18 Aprile 2019, 09.20
Blog - Glocal

Per un patto scuola - lavoro in Valle Sabbia

di Valerio Corradi

La collaborazione tra famiglie, scuola e imprese può favorire l’avvicinamento dei giovani al mondo del lavoro e sostenere un nuovo protagonismo giovanile. E’ possibile pensare a un modello locale?


Molti dati evidenziano la difficoltà dei giovani ad avvicinarsi e ad inserirsi nel mondo del lavoro, per demotivazione dei giovani stessi o per incapacità dei contesti lavorativi ad aprirsi e ad accoglierli. 
 
Molti giovani rimangono “in attesa” a volte anche in presenza di opportunità lavorative per mettersi in gioco. Si ha così una disoccupazione giovanile che fatica a scendere stabilmente sotto quote accettabili e sono circa 2 milioni i giovani italiani che non studiano né lavorano. 
 
Il rinvio a oltranza del contatto dei giovani col sistema economico accresce i problemi anziché risolverli ed è una questione che va affrontata.
 
Per cercare di sostenere i giovani nel loro percorso d’inserimento sociale e lavorativo esistono alcuni concreti e incoraggianti segnali da cui partire. Uno di questi è il nuovo modo di fare scuola incarnato dalle virtuose sperimentazioni incentrate sull’apprendistato e sull’alternanza scuola-lavoro. 
 
Il metodo di alternare momenti di studio e di lavoro non è una novità di per sé. In Europa è una modalità presente da tempo in molti paesi. Si pensi al sistema duale tedesco, considerato un riferimento nell’intera UE. 

In Italia la transizione verso questo nuovo modo di fare scuola e di fare impresa è ancora incompleto. Tuttavia, alcune esperienze e sperimentazioni in corso (da alcuni anni) in Regioni produttive comel’Emilia Romagna e la Lombardia dimostrano che questa metodologia, se adeguatamente applicata, può essere d’aiuto per favorire l’apprendimento di competenze importanti per la vita e il lavoro. 
 
Il binomio scuola - lavoro richiede, da una parte, una scuola che abbia il coraggio di aprirsi al territorio e dall’altra, la consapevolezza nell’azienda della propria funzione sociale di “palestra” per i giovani,che, da parte loro, possono aiutare la stessa impresa e crescere.
Si tratta di un ambito “misto” e d’incontro sul quale occorre investire sempre più risorse, perché esso contiene un potenziale che va completamente liberato a beneficio dell’intero territorio.
 
Il tessuto socio-economico valsabbino sembra avere tutte le carte in regola per costruire un modello locale, credibile ed efficace, di collaborazione tra scuola e lavoro, partendo dai progetti già in essere. Per fare questo serve una convinta alleanza tra le forze sociali, amministrative ed economiche della società locale intorno ad un progetto di formazione dei giovani che diventi patrimonio condiviso.
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
05/05/2017 10:11

Un patto scuola-lavoro per i giovani valsabbini Le interessanti esperienze di collaborazione tra scuola e impresa presenti anche in Valle Sabbia dimostrano che questa è una strada da percorre per sostenere un nuovo protagonismo giovanile

24/09/2018 09:05

Imparare a essere cittadini E’ in corso la raccolta firma di ANCI per reintrodurre l’Educazione alla cittadinanza a scuola. Tra Valle Sabbia e Garda alcuni Comuni hanno già aderito 

05/06/2017 10:18

Il valore dei voti scolastici e delle competenze Si avvicina il momento delle pagelle, ma qual è il valore effettivo dei voti scolastici oggi? In che direzione deve andare la scuola per preparare i giovani alla vita e al lavoro?

28/11/2019 10:00

I viaggiatori del lusso In Italia e anche sul Garda sono in aumento i turisti del lusso. È un fenomeno sempre più consistente che presenta anche elementi di novità

08/08/2017 08:14

Giovani e religiosità: il monoteismo del sé Qual è il rapporto tra giovani e tradizione religiosa? Perché si allontanano o avvicinano ai riti comunitari? Una ricerca sui giovani gardesani ha fornito alcune risposte



Altre da Glocal
19/06/2020

L'opera delle Confraternite

In molte chiese della Valle Sabbia sono ancora oggi visibili dipinti, sculture, cappelle realizzate dalle Confraternite religiose. Gruppi di fedeli che hanno contrassegnato la storia delle nostre comunità

14/05/2020

Il turismo ciclistico per andare oltre la crisi

Per risollevare il settore turistico molti guardano con interesse alle vacanze in bicicletta. Perché non rilanciare l’idea di una Green Way tra Valle Sabbia e Garda?

09/05/2020

Se la società del rischio dipende da noi

Nella Fase 2 siamo costretti a convivere col rischio sanitario e ciò sta cambiando le aziende, la scuola, il mondo del commercio, i servizi pubblici, le attività del tempo libero. Ogni contesto di vita è chiamato a ripensarsi

06/03/2020

Coronavirus e gli errori di comunicazione

Il Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’Italia. Quali errori sono stati commessi nella comunicazione dell’emergenza? E perché oggi il nostro Paese è all’angolo e a rischio recessione?

12/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

03/01/2020

Famiglie di una sola persona

Istat conferma i profondi cambiamenti della famiglia registrati negli ultimi decenni. In Italia una famiglia su tre è composta da una sola persona

27/12/2019

A bordo di un gioiello

Perché per molti è emozionante spostarsi su una Rolls Royce dorata o su una Limousine nero splendente? È solo ostentazione o anche psicologia?

20/12/2019

Il bello dell'Oro

L’Oro è simbolo di potere, prosperità, bellezza e di sicurezza. Perché oggi c’è una nuova corsa all’Oro? A quanto ammontano le riserve auree dell’Italia?

17/12/2019

Personal Shopper per clienti del lusso

L’aumento dei super-ricchi genera ricadute economiche per il turismo e fa nascere nuove professioni come il consulente per gli acquisti per turisti luxury

28/11/2019

I viaggiatori del lusso

In Italia e anche sul Garda sono in aumento i turisti del lusso. È un fenomeno sempre più consistente che presenta anche elementi di novità