02 Marzo 2020, 09.40
Blog - Genitori e figli

Una filastrocca contro il virus

di Giuseppe Maiolo

In questo momento non c’è solo il Coronavirus da fronteggiare. C’è piuttosto la paura, che per certi versi contagia molto di più


Di certo le nostre ansie che dovremmo saper gestire, l’incertezza che aumenta giorno dopo giorno, ci rendono un po’ tutti più vulnerabili ed esposti all’insicurezza dei tempi che viviamo.

I bambini non sono da meno. E più sono piccoli e più vivono le paure evolutive comuni a tutti i bambini perché non conoscono il mondo e i suoi pericoli. A questi piccoli e grandi timori si aggiungono però anche le paure degli adulti, le preoccupazioni dei genitori, le ansie della comunità che li circonda, che spesso non sa contenere e che, non di rado, produce panico.

Con il Coronavirus sta accadendo questo. Il bombardamento di notizie allarmanti contagia gli adulti che non sanno che fare e cosa dire a sé stessi. Men che meno hanno parole tranquillizzanti per i loro figli, in particolare per i bambini, i quali in silenzio e per conto loro si costruiscono pensieri mostruosi e terribili che non osano comunicare a nessuno.

A loro invece gli adulti devono parlare. Devono dire chiaramente cosa sta accadendo senza aspettare che essi chiedano spiegazioni. Va detta la verità con parole semplici e chiare, perché possano capire cos’è questo virus nuovo che ancora non conosciamo e ci spaventa.

È fondamentale non mentire, ma nemmeno appesantire il loro sguardo sul mondo con le nostre visioni sfiduciate o apocalittiche. Per prima cosa il genitore dovrebbe essere in grado di controllare la sua angoscia e ai più piccoli restituire tranquillità e fiducia. Più che spiegare il fenomeno in termini scientifici, si dovrebbero dare indicazioni su come comportarsi, a cosa prestare attenzione e dare rassicurazioni.

Per quella diffusa paura che serpeggia ovunque, sarebbe meglio raccontare storie fantastiche.
Sono sempre di grande utilità le fiabe classiche, quelle dei Fratelli Grimm, ma possono andar bene anche le tante narrazioni fantastiche per l’infanzia che usano il linguaggio della fantasia per narrare le paure e i terrori che tutti i bambini provano.

La cosa importante da ricordare delle fiabe è che parlano sempre di paura e di mostri, di lotta e di prove da superare ma che, in definitiva, ogni storia finisce bene. Così il lieto fine serve ai bambini per rassicurarli, tenere viva la fiducia che le difficoltà si superano e contenere l’angoscia e la paura.

Pensando a questi bambini, a quelli della scuola dell’infanzia e della primaria che hanno bisogno della sicurezza e della tranquillità dei grandi, ho scritto una filastrocca da leggere ai piccoli, ma anche giocare e mimare insieme soprattutto nei ritornelli. Il ritmo e la musicalità delle filastrocche li aiutano a tranquillizzarsi divertendosi insieme con gli adulti, genitori e insegnanti, che dedicano loro attenzione e tempo.


Una filastrocca per il virus

Cantiamo insieme come in un gioco
Abbiam paura ancora per poco
Virus virello non ci provare
se ti avvicini io so scappare

Coronavirus lo chiaman tutti
e molti grandi fan sogni brutti
Ti fa paura ed è piccino
ma non è proprio un fantasmino

Tu non temere piccolo mio
l’allarme forte non è un brusio
serve per fare con precisione
alcune cose con attenzione

Lava le mani più volte al giorno
e sai che il virus se ne va d’intorno
Resta distante da chi ha la tosse
anche se sai che non son percosse

Copri la bocca se starnutisci
e metti le mani quando tossisci  
Se vedi in giro una mascherina
non è di certo una copertina

ma un buon modo di preservare
chi non vogliamo contagiare
così in prigione facciam finire
Coronavirus che non può colpire

Cantiamo insieme come in un gioco
Abbiam paura ancora per poco
Virus virello non ci provare
se ti avvicini io so scappare

Virus virello non ci provare
perchè sappiam che cosa fare!

Giuseppe Maiolo, psicologo psicoanalista, autore con Giuliana Franchini di Filastrocche sul cuscino (Ed. La meridiana) e Ciripò gatto fifone (Ed. Erickson)

www.officina-benessere.it


Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento