Skin ADV
Domenica 16 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



24 Febbraio 2019, 08.00

Blog - Figurine di Provincia

Benny English

di Luca Rota
Altro giro, altra figurina, sempre “inglese”, di quelle volate Oltremanica a giocarsi chance e futuro.

Benito Carbone è una delle tante promesse prodotte dal nostro calcio intorno alla fine degli anni 80. Esordisce diciottenne in A nel Torino, prima di ritornare nella sua Reggio Calabria a farsi le ossa in B.

Dopo Casertana e Ascoli, sempre in cadetteria, il Toro decide che è arrivato il momento di lanciarlo nel massimo campionato. I tempi sono maturi ed i risultati saranno ottimi. Dopo una sola stagione lo acquista la Roma che però lo cede repentinamente al Napoli nell’affare Fonseca.

All’ombra del Vesuvio gli danno la 10 di Maradona, e lui la porta indosso senza sfigurare, facendo sognare il pubblico del San Paolo anche per la somiglianza fisica col Pibe de oro.

L’anno seguente lo acquista l’Inter, ma la tanto attesa consacrazione non avverrà nemmeno all’ombra della Madonnina.
Dopo una buona stagione in nerazzurro, l’inglese Hodgson decide che per la fantasia non c’è posto in squadra.

Così a 25 ann
i e dopo già diverse stagioni di buone prestazioni, trova la forza di ricominciare da zero, scegliendo come meta il campionato inglese, quella Premier League che lo adotterà per ben sei stagioni.
Sheffield Wednesday, Aston Villa, Bradford City, Derby County e Middlesbrough saranno i palcoscenici dove offrirà i suoi anni migliori al dio del calcio.
Da allora per tutti sarà Benny Carbone, l’estroso folletto dei quali i supporters inglesi si innamoreranno, ed i cui colpi faranno gridare di gioia tutti gli amanti di questo sport.

Imprevedibile come ad inizio carriera, resterà anche in terra d’Oltremanica cultore delle giocate aree, pezzo forte della casa nonostante la bassa statura. Se la palla a mezza altezza transitava dalle sue parti, state pur certi che un’acrobazia l’avrebbe indirizzata in porta, non importa come.
E come non ricordare finte ubriacanti e tiri immediati dopo aver mandato a vuoto gli avversari.

Ritornato in Italia agli inizi del terzo millennio
, con ben trentuno primavere sul groppone, si dividerà tra A e B, con sprazzi di giocate alla sua maniera, una toccata e fuga in Australia nel Sidney, e il ricordo perenne di quel talentuoso ragazzo ammirato ad inizio carriera e negli anni inglesi, soprattutto quelle nello Sheffield, dove si ebbe modo di apprezzarlo al massimo del suo splendore.

Benny Carbone, un piccolo grande number ten.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2019 08:00:00
Meglio di Roberto Carlos Tempo di Carnevale, tempo di scherzi, voluti e non, tempo di storie. La figurina “inglese” di oggi fu suo malgrado, vittima di uno scherzo di cattivo gusto.

31/03/2019 07:00:00
Il «figlio» di Zola La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

24/03/2019 08:00:00
Il figlio di papà Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.

10/05/2019 10:19:00
'U re Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud” 

10/03/2019 07:00:00
Le God L’appuntamento con gli “inglesi” trova la sua conclusione, e stavolta lo fa parlando di un numero sette dal cognome francese, dalle giocate alla sudamericana, ma inglese “vero”



Altre da Blog - Figurine di provincia
14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

30/04/2019

L'uruguagio salentino

Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

14/04/2019

Lo straniero

Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.

07/04/2019

Il "nipote" di Puskas

Ultimo appuntamento coi “figli di..”, per parlare di una figurina pienamente in attività, che ha vagato in lungo e in largo per la penisola, per poi trovare gloria altrove

31/03/2019

Il «figlio» di Zola

La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia