Skin ADV
Domenica 07 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



30 Aprile 2019, 09.30

Blog - Figurine di Provincia

L'uruguagio salentino

di Luca Rota
Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

Arrivato in Puglia dal Danubio, porta in dote una media gol mostruosa e la voglia di misurarsi con le difese italiane. Alla prima stagione va in doppia cifra, si ripete l’anno seguente in B e si conferma al ritorno in A con ben diciannove centri.

I salentini lo vendono (e bene) al blasonato Monaco, dove riesce a farsi valere segnando in Champions, anche se il rendimento ne viene condizionato dagli infortuni. Nonostante ciò va in doppia cifra in Ligue 1 in entrambe le stagioni, poi viene ceduto al Siviglia.

In Andalusia gioca poco, complici sempre gli infortuni, ma vince la Coppa Uefa anche se segna col contagocce, prima di andare in prestito all’Atalanta, dove non riesce più ad esprimersi come sa.

Non c’è modo migliorare per ritrovare la perduta verve, che ritornare dove si è stati bene. Così l’anno seguente ritorna nella sua Lecce, e nonostante non sia più quel cecchino spietato che otto anni prima aveva fatto sognare il Via del Mare, il pubblico lo osanna e ripone in lui le speranze di permanenza in A.

La permanenza in giallorosso però dura solo il tempo di una stagione, poi il ritorno in Sudamerica coi colori del Colòn, dove sempre a causa dei soliti infortuni durerà poco e quando tutti credono che la sua carriera volga al termine, ecco rispuntare il Lecce, nel frattempo militante in Lega Pro.

La società lo ingaggia per far sognare ancora una volta i tifosi, delusi per la retrocessione, ma entusiasti per il ritorno del loro beniamino verso il quale rivolgono attestati d’amore.

Ma a fine stagione stranamente il contratto non verrà rinnovato, e dopo un’esperienza inglese nel Qpr e un’altra in patria col Liverpool Montevideo, Chevanton chiuderà la sua carriera agonistica nelle serie dilettantistiche della terra che lo ha adottato e della quale è fortemente innamorato: il Salento.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

03/08/2019 07:37:00
Guerrieri (pt. 4) Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti



Altre da Blog - Figurine di provincia
30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive


28/02/2020

The corner kicker

Tanti anni fa, guardando “90° minuto” in tv, assistetti ad un gol di Roberto Baggio particolarmente estroso, che mio zio passando di là definì “alla Palanca”

10/02/2020

Il ribelle

Proseguendo sul filone delle storie “d’altri tempi” delineiamo un profilo sui generis, mediano e militante politico che ha calcato i campi della serie A per una sola stagione (con sole 21 presenze) negli anni Settanta


29/01/2020

Scarpa d'oro

Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione


Eventi

<<Giugno 2020>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia