04 Agosto 2020, 08.00
Blog - Genitori e figli

La scuola del dopo Covid -19

di Giuseppe Maiolo

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa


Per il resto non ci sono che idee da verificare che vanno dalle classi che potranno turnare ai banchi con le rotelle, dalle aule da allargare agli spazi da reperire, dalla distanza sociale alle mascherine o agli insegnanti che mancano.

Un rincorrersi di proposte, alcune bislacche, che fanno intravedere un autunno non tanto caldo quanto incerto di una scuola in stato confusionale. Certamente afflitta da questioni importanti come la sicurezza e la mancanza dei docenti impiegare nelle classi finalmente ridotte di numero, ma in perenne ritardo su tutto.

La scuola ad esempio che, prima della conclusione dell’anno, ha perso l’occasione per far tornare in classe scolari e studenti e aiutarli a trovare significato allo tsunami dei vissuti che hanno attraversato i giorni della quarantena.

È poi la scuola che ha sfruttato poco il tempo lungo dell’attesa di linee guida ministeriali e riflettuto poco su quale scuola puntare per la ripresa di autunno e quali competenze da far crescere nel dopo - Covid. Perché è fondamentale per gli operatori scolastici non farsi trovare impreparati alla ripartenza, come assolutamente necessario aver provato a immaginare insieme l’accoglienza da dare ai bambini dopo il lungo vuoto di relazioni e, più ancora l’attenzione ai vissuti del lockdown e l’aiuto da fornire per elaborare le emozioni provate.

La ripresa dovrebbe essere l’occasione per rivedere la fisionomia educativa della scuola futura e finalmente attrezzare i docenti a promuovere concretamente lo sviluppo di quell’intelligenza emotiva così trascurata dal sistema scolastico, più concentrato sulle competenze cognitive e molto meno sulla centralità delle emozioni nel processo di crescita.

Necessario poi chiedersi cos’è stata la DAD per capire gli effetti prodotti dalla Didattica a distanza. Più urgente che mai adesso e pensare alle potenzialità e ai pericoli di questa modalità formativa emergenziale e al possibile impiego. Per quanto utile, però, la tecnologia nella formazione scolastica dovrebbe essere una modalità operativa non sostituiva di quella tradizionale ma integrativa e applicabile nelle situazioni particolari.
In ogni caso, le innovazioni, qualsiasi esse siano, non andrebbero mai improvvisate, soprattutto se riguardano le tematiche educative. Per questi argomenti è necessario che l’istituzione scuola faccia crescere le competenze specifiche dei docenti e permetta loro un utilizzo sapiente dei dispositivi.

In particolare serve formare gli operatori non tanto a educare con la tecnologia digitale, quanto educare alla digitalità. È la cosiddetta “Media education” di cui c’è un gran bisogno a scuola, perché la competenza di linguaggi nuovi utilizzati dalle nuove generazioni e, al tempo stesso, la capacità critica verso le emergenti frontiere della “techne” può permettere ai docenti di cogliere potenzialità e limiti, obiettivi e pericoli.

A questo proposito penso sia utile segnalare le riflessioni preziose di Giuseppe Calicetti, maestro e scrittore, il quale ha dedicato a questo tema la sua più recente pubblicazione “La scuola senza andare a scuola. Diario di un maestro a distanza” (Manni Editore).

Uscito da un paio di settimane, è un libro il cui titolo è stato tratto dal pensiero dei bambini della primaria di Reggio Emilia in cui insegna Calicetti. Essi prima ancora di insegnanti, genitori o dirigenti scolastici, ai quali ne va consigliata la lettura, hanno percepito che non è scuola quella che fa stare i bambini sempre seduti davanti a un pc senza i compagni e gli amici. Una scuola così può a malapena trasmettere nozioni ma non la conoscenza del mondo e della vita sociale. Questa passa unicamente attraverso le emozioni che si sperimentano tra i banchi di scuola e a cui insegnanti e operatori sanno dare comprensione e riconoscimento, come pure strategie appropriate per la loro gestione.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento



Vedi anche
29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

14/09/2020

La malvagia crudeltà del branco non è patologia

“Sei ancora quello della pietra e della fionda uomo del mio tempo”. Scrive il poeta ed evoca solo in parte la malvagità umana che sembra immutata e inarrestabile. Non la descrive Quasimodo, e non nomina quali azioni bestiali sa compiere l’individuo da solo o nel branco. Ma forse non serve che ce la mostri

07/09/2020

La scuola che verrà, tra attese e speranze

Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

01/09/2020

Ritorno a scuola. Ma quale?

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020

25/08/2020

Dare pazienza al giorno. Ovvero l'arte di attendere

Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

17/08/2020

Giovani, discoteche e senso di responsabilità

L’estate del Covid è un tempo strano e pesante, non solo perché pieno di incertezze e dubbi ma perché abbonda di contraddizioni.

11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

27/07/2020

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani

Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato

21/07/2020

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti

La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente