Skin ADV
Lunedì 14 Ottobre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






17 Marzo 2019, 07.13

Blog - Figurine di Provincia

Il (non) figlio di papà

di Luca Rota
Terminata l’esperienza dedicata agli “inglesi”, ecco un nuovo meta-percorso, un viaggio tra la fantasia, l’estro, la malinconia, la vita sportiva e non dei “figli di..

A fare da apripista una figurina carismatica, un profilo calcistico di alto spessore con alle spalle una storia importante, nell’anima un’umiltà favolosa, nelle gambe tanta gavetta e nel cuore una sola grande delusione.

Daniele Conti è ciò che in gergo si definisce “figlio d’arte”, ma forse è stato molto di più.
Figlio di Bruno, storico numero sette della Roma e campione del Mondo a Spagna ’82, somiglia moltissimo al padre nella fisionomia, ma ne diverge nella posizione occupata in campo.

Si affaccia nel grande calcio dopo una lunga trafila nelle giovanili giallorosse, e l’esordio all’Olimpico a soli 17 anni è di quelli indimenticabili: gol, esultanza sfrenata sotto la curva di casa e cartellino rosso.

Tutto ciò potrebbe far pensare ad un predestinato, un “romano romanista” pronto a difendere la causa della Lupa vita natural durante. Spesso però il dio del calcio gioca brutti scherzi; così la Roma dopo averlo tenuto in naftalina per altre due stagioni, nell’estate del 1999 lo presta a Cagliari.
Sarà proprio in quel momento, e per via di quel prestito, che la sua carriera cambierà. Nemmeno Daniele però lo sa che il biglietto per la Sardegna è di sola andata.

Abbandonata la città eterna e la serie A, prende la maglia numero 5, arretrando il proprio raggio d’azione dalla trequarti fin davanti alla difesa, ed accettando la B come condizione temporanea. 
A Cagliari rimarrà per ben sedici stagioni, diventandone capitano, uomo simbolo e fulcro di un gioco che nonostante i cambi in panchina, non lo vedrà mai fuori dai progetti.

Le sue prestazioni in campo lo consolideranno come uno dei migliori registi della massima Serie, in più segnerà diversi gol, di testa negli inserimenti in area, e su punizione (specie quelle a due) di potenza.
A differenza del padre non verrà ai convocato in azzurro (sarà solo azzurrino), nonostante a più tornate lo avrebbe meritato.

La corte di club più blasonati non esiterà a tentarlo, ma Cagliari e la Sardegna saranno la sua seconda casa, o probabilmente diventeranno la prima dato che ancora oggi lavora per quei colori.

Lui che da (non) figlio di papà lasciò Roma ed il giallorosso
- che mai troppo lo rimpiansero - per conquistare a suon di gioco e di intensità, l’affetto di una tifoseria, di una città e di una regione intera.

D’altronde “Nemo propheta acceptus est in patria sua”.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/06/2018 06:06:00
Il Catania “argentino” C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

19/05/2019 08:00:00
Il portiere di Zeman Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

16/02/2019 13:00:00
Pennellone Continua il meta-percorso a tinte british di Figurine di Provincia, e lo fa parlando di chi per primo fece ciò che mai nessun altro calciatore italiano aveva fatto: giocare in Premier League 

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...



Altre da Blog - Figurine di provincia
09/10/2019

'U picciriddu

Le storie al gusto “d’Oriente” lasciano spazio alle nuove rubriche, raccontando del più giovane esordiente e marcatore della J. League giapponese

21/09/2019

Il samurai

Nuovo appuntamento, vecchie storie, sempre al gusto “d’Oriente”, che raccontano di traiettorie velenose provenienti da calci da fermo, di sinistri paragonabili a sentenze, di accelerazioni improvvise e di tanto altro.

07/09/2019

Il talentuoso

In principio fu Hidetoshi Nakata, col cognome da leggersi con l'accento sulla "a" finale

18/08/2019

Il giustiziere

Dopo il filone dedicato ai "guerrieri" è la volta di spostarsi in direzione est, per raccontare storie che hanno il sapore "d'Oriente"

03/08/2019

Guerrieri (pt. 4)

Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

23/07/2019

Guerrieri (pt. 3)

La leggenda vuole - anche se questa leggenda non è – che, appena arrivato al Milan, Sacchi avesse suggerito a Baresi di guardare come giocava il 6 della sua ex squadra (il Parma, nda), in modo da poter comprendere ciò che lui voleva da un libero moderno

07/07/2019

Guerrieri (pt. 2)

Quando si parla di calcio, esistono pagine tristi che non sarebbe giusto esiliare nei meandri della mente

27/06/2019

Guerrieri (pt. 1)

Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

Eventi

<<Ottobre 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia