20 Gennaio 2020, 10.00
Blog - Genitori e figli

Padri e figli

di Giuseppe Maiolo

“I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film


“I figli – continuava - ti tirano fuori la tua rabbia perché devi saper dire NO anche quando non ne hai voglia, o quando quel giorno non hai la struttura emotiva per farlo”.

È così. È la relazione coi figli, inebriante e turbolenta, bella e difficile, pesante e leggera, faticosa ma anche ricca di gioie e di soddisfazioni. È uno dei rapporti più intensi e complicati della vita. Tra padri e figli, poi, il rapporto è ancora più delicato e complesso. In modo particolare oggi che della figura paterna c’è un gran bisogno.

Il padre, almeno all’inizio della vita di un figlio, è più metafora che corpo fisico, più rappresentazione mentale che cibo necessario alla sopravvivenza. La biologia dà alla madre il compito di costruire e far crescere. È lei una necessità, una presenza totalizzante che contiene e riempie. La sua cura che ne garantisce la vita.

Il padre invece arriva dopo ed è un dono. Offre al figlio un nuovo orizzonte da raggiungere e in particolare uno sguardo o una prospettiva diversa che va oltre il “seno buono” della mamma che allatta e soddisfa.

Ma la sua presenza serve anche alla madre in quanto le dà l’energia necessaria per separarsi dal figlio, la sostiene perché lo lasci camminare con le sue gambe.

E allora se il padre entra in scena nei primi mesi, aiuta il proprio figlio a evitare la trappola della simbiosi. Diventa per lui forza decisiva che sostiene e dà valore alle parole, nel momento in cui egli sviluppa il linguaggio e prende forma la comunicazione verbale, più intenzionale e significativa.

Fino a quel momento per farsi capire al bambino bastava un gorgoglio impreciso o un verso, il pianto, un movimento del corpo o una sola parola informe e storpiata per dire qualcosa al mondo. Poi invece, c’è bisogno di parole e frasi che abbiano un senso.

E c’è la necessità del padre che apra al significato delle cose. “La madre è la voce e il padre il linguaggio”, diceva Alfred Tomatis, con una felice allusione alla complementarietà di impulso e razionalità, di gesto e verbo.

Ma la fatica paterna aumenta,
non diminuisce con la crescita. Aumenta in adolescenza, perché a suo carico c’è la funzione regolativa che controbilancia le pulsioni e media tra gli opposti. È il ruolo normativo, quello del “no” o del “No, ma… ” che dà confine alla realtà, apre a nuove dimensioni relazionali e mette in campo l’altro o gli altri, ovvero la società.

Nel quotidiano c’è il suo essere tempo intermittente, ovvero presenza fisicamente discontinua che va e che viene, contrariamente al tempo della madre che è certo e assoluto. Ed è il tempo del pensiero e della riflessione.

È con questi aspetti che può aiutare il figlio a coltivare il dubbio e accettare l’incertezza della vita. Gli mette a disposizione la sua forza che è pazienza e capacità di attendere, necessaria per far passare dalla dimensione del bisogno a quella del desiderio, dal tutto e subito al dopo e al futuro.

Questa è la funzione paterna, quella che dà le coordinate per la rotta, indica lo spazio da esplorare e sa attendere l’arrivo, ovunque esso avvenga. Una relazione, dunque, necessaria per crescere e diventare uomini e adulti. Quella che, vien da dire, manca.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress

16/12/2019 09:28:00

Il telefonino come regalo a Natale? Meglio di no! La corsa ai regali di Natale è cominciata da un po’ e, al solito, molti sono i genitori che pensano al telefonino come dono da mettere sotto l’albero per i loro figli



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento