26 Aprile 2020, 12.00
Blog - Genitori e figli

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

di Giuseppe Maiolo

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali


Oggi vengono narrate attraverso contatti fisici continui dove distanza e vicinanza hanno perso di significato e, forse, annullato il confine e lo spazio personale dell’intimità. Voci e sguardi, pensieri e azioni, pause e necessità individuali intrecciati a di stati d’animo ambivalenti e difficili da gestire per chiunque.

Se prima di questa clausura forzata, la relazione seguiva l’intermittenza scandita dalla giornata di lavoro degli adulti, dai tempi della scuola dei figli e dall’andirivieni delle cose quotidiane, degli interessi e dei bisogni più o meno autentici dei vari membri, adesso tutto è continuo e forzatamente costretto dentro al perimetro corto delle stanze.

Se, in nome della salute pubblica, tutto è stato sospeso all’interno di una vita domestica isolata dal mondo, non si è però, arrestato il flusso dei sentimenti e il colore turbolento e variegato dei pensieri. Anzi l’altalena delle emozioni, lo spazio dei bisogni e dei desideri di ognuno si è intensificato. Le attese e le incertezze, le inquietudini dei grandi e i loro interrogativi sul che fare ora e domani, come uscirne e quando si intrecciano alle domande dei bambini che non riescono a capire perché non si può uscire e correre, non ci sono i compagni e del parco e come mai no vengono i nonni.

Così paure e ansie degli uni e degli altri si sommano e costruiscono scenari apocalittici alimentati non poco dal bombardamento mediatico sul contagio e sulle quotidiane statistiche della malattia.

Difficile tra gli adulti parlare d’altro e problematico individuare strade personali da intraprendere o immaginare come venirne fuori. Ancora più problematico condividere con i bambini e gli adolescenti lo spazio delle emozioni altalenanti, stare con il loro sentire e accogliere le necessità senza rimuovere le nostre, accettare la turbolenza di questa attraversata comune e individuare nella ristretta realtà domestica la giusta misura di intimità insieme a una distanza adeguata che permette di non farsi del male o ferirsi troppo.

Possiamo ricordare la famosa parabola dei porcospini che ci insegna come, se pur faticosamente, sia possibile trovare una soluzione. Essa è da una reale condivisione che ci aiuta a ritrovare quella relazione di contatto fatta di cose da mettere davvero in comune. Una tra le più utili può essere quella del gioco infantile del “come se”. Ovvero la narrazione dei bambini che fingono una realtà e provano a viverla in una dimensione diversa. È un gioco magico e comune dove primeggia l’immaginario alimentato dalla fantasia che, in modo particolare si libera quando si soffre, perché, come diceva Freud “solo l’uomo insoddisfatto fantastica”.

Giocare con i bambini al “facciamo finta che…” permette di andare con loro in un mondo parallelo a quello reale in modo da vedere la realtà da un altro punto di vista. Significa stare insieme in un gioco di finzione dove la prospettiva si ribaltata in quanto il bambino cambia punto di vista, si mette da un’altra parte e inventa un altro significato alla sofferenza che dichiarata e messa in campo, può di essere contenuta o superata.

Il poter giocare con loro alla pari di un compagno, li aiuta in quel gioco delle parti e rinarrare la storia e a immaginare un finale accettabile o meno catastrofico di quello che prospettano gli adulti. Il compito del genitore sarà quello di partecipare e ascoltare, soprattutto “stare al gioco” rinunciando, almeno per un po’,  al razionale e al giudizio. Uno stare insieme che aiuta il figlio ad avere prospettiva e fiducia, ma che fa bene anche al genitore. 

Prof. Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento

www.officina-benessere.it


Vedi anche
22/06/2020 09:19:00

Le conseguenze della quarantena Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

01/03/2014 18:34:00

Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose

03/03/2020 10:49:00

Primi valsabbini in quarantena Dopo il contagio di un impiegato di un’azienda di Bione 15 colleghi, alcuni residenti in Comuni valsabbini e altri nei paesi limitrofi, si sono messi in quarantena volontaria a casa propria

08/04/2020 08:00:00

Coronavirus e genitori separati C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

09/07/2018 07:53:00

Ludopatia Il termine ludopatia è ormai diventato familiare. Se ne parla sempre di più e si insiste, meno male, sugli aspetti gravi, anzi gravissimi. La parola indica gioco che produce patologia!



Altre da Genitori e Figli
30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.

15/03/2020

Cosa fare con i bambini

Molti possono essere impauriti e allo stesso tempo disorientati. Assorbono e fanno loro l’angoscia degli adulti, ma anche faticano a comprendere quello che accade