21 Aprile 2020, 16.20
Blog - Figurine di Provincia

Il David di Montecelio

di Luca Rota

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila


La carriera di David Di Michele può essere definita in mille modi, ma di certo non noiosa. Classica seconda punta dotata di buona tecnica, all’occorrenza anche prima o esterno, univa velocità ed immediatezza in zona gol, pur non restando estraneo al sacrificio in copertura.

Di certo non si è fatto mancare nulla nei suoi oltre vent’anni di carriera. Ha giocato e segnato in C, B ed A, in Premier League, in Coppa Uefa, mentre in Champions ed in Nazionale lo ha fatto senza andare in gol. Aggiungiamoci anche una breve squalifica per calcioscommesse e persino un rigore parato, in un Lecce-Udinese di Coppa Italia del 20 novembre 2004!

L’esordio lo fece a diciassette anni, a due passi da casa nella Lodigiani, poi il Foggia e la B. Sarà però l’amaranto il colore a cui si legherà di più, comprese alcune sue sfumature (tipo il granata).

Fu proprio la Salernitana a farlo esordire in A, poi l’anno seguente l’Udinese che acquisitolo lo prestò lì dove sboccerà il suo grande amore, quella Reggina con la quale in due stagioni divenne idolo della curva come lo era stato anche in Campania.

In riva allo stretto pose le basi per il ritorno in Friuli, dove nel trio delle meraviglie con Di Natale e Iaquinta, conquistò la qualificazione in Champions dove sfidò mostri sacri quali il Barcellona di Ronaldinho, Eto’o ed Henry.

L’approdo nell’ambizioso Palermo di ritorno in A, lo vide - come già gli era capitato ad Udine -indossare l’azzurro per le sfide di qualificazione all’Europeo del 2008.

In Sicilia ritrovò anche l’Europa, giocando l’Uefa (non ancora League) coi rosanero, prima di scegliere Torino e quel granata, assieme all’amaranto sua seconda pelle.

Dopo una buona stagione in Premier League, col West Ham, il ritorno in Italia significò tornare in B, come non gli accadeva dai tempi di Salerno, sempre in maglia granata, stavolta però quella torinista.

Chi a 34 anni immaginava una carriera finita, si sbagliava di grosso. Chiuso il rapporto col club di Cairo, aiutò il Lecce a ritornare in A, diventandone il trascinatore per ben due stagioni di fila.

Alla retrocessione dei salentini, fu il Chievo ad offrirgli l’opportunità di continuare a militare in A, ma nel mercato invernale come ogni innamorato, preferì seguire il cuore, ritornando ad indossare dopo dieci anni quell’amaranto tanto amato e mai dimenticato.

A Reggio Calabria si consumò il suo canto del cigno, con due stagioni e mezza ed un buon contributo realizzativo, che culmineranno con la retrocessione in Lega Pro, dove restò per provare a risollevare le sorti della decaduta compagine calabrese.

Poi il ritorno a casa, a 40 anni e sempre in C, lì dove diciassettenne aveva mosso i primi passi, stavolta però segnando per la Lupa Roma - e non per la Cisco Roma (nuovo nome della Lodigiani) - i suoi ultimi gol.

Sempre lì si toglierà lo sfizio di sedersi in panchina per una stagione, prima di salutare tutto e tutti e retrocedere ancora, stavolta però con gusto e senza amarezze, andando ad allenare i giovanissimi del Frosinone.

Così da stabilirsi a due passi da casa dopo una vita da girovago, dal Piemonte alla Sicilia, passando per la Calabria, la Puglia, Coverciano ed il Friuli… senza dimenticare Londra e l’Inghilterra.



Vedi anche
04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

19/05/2019 08:00

Il portiere di Zeman Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

17/03/2018 08:24

Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

03/11/2017 13:37

L'uomo della trequarti Anni Novanta, primi anni Novanta. I gloriosi Anni Novanta del calcio italiano...



Altre da Blog - Figurine di provincia
07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive