29 Febbraio 2020, 07.10
Bione Casto Mura Valsabbia
Incendio

Fiamme domate... forse

di val.

Il condizionale è d'obbligo: ieri sera, infatti, il rogo ha ripreso a distruggere sopra Mura, anche se sembrava possibile da controllare anche in orario notturno


Fiamme domate di direbbe, nel tardo pomeriggio di ieri, al terzo giorno di grande dispendio di energie, ma il condizionale è d’obbligo.
Da un momento all’altro, infatti, i focolai possono riprendere vigore.

Succede soprattutto nelle zone impervie, dove non è possibile arrivare a piedi e dove le braci possono covare a lungo sotto la cenere o i paglioni bagnati dai lanci aerei, pronte a riprendere vigore.

Nella tarda mattinata di ieri
, grazie all’intervento incessante di due canadair e di un elicottero da carico S-64, era stato estinto il fronte che imperversava fra Mura, la Pertica Alta e Marmentino, quello che aveva ripreso maggior vigore nella notte precedente.

Nel pomeriggio le raffiche di vento hanno invece dato forza a quel che restava del rogo fra il Monte Carnè e la Cocca, sulla linea di confine fra i territori di Bione e di Lumezzane.
Qui sono stati dunque dirottati i mezzi con capacità maggiore, a dare manforte ai più piccoli elicotteri della regione capaci di rovesciare sulle fiamme “solo” sei quintali d’acqua per volta, finchè non hanno avuto ragione del rogo.

Ieri sera col buio però
, la prima sorpresa: fra l’abitato di Mura e la sua Corna, in tutta evidenza, fra lo sconforto di molti, ecco il fuoco riprendere vigore.

«Dovremmo farcela a contenerlo» l’indicazione consolatrice di chi ieri ha diretto senza sosta le operazioni: «Sopra, a destra e a sinistra, il terreno è già bruciato. Di sotto la montagna è tagliata da un sentiero dove i volontari possono in relativa sicurezza controllare le fiamme, anche se c'è buio».

Insomma, se va bene ci sono voluti tre giorni di intenso lavoro per domare i due roghi distinti sviluppatisi fra Valsabbia e Valtrompia, uno a nord e l’altro a sud-ovest dell’abitato di Casto, con le squadre dell’Antincendio boschivo e dei Vigili del fuoco che hanno dimostrato grandi capacità di gestione delle operazioni.

Ad andare in fumo, secondo una prima ed approssimativa stima, non solo 200 ettari di territorio, ma anche centinaia di migliaia di euro necessari per sostenere la macchina dell’emergenza.




Vedi anche
10/02/2020 09:01:00

Fiamme sul crinale Un incendio boschivo al confine fra la Valtrompia e la Valle Sabbia, alle spalle di Alone, ha ridotto in cenere un ettaro di “paglioni” e ceduo degradato

21/01/2007 00:00:00

In fumo i boschi tra Valsabbia e Valtrompia Oltre cento ettari in fumo; novanta uomini impegnati; tre elicotteri, cui si sono aggiunti due Canadair. Sono i numeri del vasto incendio che dal primo pomeriggio di venerdì ha interessato due versanti montani: a Lodrino in zona Nasego e Cavada

04/04/2016 13:11:00

Brucia la montagna fra Alone e Lodrino Sul posto stanno operando un elicottero giunto da Curno, i volontari dell'antincendio boschivo della Valle Sabbia e i vigili del fuoco di Gardone Valtrompia.
Aggiornamento ore 17

29/11/2015 00:22:00

Brucia la casa, muore d'infarto Un uomo di 74 anni, residente a Gardone Valtrompia, è morto per infarto mentre un violento incendio stava devastando la sua cascina, nei boschi sotto Livemmo di Pertica Alta. Aggiornamento ore 11:30

31/03/2015 00:29:00

Fiamme sulle Coste Le operazioni di spegnimento delle fiamme divampate sul Colle di Sant'Eusebio, hanno richiesto persino la chiusura della Provinciale
• Photogallery



Altre da Valsabbia
08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

08/07/2020

Sanità, Girelli: «Un voto che vale una sfiducia a Gallera»

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd con primo firmatario il consigliere regionale valsabbino del Pd che chiede trasparenza sui fondi pubblici dati ai privati

08/07/2020

L'arte in Valle Sabbia: valutazioni critiche e nuove prospettive

Quarta e ultima puntata della serie dedicata all’arte e cultura nel bresciano a cura di Giovanni Baronchelli stavolta dedicata all’ambito artistico valsabbino moderno e contemporaneo
• VIDEO

07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Marcellina Bertolinelli nuovo presidente del Rotary Valle Sabbia

Il sodalizio per il nuovo anno sociale sarà guidato da una donna, dottore agrario e docente presso l’Università di Milano. Il presidente internazionale è Holger Knaack con il motto “Il Rotary crea opportunità”

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

07/07/2020

Cassa Rurale, i passi verso la fusione

Presentato l'assetto della nuova banca di credito cooperativo che nascerà con la fusione della Cassa Rurale Adamello nella Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella: nuova governance, un periodo di transizione di tre anni, cinque territori con altrettanti Gruppi Operativi Locali per gestire la mutualità

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

06/07/2020

Controlli notturni della Locale

Sanzioni per sorpassi azzardati e superamento dei limiti di velocità, tre patenti ritirate per guida in stato d’ebbrezza e una vettura sequestrata: è il bilancio di una notte di controlli della Locale della Valle Sabbia