Skin ADV
Mercoledì 24 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






22 Maggio 2018, 08.55

Blog - Figurine di provincia

Un grande capitano

di Luca Rota
Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

Breve storia di un team e del suo capitano, uno di quelli che affonda insieme alla nave, e che come nelle favole (sempre calcistiche), quando questa ritorna a navigare in acque che le competono, lo si ritrova fiero al timone, proprio perché non lo ha mai abbandonato.
 
Alessandro Lucarelli, fratello minore di Cristiano, tre anni or sono portava al braccio la fascia di capitano quando il già retrocesso Parma di Ghirardi, con in panca Donadoni e in campo un gruppo che fino all’ultimo secondo dell’ultimo match onorò la maglia, lasciava la massima serie dichiarando fallimento. A settembre poi fu serie D - si era nel 2015 - e l’anno seguente festeggiò l’immediata - anche se non scontata - promozione in Lega Pro. Poi un faticoso sgomitare nel pantano di frontiera che separa professionisti e dilettanti, e la scalata fino alle porte della B, sancita dalla vittoria contro l’Alessandria. 
 
Quest’anno ai nastri di partenza della B, l’inizio non è dei migliori, tanti bassi e qualche alto; poi ci si immerge in ciò che è la B, ed allora le cose prendono la giusta piega, e fanno ben sperare per la zona play-off. Il tutto sempre con Lucarelli in campo, o qualche volta in panca per riposare. Ma lui è sempre lì, è il capitano.
 
Venerdì 18 maggio, complice il suicidio sportivo del Frosinone e la vittoria per 2 a 0 sul campo dello Spezia, il ritorno nel massimo campionato è cosa fatta, a due anni e mezzo da quell’amaro addio. A settembre, quando nei calendari del massimo campionato di nuovo presente il suo Parma, la carta d’identità dirà 41 anni, e 10 saranno quelli trascorsi sull’erba del Tardini. Il campo però dirà nuovamente serie A, campionato che Alessandro ha abbandonato per scelta, nonostante l’età, nonostante le offerte.
 
Lui voleva ritornare a giocarci col Parma, dove approdò nel 2008 dopo aver girovagato per la provincia calcistica italiana, e che dalla D, venerdì 18 maggio, insieme ai suoi compagni ha riportato in A. Quando il calcio non è soltanto soldi ed affari. 
 
Breve storia di un capitano e del suo sogno sportivo. Di un grande capitano.  
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

01/03/2018 07:15:00
Capitano tuttofare Ogni storia calcistica ha un percorso a sé, e ogni carriera vive i suoi alti e bassi. Quelle di Marco Rossi e del Genoa hanno in comune molte similarità, essendo due storie di risalita, di duttilità… e di corsa

21/02/2018 08:00:00
Tenetevi il miliardo Chi direbbe di no ad un miliardo di lire? Anzi, per essere più precisi, a più di mezzo miliardo di lire. La figurina di oggi una volta l’ha fatto sul serio, e insieme al suo procuratore ci ha anche scritto un libro dal titolo omonimo 

03/03/2019 08:00:00
Meglio di Roberto Carlos Tempo di Carnevale, tempo di scherzi, voluti e non, tempo di storie. La figurina “inglese” di oggi fu suo malgrado, vittima di uno scherzo di cattivo gusto.

04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.



Altre da Blog - Figurine di provincia
23/07/2019

Guerrieri (pt. 3)

La leggenda vuole - anche se questa leggenda non è – che, appena arrivato al Milan, Sacchi avesse suggerito a Baresi di guardare come giocava il 6 della sua ex squadra (il Parma, nda), in modo da poter comprendere ciò che lui voleva da un libero moderno

07/07/2019

Guerrieri (pt. 2)

Quando si parla di calcio, esistono pagine tristi che non sarebbe giusto esiliare nei meandri della mente

27/06/2019

Guerrieri (pt. 1)

Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

30/04/2019

L'uruguagio salentino

Ernesto Chevanton di professione faceva l’attaccante, e tra i suoi segni particolari spiccavano un elevato senso del gol ed il giallorosso salentino tatuato a fuoco sul cuore

20/04/2019

L'argentino romagnolo

Figurine di Provincia festeggia la sua 50esima uscita e lo fa proseguendo il filone degli “ibridi”, presentando una figurina che ha trascorso molto più tempo nel Belpaese che nella natia Argentina

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia