19 Maggio 2019, 08.00
Blog - Figurine di Provincia

Il portiere di Zeman

di Luca Rota

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A



Siamo in Puglia, intorno alla fine anni Ottanta. A Foggia arriva dalla Sicilia un tecnico boemo, fautore di un gioco spettacolare, che porterà da lì a poco tanto entusiasmo sulle gradinate dello Zaccaria.

Le sue squadre, alla pari di quelle olandesi, sono solite giocare alte, col portiere che resta in posizione di libero, affinché possa spazzare in caso di ripartenza avversaria. Il suo marchio di fabbrica è il 4-3-3, mentre lui è Znedek Zeman.

L’unico problema è che il gioco all’italiana non ha mai previsto tali caratteristiche per un estremo difensore, ragion per cui sono veramente pochi quelli aventi nel dna tale propensione a stazionare fuori da pali.

Fortuna vuole però, che in quel Foggia giochi Francesco Mancini, numero uno dalla folta chioma, bravo tra i pali, coraggioso nelle uscite e secondo il boemo, in possesso del sangue freddo che durante le fasi d’attacco, lo vorrebbe lì nei pressi della lunetta.

Sarà lui il numero uno di Zemanlandia, di quella squadra che nel giro di poche stagioni farà il doppio salto dalla C1 alla A. Sarà lui il portiere di Zeman.

Dopo una vita in rossonero vivrà una breve parentesi alla Lazio (sempre al seguito del boemo), per poi ritornare in rossonero, e qualche stagione più tardi accasarsi nella “nemica” Bari.

Prima di smettere difenderà i colori del Napoli, sia in A che in B, chiudendo col calcio giocato in C1 a quasi 40 anni. Di fatto però non chiuderà mai, né col calcio né col boemo.

Qualche stagione più in là,
insieme proveranno a riportare in B il “loro” Foggia, ma i risultati non saranno quelli attesi. Il miracolo sportivo messo in piedi a Pescara però, li vedrà primeggiare tra lo stupore di tutti, dopo un torneo partito con ambizioni di salvezza, che terminerà con la promozione diretta e la vittoria del campionato.

Mancini però quella vittoria non riuscirà a vederla, perché un infarto lo porterà via poco dopo la fine dell’allenamento odierno, in una triste giornata di inizio primavera.

A fine campionato un commosso Zeman gli dedicherà quella vittoria, ricordandolo come esempio vero, di portiere, di uomo e di atleta.

Perché Franco Mancini era e sempre sarà il suo portiere, e di tutti quelli che hanno provato un brivido vedendolo volare tra i pali, o nelle uscite disperate, animando appassionatamente belle e innovative pagine di questo stupendo sport.


Aggiungi commento:
Vedi anche
04/06/2019 15:22:00

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/03/2018 08:24:00

Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

17/12/2017 16:15:00

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

07/06/2018 08:00:00

L'Italia del Mancio Roberto Mancini è l’uomo giusto per il rilancio della nostra nazionale? Giusto porci questo interrogativo proprio mentre l’età di mezzo del calcio italiano vede l’approdo in azzurro delle nuove generazioni, ampiamente fornite di talento e spregiudicatezza 

03/11/2017 13:37:00

L'uomo della trequarti Anni Novanta, primi anni Novanta. I gloriosi Anni Novanta del calcio italiano...



Altre da Blog - Figurine di provincia
17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive