Skin ADV
Mercoledì 18 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Valerio Corradi, sociologo territorialista, nell'ambito di progetti europei, nazionali e locali si occupa di modelli di sviluppo locale; innovazione organizzativa e formazione al lavoro; buone pratiche di qualità della vita e bilanci di sostenibilità sociale.  

Tra le sue pubblicazioni:
Per uno sviluppo locale sostenibile (Milano, 2009);
Le incerte vie della sostenibilità (Milano 2011);
Nuove società urbane (Milano, 2013);
Solo chi sogna può volare (Mantova, 2016)
Il blog si propone di riflettere su alcuni temi emergenti che rendono evidente l’intreccio tra spazio dei flussi e spazio dei luoghi ovvero tra globalismo e localismo.
In un quadro segnato da crescenti squilibri sociali, effetti ecologici negativi, crisi di sviluppo, ma anche da nuove opportunità di “crescita” e da forme sociali emergenti diventa fondamentale saper coniugare l’azione locale con un modo di pensare globale.

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



12 Luglio 2018, 09.00

Blog - Glocal

Il ritorno dei boschi

di Valerio Corradi
Negli ultimi anni, anche nelle valli bresciane, si è registrata una forte crescita dei boschi naturali. E’ un fenomeno positivo o negativo? 

Mentre su scala globale si sta registrando una continua riduzione dei territori coperti da boschi e foreste, in molti paesi occidentali è in atto una tendenza opposta. L’Istituto per la Protezione dell’Ambiente (Ispra) ha calcolato che in Italia, negli ultimi 100 anni, la superficie forestale nazionale è raddoppiata, raggiungendo 11 milioni di ettari corrispondenti a un terzo del territorio nazionale.
 
La provincia di Brescia, con gli attuali 170.502 ettari, è il territorio con la maggiore estensione forestale della Lombardia. Subito dopo si collocano le province di Sondrio e di Bergamo. Insieme, queste tre aree, comprendono circa i due terzi dei boschi regionali
La crescita dei boschi è un fenomeno costante degli ultimi anni. Attualmente i boschi, in prevalenza di origine naturale, sono arrivati a ricoprire circa il 35% del territorio bresciano.
 
Da una parte l’incremento della superficie boscata può essere inteso come un segnale positivo della diminuzione della pressione antropica sull’ambiente e quindi della “riconquista” del territorio da parte della natura. 
Dall’altra parte, paradossalmente, solleva una serie di interrogativi in merito a potenziali rischi ambientali. 
 
L’espansione delle “foreste” avviene ai danni delle aree abbandonate dall’agricoltura e dalla pastorizia e in alcuni contesti ciò è conseguenza di una minore cura del territorio e di una minore attenzione verso i suoi aspetti critici.
 
Inoltre, quando all’aumento quantitativo dei boschi si associa l’aumento della loro densità i pericoli si moltiplicano. Un bosco fitto, inaccessibile e lasciato a sé stesso è più vulnerabile e meno difendibile in caso di eventi critici come incendi, moria di alberi, calamità naturali, ecc. 
Infine, l’espansione del bosco non è sempre sinonimo di incremento della sua biodiversità interna, come testimoniato dagli esiti critici dell’introduzione di specie non autoctone e “mono-colturali” nei progetti di rimboschimento promossi nei decenni scorsi.
 
In questo quadro, potrebbe essere utile richiamare alla memoria collettiva il ricordo di alcune pratiche del passato di coltivazione dei boschi che erano orientate prima di tutto al loro rispetto e poi a una loro equa gestione. 
 
  
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76884 - 12/07/2018 14:01:24 (Giacomino) L'articolista
ben evidenzia i lati negativi di una forestazione lasciata a se stessa.


ID76887 - 12/07/2018 21:27:20 (Tc) ...
Sarei curioso di sapere le fonti che dicono che l'espansione di un bosco non incrementa la sua biodiversita' e quali sono le specie alloctone introdotte...e per quelle intendo quelle che si sono introdotte non accindentalmente ma appositamente,se si parla di specie animali...ma anche vegetali se vogliamo...


ID76893 - 13/07/2018 07:33:31 (piedemerda)
calcolando che le pratiche di una volta non possono essere più svolte perchè una volta si raccoglieva il fogliame per fare falet ora si rischia una multa salata , si facevano fascini ora non si può più si rischia la multa e cosi tante pratiche boschive che fanno perdere la voglia di curare il bosco.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/07/2017 08:10:00
Camminare con gli altri nella natura Tra Garda e Valle Sabbia sono molti i gruppi che nei mesi estivi organizzano camminate collettive in zone rurali o montane per stare insieme nella natura. Vediamone alcuni

16/06/2016 16:45:00
L'espansione dei boschi Aumentano le superfici boscate in Lombardia. E non è sempre un segnale positivo


22/12/2017 08:00:00
Mangiare insetti Uno dei segnali più evidenti della globalizzazione che segna il nostro tempo è la diffusione di abitudini alimentari proprie di culture “altre” che vengono riscoperte in aree diverse del pianeta

22/05/2018 10:40:00
«Bat Night» sull'Altopiano C’è tempo fino a domani, mercoledì 23 maggio, per iscriversi alla passeggiata nei boschi dedicata alla scoperta dei pipistrelli nell’ambito del progetto Sativa 2.0

14/10/2017 10:01:00
Gradite sorprese Pescare non vuol dire solo catturare pesci, ma anche sviluppare un forte senso di rispetto verso madre natura e consapevolezza di farne parte



Altre da Glocal
14/05/2018

Come si vive in montagna?

Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree  (3)

09/05/2018

Coltivare tartufi

La coltivazione di tartufi può essere un fattore di sviluppo delle aree interne? La Valle Sabbia è un territorio favorevole alla tartuficoltura? 

23/03/2018

Autismo, un piccolo gesto di grande valore

È in corso una raccolta fondi per sostenere Spazio A, servizio per bambini con autismo. Ogni aiuto concreto fa la differenza

18/02/2018

Mense scolastiche e spreco di cibo

Quanto cibo viene sprecato nelle mense scolastiche? E in famiglia? Uno studio ha cercato risposte 

12/02/2018

Ritornare al servizio militare obbligatorio?

Alpini, Bersaglieri e Fanti lanciano un appello alle forze politiche per ritornare al servizio di leva obbligatorio (8)

10/01/2018

Cronache di ordinarie paure... e di speranze

Periodo di Natale, sto visitando un bellissimo borgo in Trentino. Nella affollata via principale un giovane italiano incrocia un coetaneo di colore, ben vestito, forse uno studente, e si lascia sfuggire: "vattene al tuo paese negro"... (5)

22/12/2017

Mangiare insetti

Uno dei segnali più evidenti della globalizzazione che segna il nostro tempo è la diffusione di abitudini alimentari proprie di culture “altre” che vengono riscoperte in aree diverse del pianeta (11)

02/12/2017

La Val Sabbia e la nuova agricoltura di montagna

“Montanaro”, “campagnolo”, “provinciale” sono solo alcune delle espressioni che in un tempo non molto lontano venivano utilizzate dall’uomo urbano per apostrofare e stigmatizzare coloro che provenivano da aree periferiche e rurali o che erano impegnati nel settore primario. Ora invece...

01/11/2017

Buona e cattiva accoglienza

L’articolato progetto Sprar illustrato il 19 ottobre a Serle, promosso dal Comune e da attori della cooperazione sociale, fornisce l’occasione per riflettere su come fare “buona accoglienza” (3)

09/10/2017

Cucire la speranza nel mondo

Si terrà a Brescia il 1° Festival della Missione. Riportiamo le riflessioni su Africa, missioni e migrazioni di sr Rosemary Nyirumbe, nota religiosa ugandese

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia