02 Novembre 2019, 07.51
Blog - Genitori e figli

Hallowen, una festa da capire

di Giuseppe Maiolo

Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento


“Dolcetto o scherzetto?” il tormentone di questi giorni, è il motto globalizzato di Hallowen che ormai è ricorrenza accreditata anche da noi. Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento.

Di provenienza celtica, Hallowen serviva a rappresentare il momento angosciante della perdita e il passaggio dalla vita alla morte che, in questo periodo autunnale, la natura mostra vistosamente con la fine dell’estate e l’inizio dell’inverno dove  alla ricchezza si sostituisce la carenza delle risorse e la mancanza dei prodotti della terra.
È proprio in questo momento che la psiche incontra in maniera ravvicinata la morte, ne percepisce il contatto e si confronta con l’angoscia.

Non a caso la religione cristiana ha sostituito nello stesso periodo il culto dei morti e la festa dei santi.
Così i riti, anche quelli leggeri e scherzosi di questa tradizione, possono avere un senso se hanno la funzione di affrontare simbolicamente la morte e la paura ma anche di spiegarle e esorcizzarle.

Le tante zucche svuotate in forma di teschio che circolano servono proprio a ridurre la paura di questo avvicinamento che secondo i Celti proprio in questo momento dell’anno metteva il mondo dei vivi a contatto con quello dei morti.

Buona lezione questa. Soprattutto se usata come strumento educativo capace di permettere a grandi e piccini di fare i conti con le angosce della perdita e la necessità di trovare una linea di continuità tra passato e futuro.

Probabilmente il valore di Hallowen stava però nella narrazione che accompagnava il rito, nel raccontare antiche leggende popolari come quella di Jack, il fabbro ubriacone che in Irlanda ha ispirato la festa divenuta popolarissima negli Stati Uniti da dove l’abbiamo importata.
Storia, come tante altre, che serviva per parlare ai bambini del bene, del male e della vita che cambia. 

Narrazioni che purtroppo oggi si sono perse. Perché non si raccontano più storie di nessun tipo, e di questa in particolare è rimasto solo il gioco e lo scherzo, la struttura commerciale e quel tormentoso ritornello svuotato di ogni valore simbolico.

Resta una festa che travolge l’infanzia con la follia del mascheramento e coinvolge gli adulti solo come osservatori distratti e inconsapevoli, quando invece dovrebbero essere educatori capaci di narrare ai figli storie di vita passata che i bambini non conoscono e racconti di persone scomparse a cui dobbiamo memoria per ciò che hanno rappresentato.
Altrimenti la morte resta fuori dal ciclo dell’esistenza e non ci appartiene più. Soprattutto chi si trova a crescere in questo momento storico rischia di cogliere solo gli aspetti spettacolarizzati o banalizzati dalla cultura dei videogiochi.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it

Tag


Aggiungi commento:
Vedi anche
30/10/2017 11:50

Dolcetto o scherzetto? È tutto pronto per Halloween, la notte più paurosa dell’anno. In Valle Sabbia sono in programma diverse iniziative per grandi e piccini

05/11/2010 07:00

Holyween contro Halloween? C' chi si lamenta di Halloween, tradizionale festa americana che per non sarebbe tanto distante da certe pratiche scaramantiche tutte nostrane.

31/10/2011 08:00

Le origini di Halloween In Italia lo festeggiamo da pochi anni e forse non ne conosciamo davvero la storia, ma Halloween ha radici antichissime e venne istituito dalla Chiesa nel VIII secolo

28/10/2011 12:00

Halloween Party a Ottobre in festa L'ultimo appuntamento al Polo Fieristico Enogastronomico del Garda comincia sabato 29 per concludersi luned 31 con la festa di Halloween.

29/10/2009 16:00

Party al Plaza con ValleyBeat Valley Beat e Plaza Disco hanno organizzato un Halloween party e predisposto un bus navetta da Storo alla discoteca



Altre da Genitori e Figli
11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

04/08/2020

La scuola del dopo Covid -19

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa

27/07/2020

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani

Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato

21/07/2020

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti

La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)