10 Marzo 2020, 11.18
Blog - Figurine di Provincia

Denis e gli altri di ritorno (e non)

di Luca Rota

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive


A mio avviso sarebbero da fermare campionato, coppe e quant’altro preveda la presenza di più esseri umani nello stesso luogo. Ma si sa, i business, che di gioco hanno ormai poco, mettono il guadagno davanti alla salute.

Questa rubrica decide di non fermarsi, anche e soprattutto per creare un “diversivo” in mezzo alle molteplici notizie che giornalmente ci tengono informati sulla difficile situazione attuale.

Perciò oggi inauguriamo la meta-rubrica riguardante le storie “varie ed eventuali”, e lo facciamo partendo dai moltissimi elementi, un tempo presenze fisse in serie A, oggi calcanti i campi delle categorie inferiori.

Così, se nella massima serie vediamo il ritorno di calciatori di alto livello, Ibrahimovic su tutti, le categorie inferiori non se la passano certo male, essendo mete di ritorni importanti e di conferme non scontate.

In Calabria, sponda ionica, troviamo Maxi Lopez, ormai ai margini della rosa pitagorica, che tra infortuni e presenze col contagocce, a 36 anni e dopo gli ultimi anni trascorsi in Brasile nel Vasco da Gama, ha provato a dire la sua con la maglia del Crotone in B, ma con scarsi risultati.

Decisamente più temerario è stato il ritorno del “Tanque” German Denis, oggi 39enne, anche lui in Calabria, ma più giù, sia geograficamente che di categoria, in C nell’ambiziosa Reggina con la quale ha già messo a segno dieci reti.

Campionato quello di C, dove troviamo molte ex glorie della scorsa decade, con Reginaldo che è proprio il cambio di Denis in amaranto, Llama che è tornato a Catania dopo sette anni, e capitan Biagianti che, parentesi livornese a parte, dagli etnei non è mai andato via.
Sempre nell’ex Lega Pro milita Francesco Lodi, fino a dicembre anch’esso sotto le pendici dell’Etna, ora impegnato coi colori alabardati della Triestina dove serve assist per il redivivo coetaneo Pablo Granoche.

In Toscana troviamo due intramontabili come Francesco Tavano e Massimo Maccarone, entrambi 41enni al servizio della Carrarese, mentre nella corazzata Monza allestita da Berlusconi e Galliani, figura Gabriel Paletta, oriundo azzurro nella rosa del Mondiale 2014, di ritorno dall’esperienza in Cina.

Ad Arezzo opera l’ex promessa bresciana Lorenzo Tassi, oggi 25enne, ma quasi un decennio fa accomunato per classe e colpi a Roberto Baggio, con una carriera che conta solo militanza in C.

Nell’attacco del Gozzano, fanalino di coda del Girone A, milita Vitor Barreto, ex bomber di Udinese e Bari.

A Salò giocano gli ex capitani delle Rondinelle, Marco Zambelli e Alberto Caracciolo, con Mirco Antenucci che abbandonata Ferrara e la A, guida l’attacco del Bari voglioso di ritornare ai vecchi fasti.

A Terni oltre al sempreverde Vantaggiato, troviamo l’ex laziale Diakite, con Floro Flores, tante presenze e tanti gol nella massima serie, riserva di lusso nel reparto offensivo della Casertana.

In B invece è possibile veder giocare ancora Davide Moscardelli, punta extra-barbuta in forza al Pisa, che coi suoi 39 anni siede spesso in panchina, ma rappresenta sempre un pericolo per le difese avversarie.

In conclusione una menzione speciale va a Mario Santana, che a quasi 40 anni è tornato a Palermo, quest’anno ripartito dalla D, per amore di quella maglia che ben tredici anni fa l’aveva reso una delle migliori ali della massima serie, fino a procurargli la maglia dell’Albiceleste.

Un brutto infortunio ne ha però stoppato
la stagione, e a lui va l’augurio di un pronto ritorno, sperando che campionati ed esistenze non debbano più in futuro preoccuparsi di fermarsi o no per via di cause più grandi di loro, ma che se necessario, lo facciano senza fiatare.

Perché il calcio è un gioco, il più bello del mondo, ma resta sempre e solo un gioco. Perciò ricordiamocelo, o per meglio dire, ricordiamolo a chi di dovere.




Vedi anche
04/06/2019 15:22:00

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

29/01/2020 09:46:00

Scarpa d'oro Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione

16/02/2019 13:00:00

Pennellone Continua il meta-percorso a tinte british di Figurine di Provincia, e lo fa parlando di chi per primo fece ciò che mai nessun altro calciatore italiano aveva fatto: giocare in Premier League 

17/12/2017 16:15:00

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

23/03/2020 10:58:00

La prima donna Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei



Altre da Blog - Figurine di provincia
30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

28/02/2020

The corner kicker

Tanti anni fa, guardando “90° minuto” in tv, assistetti ad un gol di Roberto Baggio particolarmente estroso, che mio zio passando di là definì “alla Palanca”

10/02/2020

Il ribelle

Proseguendo sul filone delle storie “d’altri tempi” delineiamo un profilo sui generis, mediano e militante politico che ha calcato i campi della serie A per una sola stagione (con sole 21 presenze) negli anni Settanta