Skin ADV
Venerdì 23 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






24 Marzo 2019, 08.00

Blog - Figurine di Provincia

Il figlio di papà

di Luca Rota
Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.

Se scrivo presidente della federazione calcistica, capitano e punta della nazionale, capitano e uomo simbolo dell’Al Ittihad, o mi starò riferendo ad un genio tuttofare, talentuoso e carismatico, o semplicemente sto parlando di Saadi Gheddafi.

Aggiungici anche diversi incarichi di governo (che guarda caso era in mano a suo padre), la quasi totale influenza nelle convocazioni della squadra nazionale e nel suo club, ed ecco che ti ritrovi davanti il vero identikit del figlio di Mu’ammar Gheddafi, con la passione per il calcio.

Di lui in Italia si ricordano due brevissime apparizioni - entrambe di una presenza - con le maglie di Perugia e Udinese, unite ad un passaggio alla Sampdoria senza mai giocare.

Inoltre è stato azionista di minoranza della Juve prima della caduta del regime del padre, ma non il primo libico a giocare in Italia.
Prima di lui Jehad Muntasser aveva rappresentato i colori del proprio paese in casa nostra, vestendo le maglie di Viterbese, Triestina e Perugia tra le altre.

La differenza tra i due però è che Muntasser calciatore professionista lo è stato, mentre Saadi Gheddafi lo si potrebbe definire un amatore, per giunta scarso, o per meglio dire, un vero e proprio figlio di papà che per anni ha gestito convocazioni e scelte federali, punendo in modo infame chi non ubbidiva.

Perché non bastano la passione, il potere, i milioni e nemmeno l’arroganza per comprare il talento, e ad oggi anche Saadi forse lo sa.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80105 - 24/03/2019 18:52:24 (mananto)
È stata una pagina da dimenticare del calcio moderno. Per di più gli venne fatto tirare un calcio di rigore con obbligo al portiere avversario di tuffarsi dalla parte opposta. Seguo con interesse tutte le squadre italiane eccetto l'Udinese per i motivi riportati nel post. Che retrocede lasciando il posto al Brescia


ID80170 - 28/03/2019 11:55:00 (Luca_Rota)
Concordo in pieno! Non ricordo la scena del rigore, ma fu comunque una vergogna vedere un individuo del genere calcare i campi della serie A. Purtroppo il denaro può questo ed altro.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

03/08/2019 07:37:00
Guerrieri (pt. 4) Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti



Altre da Blog - Figurine di provincia
18/08/2019

Il giustiziere

Dopo il filone dedicato ai "guerrieri" è la volta di spostarsi in direzione est, per raccontare storie che hanno il sapore "d'Oriente"

03/08/2019

Guerrieri (pt. 4)

Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

23/07/2019

Guerrieri (pt. 3)

La leggenda vuole - anche se questa leggenda non è – che, appena arrivato al Milan, Sacchi avesse suggerito a Baresi di guardare come giocava il 6 della sua ex squadra (il Parma, nda), in modo da poter comprendere ciò che lui voleva da un libero moderno

07/07/2019

Guerrieri (pt. 2)

Quando si parla di calcio, esistono pagine tristi che non sarebbe giusto esiliare nei meandri della mente

27/06/2019

Guerrieri (pt. 1)

Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia