24 Maggio 2020, 08.30
Eppur si muove

Il cammino fino al tramonto

di Leretico

La paura è uno dei sentimenti umani più difficili da gestire. Emerge dalle profondità dell’inconscio, si impadronisce di noi e spesso non riusciamo a contrastarla adeguatamente.


Le strategie che riusciamo ad attivare per vincere la paura, che a volte ci invade senza preavviso, possono essere tutte riunite sotto un unico termine: il coraggio.

Il coraggio è lo scudo opposto dalla ragione alla tempesta provocata dalla paura, è la risposta al blocco che essa provoca in noi quando raggiunge estremi livelli.

L’epidemia di Covid-19 che ci ha colpito duramente in questi ultimi mesi, ha proiettato la paura nel nostro io in mille modi diversi, come la luce in un caleidoscopio. Le immagini che hanno riempito i nostri occhi in queste settimane di “clausura”, hanno rinforzato la sensazione di insicurezza e di impotenza di fronte al pericolo della morte.

Quando ci fu l’influenza spagnola, tra il 1918 e il 1920, la nera signora portò via milioni di persone, nel silenzio generale del potere politico, impegnato a nascondere e minimizzare.

Le cose, dopo un secolo esatto, non sono per niente cambiate.
Nonostante le dimensioni del contagio dell’influenza spagnola siano state, a quel tempo, di gran lunga più ampie e drammatiche, con il Covid-19 siamo rimasti ugualmente spiazzati, frastornati.

La paura è la stessa di allora, il coraggio e la speranza di superare indenni il pericolo fatale, sono altrettanto forti. E tuttavia la pandemia del 2020 porta con sé qualcosa di diverso, qualcosa di più complesso rispetto al passato, non foss’altro che per la maggiore complessità della società odierna.

Siamo cresciuti e siamo stati educati nella fede quasi assoluta nella Scienza. Quando abbiamo capito che la terra girava intorno al sole, dopo secoli che era stato detto il contrario; quando siamo riusciti a superare l’illusione che fosse il sole a muoversi e noi fermi a scrutarlo; proprio allora, nel momento in cui ci siamo ricordati della storica frase «Eppur si muove» di Galileo, in quel preciso momento abbiamo iniziato a credere nella potenza della Scienza e nella sua promessa di immortalità.

Abbiamo abbandonato la potenza di Dio per diventare, chi più chi meno, adepti della nuova potenza, predicando il futuro ineguagliabile della nuova promessa.

E così le chiese, piano piano, si sono svuotate, mentre altri riti e altri miti hanno attratto le persone: quelli della velocità, quelli della conquista dello spazio, quelli televisivi, quelli della grande rete telematica, quelli del transumanesimo.

Sappiamo, dunque, che il cuore dei popoli è tutto per la Scienza e per il suo apparato tecnologico. Sappiamo che nessuno, oggi, si sognerebbe mai di sostituire una visita medica con una preghiera al santo protettore. Eppure, in questi giorni di pandemia qualcosa si è rotto. La fede assoluta nell’efficacia della Scienza si è incrinata.

Qualcosa è davvero cambiato nel nostro sguardo, nelle nostre coscienze, anche se per molti, per quasi tutti, una volta che si saranno lasciati alle spalle il peso di questo periodo, tutto tornerà come prima, torneranno gli stessi errori, gli stessi inguaribili difetti.

La natura ha mostrato il suo volto più terribile, ha spazzato via le vite di più di trentamila persone inermi solo in Italia.

Gli ospedali non hanno funzionato, strutture insufficienti a rispondere al numero di malati. Molti, troppi, ammalati di coronavirus non hanno avuto possibilità di essere curati. Se ne sono andati così, in un soffio di vento, senza neanche un addio, spesso in sacchi di plastica anonimi.

Il paradiso della tecnica, la nuova grande promessa, nasconde dunque una crepa: la Scienza salva, d’accordo, ma non tutti. Nemmeno quelli che potrebbero permettersi economicamente qualsiasi cura sono al riparo più degli altri. Potremo mai farci una ragione di questa estrema debolezza?

Farsene una ragione significa prendere le misure dell’accaduto. Scoprire il perché, confrontare teorie, analizzare risultati e statistiche. Questi sono gli strumenti della Scienza, gli stessi che ha usato per spiegarci come si muove la terra intorno al sole e come invece il sole sta fermo in uno dei fuochi dell’ellisse che costituisce l’orbita lungo la quale la terra, appunto, si muove.

Questo è il linguaggio della Tecnica, un’organizzazione di mezzi in vista di scopi.
Se poi dovessimo cercare di descrivere l’uomo occidentale moderno sotto questa luce, non potremmo scegliere definizione migliore: egli è un organizzatore di mezzi in vista dei propri scopi utilitaristici. Non c’è quindi alcuno scarto tra uomo e Tecnica: l’uomo è Tecnica nella sua essenza.

Tuttavia, nonostante l’enorme potenza che la Tecnica, tramite la Scienza, ha fornito all’uomo come fece già Prometeo regalandogli il fuoco, essa non è stata in grado di salvare i nostri anziani, né i soggetti più deboli della nostra società.
Abbiamo subito un risveglio violento. Non che prima le persone non morissero per influenza nel mondo o per migliaia di altre malattie, ma in passato nulla scalfiva la nostra fede nella salvezza promessa dalla Scienza e dalla Medicina.

Oggi, dopo più di tre mesi di blocco, ci siamo svegliati più fragili perché abbiamo capito che nulla di assoluto c’era nella promessa pronunciata dalla Scienza.
Spinti da questa nuova inquietudine, se volessimo raggiungere una maggiore consapevolezza, potremmo andare un po’ più in profondità per capirne l’origine: ci siamo illusi, abbiamo confuso l’estrema efficacia della Scienza e della Tecnica per portatrice di verità.

Di fronte al dolore della perdita degli affetti più cari, tutto traballa, il coraggio non è più sufficiente per vincere la paura. L’unica punto fermo, in quei frangenti, può essere solo la verità, ed è proprio la verità che ci è mancata in questi ultimi tre mesi.

Quando la Scienza ci avrà dato tutto, quando null’altro avremo da desiderare nella nostra vita corporale e mortale, avremo paura di perdere ciò che con tanta fatica abbiamo raggiunto perché sappiamo che quanto abbiamo guadagnato è senza verità.

Uno scherzo della natura arrabbiata potrebbe spegnere quella luce che tanto abbiamo penato perché rimanesse accesa. La nostra protervia, la nostra arroganza potrebbe essere cancellata in un attimo.

Tuttavia, finché l’uomo crederà solo alla potenza della Scienza, non ci sarà altro cammino che egli vorrà percorrere, fino al tramonto.

Leretico



Vedi anche
02/03/2016 11:15:00

Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

19/08/2015 09:31:00

All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

01/05/2018 08:30:00

La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

28/05/2016 13:11:00

Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico

19/04/2016 07:49:00

Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno



Altre da Eppur si muove
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

12/02/2020

Paralipomeni di «Quando il pesce andava a fondo»

Leggendo la lettera del 18 ottobre 2019 che il professor Alfredo Bonomi ha scritto a Dario Collio, autore del romanzo “Quando il pesce andava a fondo”...

31/12/2019

Fuga da Matrix

Quando la nave Costa Concordia il 13 gennaio 2012 fece naufragio sull’Isola del Giglio in Toscana, Russel Rebello, un giovane indiano che lavorava a bordo come cameriere, nel piegarsi pauroso della nave sul lato di dritta, fu colpito da un pesante mobile all’interno di una cabina del ponte 8...

04/11/2019

A volte ritornano

C’è un nuovo spettro che si aggira per l’Europa? Sembra che sia davvero così: una corrente sotterranea percorre tutte le strade del vecchio continente, muove gli animi dei più suscettibili, dei più influenzabili, dei più deboli

(38)
09/07/2019

Buoni e buonisti, cattivi e cattivisti

La parola “eroe” trova la sua origine nella parola greca “eros”, quindi in qualche modo l’eroe è legato all’amore, in tutte le sue forme, osiamo dire

(6)
24/05/2019

Solo nella follia si mostra la verità

Suonano così le parole di Miguel de Cervantes nel “Secondo Don Chisciotte”, al capitolo XLII...

(1)
25/01/2019

Giornata della memoria: il coraggio di essere uomini

Da alcuni anni sono sulle tracce di Telesio Interlandi, come lo fu a suo tempo Leonardo Sciascia. Il caso del questore Manlio Candrilli

(5)
05/01/2019

Un pensiero invadente

C’è un pensiero che continua ad affiorare alla mia coscienza come gli occhi di una rana che spuntano a pel d’acqua prima di salire, cianciante e giuliva, su una larga foglia nello stagno.

(2)
17/11/2018

Di contraddizione in contraddizione

Quando scrivo: “il rosso non rosso” cosa appare? Appare la contraddizione. Se dicessi che non appare nulla, negherei che “il rosso non rosso” sia stato scritto. Eppure, è lì da vedere, l’ho appunto scritto. Così anche in politica...

(112)
15/08/2018

Storia semi-seria del pelo inquietante

Un’attitudine sempre più diffusa nella società moderna, soprattutto tra i più giovani, è la lotta senza quartiere contro il pelo

(2)