Skin ADV
Domenica 07 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


05.06.2020 Vobarno

05.06.2020 Sabbio Chiese Odolo Mura Villanuova s/C Capovalle Valsabbia

05.06.2020 Vobarno

05.06.2020 Bagolino

06.06.2020 Bagolino

05.06.2020 Valsabbia

05.06.2020 Preseglie Valsabbia

06.06.2020 Gavardo

05.06.2020 Casto

05.06.2020 Villanuova s/C Prevalle



10 Febbraio 2020, 09.17

Blog - Genitori e figli

Per un'educazione digitale

di Giuseppe Maiolo
Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”

La sicurezza dunque è il tema principale. Sicurezza per la popolazione giovanile e per l’infanzia, ma sicurezza come obiettivo anche degli adulti, genitori ed educatori dei centennials.

Soprattutto perché gli adulti con conoscenze adeguate sulla sicurezza dei dati contenuti nel proprio cellulare, secondo le statistiche italiane, sono solo il 10%. La carenza di queste competenze espone ai vari pericoli della rete e non protegge i minori.

La maggior parte dei bambini e degli adolescenti che incontro nelle scuole quasi ogni giorno, dotati di smartphone fin dai 7-8 anni, conosce troppo poco i rischi che si corrono in Internet, che non sono solo quelli dei dati, ma riguardano la sicurezza personale a seguito di comportamenti pericolosi.

La percezione del rischio tra i giovani così è bassa e sono in aumento i comportamenti “al limite” come le challenge, cioè le sfide estreme, che praticano i giovani per il piacere di diventare popolari. Gira in questi giorni l’ultima e pericolosissima sfida di un gruppo spavaldo di ragazzi di Bolzano che si video-riprende mentre fanno acrobazie appesi all’esterno di un treno in corsa e diretto a Merano.

Allora è urgente fare prevenzione e modificare la cultura del rischio che impera ovunque. Serve un’educazione digitale diffusa, dove in prima linea ci siano adulti competenti, la famiglia e la scuola.

L’azione preventiva però non si deve limitare alla regolamentazione dell’uso del cellulare né unicamente a mettere in atto azioni punitive e restrittive del tipo “niente cellulare per una settimana”.

Non è quello che serve alla generazione che “nasce” insieme allo smartphone e lo conosce precocemente in sala parto quando il padre presente all’evento, per fotografare il neonato, mostra prima il suo dispositivo e poi il volto.

Infanzia che si abitua al multiforme utilizzo del telefonino grazie alle madri che, fin dai primi mesi, lo usano per tranquillizzare al posto del ciuccio.

L’educazione digitale di cui oggi c’è un grande bisogno, deve fondarsi su un’equilibrata “dieta tecnologica” e su regole precise e condivise. I minori dovrebbero essere accompagnati precocemente a conoscere la Rete e dovremmo insegnare loro l’uso attento del potente smartphone.

Dovrebbero avere sia a casa che a scuola indicazioni su quando e dove andrà spento o silenziato. E non sarà solo in classe, ma anche all’ospedale, a teatro o se si conversa con qualcuno, riservando importanza al contatto personale.

Bambini e adolescenti dovrebbero sapere che lo smartphone, se non in casi eccezionali, non va usato quando si mangia o si va a dormire, e che andrebbe lasciato fuori dalla camera da letto in un posto condiviso. Genitori e insegnanti dovrebbero insistere sul divieto di inviare o pubblicare foto private, tantomeno messaggi offensivi e prese in giro.

Un’educazione digitale attenta e precisa serve per far capire ai “nativi digitali” che non vanno innescati litigi e offese quando si partecipa a una discussione. Dovrebbero essere vietate, e anche sanzionate, le azioni di quei ragazzi che pubblicano post con offese e parole di odio, di pregiudizio e discriminazione razziale, sessuale, religiosa.

È poi necessario insegnare precocemente il galateo dei comportamenti in rete e nei social, ma anche far vedere, come adulti educatori, che non si offende né si denigrano gli altri anche se non si condividono le loro idee. 

Educare al rispetto dei valori e dei sentimenti degli altri in rete è importante quanto insegnare a curare il linguaggio e contenere l’uso esagerato di faccine ed emoticon. Perché c’è bisogno per tutti, grandi e piccoli, di saper dare un nome alle emozioni. Altrimenti finiamo per non riuscire più a riconoscerle in noi e negli altri.

Il bullismo e il dilagante odio online si possono combattere se si forniscono conoscenze specifiche riguardo al rispetto e alla sicurezza per tutti. Ma non bastano le parole educative. Contano di più gli esempi e il comportamento coerente degli adulti.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
29/07/2019 10:10:00
Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00
Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


22/07/2019 09:30:00
In vacanza con i figli
Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress




Altre da Genitori e Figli
01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole


13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere (17)

11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?


26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.

15/03/2020

Cosa fare con i bambini

Molti possono essere impauriti e allo stesso tempo disorientati. Assorbono e fanno loro l’angoscia degli adulti, ma anche faticano a comprendere quello che accade

02/03/2020

Una filastrocca contro il virus

In questo momento non c’è solo il Coronavirus da fronteggiare. C’è piuttosto la paura, che per certi versi contagia molto di più


29/02/2020

Le sfide estreme. Quando manca la percezione del rischio

Le sfide non finiscono mai… di sorprendere e terrorizzare. Se ne inventano di tutti i tipi

Eventi

<<Giugno 2020>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia