23 Marzo 2020, 10.58
Blog - Figurine di Provincia

La prima donna

di Luca Rota

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei


La scorsa estate, passando nei pressi del piazzale dove quotidianamente giocavo da bambino con i miei amici, mi fermai ad osservare una partita in corso. Ciò che mi colpì fortemente visionando le due squadre pronte a fronteggiarsi fu la cospicua presenza femminile in entrambe le compagini, cosa che un quarto di secolo prima (quando a giocare lì eravamo io e i miei coetanei) sarebbe stata a dir poco impensabile, forse per cattive e ghettizzanti abitudini (ai bambini il calcio, alle bambine la pallavolo) o magari per mancanza di cultura sportiva e di passione (tranne rari casi isolati).

Il calcio femminile già da tempo imperversava nella nostra penisola, ma i suoi fasti li raggiungeva nel Nord Europa e negli Stati Uniti. Non a caso i primi Mondiali di calcio femminile hanno visto primeggiare solo compagini provenienti da queste realtà calcistiche.

In Italia invece, pensando a quei tempi sportivi, si potrebbe parlare di era pioneristica, anche se a malapena oggi il professionismo inizia a muovere i primi passi, e non senza diatribe o disguidi, grazie soprattutto alle ottime prestazioni della nazionale guidata da Milena Bertolini.

C’è da dire però che di grandi calciatrici ne abbiamo già avute, come ad esempio la grandissima Patrizia Panico, centravanti azzurra anni ‘90 e Duemila, ma se dovessimo dire qual è stata la prima in assoluto a guadagnarsi lo status di fuoriclasse, non potremmo non pensare a Carolina Morace, numero dieci talentuosissima, punta di diamante della Nazionale e top player assoluta.

Basta guardare i suoi record per capire quanto grande sia stata, con l’esordio a soli 14 anni e l’incredibile numero di goal messi a segno sia in nazionale (105), che in Serie A (500). Appesi gli scarpini al chiodo, non ha mai avuto il tempo di fermarsi, guidando prima la Nazionale maggiore italiana, poi quelle canadese e di Trinidad e Tobago.

Non sono di poco conto neanche le esperienze alla guida di Lazio e Milan, se pensiamo che ancora oggi la Serie A femminile vede la stragrande maggioranza di allenatori maschi al timone delle squadre, figuriamoci vent’anni fa.

Ma la Morace ha fatto decisamente di più, diventando addirittura la prima donna ad allenare una squadra di calcio maschile, quando voluta da Luciano Gaucci alla guida della Viterbese in C1, vi approdò su finire del secolo scorso (anche se l’esperienza non fu proprio felice).

La classe, però, l’ex capitana azzurra non l’ha dispensata tutta sul rettangolo di gioco, distinguendosi anche come conduttrice televisiva del programma Galagol, in onda sull’allora Telemontecarlo (l’attuale La7), dove la sua grande competenza fece ricredere anche quelli che da sempre pensavano (e magari lo pensano ancora) che il calcio sia prettamente appannaggio degli uomini.

Perché Carolina Morace e chi come lei ama, ama questo splendido sport, ha affermato prima di tanti altri una cosa che va ben al di là del suo straordinario palmares, conquistato in più di vent’anni di carriera; e questa cosa recita che il calcio non ha sesso.




Vedi anche
04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

29/01/2020 09:46

Scarpa d'oro Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione

16/02/2019 13:00

Pennellone Continua il meta-percorso a tinte british di Figurine di Provincia, e lo fa parlando di chi per primo fece ciò che mai nessun altro calciatore italiano aveva fatto: giocare in Premier League 

17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/05/2018 08:55

Un grande capitano Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 



Altre da Blog - Figurine di provincia
07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

10/03/2020

Denis e gli altri di ritorno (e non)

Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive