Skin ADV
Mercoledì 26 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



30 Aprile 2019, 09.30

Blog - Figurine di Provincia

L'uruguagio salentino

di Luca Rota
Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

Arrivato in Puglia dal Danubio, porta in dote una media gol mostruosa e la voglia di misurarsi con le difese italiane. Alla prima stagione va in doppia cifra, si ripete l’anno seguente in B e si conferma al ritorno in A con ben diciannove centri.

I salentini lo vendono (e bene) al blasonato Monaco, dove riesce a farsi valere segnando in Champions, anche se il rendimento ne viene condizionato dagli infortuni. Nonostante ciò va in doppia cifra in Ligue 1 in entrambe le stagioni, poi viene ceduto al Siviglia.

In Andalusia gioca poco, complici sempre gli infortuni, ma vince la Coppa Uefa anche se segna col contagocce, prima di andare in prestito all’Atalanta, dove non riesce più ad esprimersi come sa.

Non c’è modo migliorare per ritrovare la perduta verve, che ritornare dove si è stati bene. Così l’anno seguente ritorna nella sua Lecce, e nonostante non sia più quel cecchino spietato che otto anni prima aveva fatto sognare il Via del Mare, il pubblico lo osanna e ripone in lui le speranze di permanenza in A.

La permanenza in giallorosso però dura solo il tempo di una stagione, poi il ritorno in Sudamerica coi colori del Colòn, dove sempre a causa dei soliti infortuni durerà poco e quando tutti credono che la sua carriera volga al termine, ecco rispuntare il Lecce, nel frattempo militante in Lega Pro.

La società lo ingaggia per far sognare ancora una volta i tifosi, delusi per la retrocessione, ma entusiasti per il ritorno del loro beniamino verso il quale rivolgono attestati d’amore.

Ma a fine stagione stranamente il contratto non verrà rinnovato, e dopo un’esperienza inglese nel Qpr e un’altra in patria col Liverpool Montevideo, Chevanton chiuderà la sua carriera agonistica nelle serie dilettantistiche della terra che lo ha adottato e della quale è fortemente innamorato: il Salento.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

24/03/2019 08:00:00
Il figlio di papà Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.



Altre da Blog - Figurine di provincia
14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

14/04/2019

Lo straniero

Abbandonati i “figli di…” ci si proietta verso nuovi orizzonti, seguendo un sentiero che ci porta fino ad una nuova sotto categoria, quella degli “ibridi”.

07/04/2019

Il "nipote" di Puskas

Ultimo appuntamento coi “figli di..”, per parlare di una figurina pienamente in attività, che ha vagato in lungo e in largo per la penisola, per poi trovare gloria altrove

31/03/2019

Il «figlio» di Zola

La figurina odierna appartiene anch’essa al filone dei “figli di…”, e si confronta con un’altra più illustre, che potremmo definire major. Ma come si sarà ben capito, qui si preferisce l’underground 

24/03/2019

Il figlio di papà

Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta. (2)

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia