingente interforze in aiuto agli ospedali di Asst Garda

Medici e personale sanitario militare operano da questo martedì nelle strutture ospedaliere di Desenzano, Lonato, Gavardo, Leno e Manerbio

31/03/2020

Girelli, dura critica all'operato della Regione

Il consigliere valsabbino del Pd oggi nella seduta del Consiglio regionale: "Serve cabina di regia per cambiare strategia. A dispetto delle dichiarazioni, nel mondo la Lombardia è il caso pilota da non seguire"

Eventi

<<Aprile 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia