Skin ADV
Lunedì 20 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






07 Febbraio 2019, 09.00

Blog - Figurine di provincia

Il Giggs italiano

di Luca Rota
Poiché anche le “figurine” si raggruppano in sottoinsiemi, nei prossimi numeri ne dedicherò diversi a differenti tipologie. Il primo di essi è dedicato agli “inglesi”, parte di quella nutrita flotta di calciatori di casa nostra espatriati in Premier League

Se i più famosi furono Berti, Eranio, Zola, Vialli, Di Matteo e Ravanelli, ebbene non furono i soli a lasciare l’allora grande serie A per la Premier. 
Gabriele Ambrosetti fa il suo esordio nel Varese, allora militante in C2, diventando prima professionista poi maggiorenne. Gioca da seconda punta, è veloce e ha i colpi giusti.
  
Così si mette in mostra facendosi notare dal Brescia, dove gioca la sua prima stagione in B e ad appena 20 anni conquista la promozione, guadagnandosi l’esordio nella massima Serie.
A gennaio però verrà rispedito in B, a Venezia, per poi fare nuovamente ritorno a Brescia e infine raggiungere quella che risulterà essere la sua meta: Vicenza.
 
Lì tramutato in ala sinistra da Guidolin, farà faville offrendo dribbling, assist, emozionanti discese sulla fascia e gol. In quattro stagioni coi biancorossi assaporerà la gloria delle prime posizioni di classifica, vincerà la Coppa Italia e sognerà insieme a tutta la squadra nell’avventura di Coppa delle Coppe.
 
È difficile che nessuno si accorga di lui date le prestazioni, ma mentre si aspetta qualche big italiana, una delle “sette sorelle”, sarà proprio il Chelsea, giustiziere del Vicenza in semifinale di Coppa delle Coppe, ad ingaggiarlo.
 
A ventisette anni, età considerata di maturazione effettiva per un calciatore, si aprono per lui le porte della Premier League.
Gianluca Vialli, allora giocatore/allenatore dei blues, lo presenterà entusiasta alla stampa come il “Giggs italiano”. Ma il paragone con il più famoso collega gallese non gli porterà bene.
 
Concluderà la sua prima stagione a Stamford Bridge con sole sedici presenze, senza essere troppo partecipe dei successi in FA Cup e nel Charity Shield. Riuscirà persino a segnare una rete in Champions League, ma un brutto infortunio e le conseguenti prestazioni non all’altezza del suo normale rendimento, ne causeranno il ritorno in Italia l’anno seguente. 
 
Ad accoglierlo sarà il Piacenza, prima in B e l’anno seguente in A. Dopo una brevissima parentesi nel suo Vicenza farà nuovamente ritorno a Londra, dove nel frattempo si è insediato Ranieri, ma non riuscendo più ad essere quello che era stato sulla fascia sinistra del Menti, verrà nuovamente rispedito in patria, sempre a Piacenza.
 
Poi poche altre stagioni in C1 nella Pro Patria, prima di dire basta.
 
Nel Regno Unito ci ritornerà diversi anni più tardi, nello staff di Guidolin allo Swansea, ma anche quell’esperienza durerà poco e finirà non proprio bene. Di lui resterà per sempre il ricordo degli anni vicentini, dove si ebbe modo di ammirarne la vera forza, l’eleganza e la potenza delle sue progressioni sulla fascia, i tiri a convergere dall’esterno, gli assist e la generosità al servizio dei compagni.
 
Non a caso Vialli lo aveva definito “Il Giggs italiano”.  
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/02/2019 13:00:00
Pennellone Continua il meta-percorso a tinte british di Figurine di Provincia, e lo fa parlando di chi per primo fece ciò che mai nessun altro calciatore italiano aveva fatto: giocare in Premier League 

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

28/12/2018 08:00:00
Il più anziano in assoluto Oggi parliamo del più anziano calciatore in assoluto ad essere mai sceso in campo, per giunta ancora in attività, nonché vecchia conoscenza del calcio italiano.

22/05/2018 08:55:00
Un grande capitano Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 



Altre da Blog - Figurine di provincia
19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

30/04/2019

L'uruguagio salentino

Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

14/04/2019

Lo straniero

Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.

07/04/2019

Il "nipote" di Puskas

Ultimo appuntamento coi “figli di..”, per parlare di una figurina pienamente in attività, che ha vagato in lungo e in largo per la penisola, per poi trovare gloria altrove

31/03/2019

Il «figlio» di Zola

La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

24/03/2019

Il figlio di papà

Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta. (2)

17/03/2019

Il (non) figlio di papà

Terminata l’esperienza dedicata agli “inglesi”, ecco un nuovo meta-percorso, un viaggio tra la fantasia, l’estro, la malinconia, la vita sportiva e non dei “figli di..

10/03/2019

Le God

L’appuntamento con gli “inglesi” trova la sua conclusione, e stavolta lo fa parlando di un numero sette dal cognome francese, dalle giocate alla sudamericana, ma inglese “vero”

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia