28 Ottobre 2019, 15.40
Blog - Maestro John

Ciao Gian Franco, grande attore!

di John Comini

Ci ha lasciati Gian Franco Broli. L’ho saputo stamattina, mentre camminavo davanti al Teatro Corallo di Villanuova. Mi ha chiamato il simpatico tuttofare Giulio, che mi ha dato la triste notizia. Non ho saputo trattenere le lacrime


Gianfranco l’ho conosciuto quando eravamo bambini, lui aveva un anno più di me. Quando ci incontravamo, mi salutava con un grande sorriso. L’ho visto molte volte recitare con i bravi amici del “Fil de fer”, una compagnia di teatro dialettale formata da belle persone, con la passione del palcoscenico e dell’amicizia.

L’ultima volta che ho visto Gian Franco è stato in primavera, lui mi ha chiesto: “Quand’è che scrivi qualcosa anche per noi?” Io gli ho detto che ero impegnato con il nuovo spettacolo di Paola Rizzi, “però non si sa mai… ”, poi ci siamo salutati.

Qualche mese fa ho incrociato Piergiorgio Marini, gli ho chiesto come fosse andata la bella festa che tutti gli anni il “Fil de fer” organizza a Villanuova, con tanta gente, musica, balli e un ricco stand gastronomico. Lui mi fa: “Bene, ma purtroppo… ” E mi ha detto, commosso, che l’amico Gian Franco era molto malato.

Tant’è che la compagnia ha dovuto annullare gli spettacoli (in uno, a Gussago, li abbiamo sostituiti con un monologo di Paola Rizzi). La notizia mi ha sconvolto, ma speravo in una guarigione che purtroppo non c’è stata.

Gian Franco aveva un grande dono, quello di far ridere la gente. L’arte della comicità è una delle più difficili, ed ha un valore enorme, soprattutto in questo periodo pieno di tristezze.

Gian Franco aveva i tempi comici perfetti, uno spiccato senso dell’umorismo ed una grande capacità di improvvisazione. “Sentiva” il pubblico e quando entrava in scena la gente applaudiva felice. Lui, che all’apparenza sembrava una persona timida e “seria”, sul palco si trasformava, un po’ come l’amico Tano Mora e la mitica Paola Rizzi.

Gian Franco era tra i fondatori della compagnia “Fil de fer”, nata nel 1990 con l’intento di proseguire l’impegno e l’amore per il teatro profusi dal curato don Diego Gabusi. Aveva un bellissimo obiettivo: coniugare l’amore per il teatro dialettale con la solidarietà. 

Elvezio Bussei ed Edoardo Fregoni predispongono il canovaccio delle commedie, creando ambientazione e trama. Gian Franco, come gli altri attori, inventava gag e battute, secondo il motto “Divertire, divertendosi e, se possibile, fare opere di bene”.

Con i 30 instancabili componenti del "Fil de Fer", è riuscito a mettere in scena quasi 500 repliche, suddivise in 28 commedie e 3 farse. Gli spettacoli sono spesso rappresentati nelle piazze, ma anche presso case di riposo o luoghi di cura. Quando c’è la “prima” a Villanuova, c’è sempre il tutto esaurito.

La compagnia ha vinto numerosi premi nelle rassegne, sia per la recitazione sia per la scenografia.

Gian Franco aveva vinto il premio come migliore “macchietta” al Festival nazionale della commedia dialettale “Leonessa d’oro” di Travagliato. Ma sono certo che il premio migliore gli era assegnato dal pubblico, quando rideva ai suoi lazzi e alle sue caricature comiche.

Gian Franco lascia la moglie Licia, i figli Roberto, Simone con Sara, i fratelli, le cognate, i nipoti e tanti amici che gli hanno voluto bene, per il suo carattere dolce e umanissimo. Ma lascia anche gli amici del teatro: Ines Spada, Ornella Marini, Amelia Chiarini, Rosanna Bonati, Pinuccia Zanca, Elvezio Bussei, Edoardo Fregoni, Piergiorgio Marini, Gianfranco Broli, Walter Agostini, Gianni Massardi.

Oggi per noi teatranti è un giorno di grande tristezza. Mi vengono in mente le parole della canzone di De Gregori, “La valigia dell’attore”:

“Eccomi qua, sono venuto a vedere lo strano effetto che fa
la mia faccia nei vostri occhi e quanta gente ci sta

e se stasera si alza una lira
per questa voce che dovrebbe arrivare fino all’ultima fila

oltre al buio che c’è e al silenzio che lentamente si fa
e alla luce che taglia il mio viso…

Siamo una grande famiglia
abbiam lasciato soltanto un momento

la nostra valigia di là
nel camerino già vecchio
tra un manifesto e lo specchio…”


Ma mi sembra giusto ricordare una bella persona ed un bravo attore con il sorriso. E allora, caro Gian Franco, permettimi di dedicarti questa piccola scenetta, con tutto il cuore.

Scena: Paradiso, ufficio di San Pietro.
(San Pietro vede un sacco di gente, santi e beati, che corrono verso una nuvola. Allora riesce a bloccare un angelo, anche lui di corsa)

- “Che sűcét angelì? Endoe vàla töta ‘sta zent de cursa?”

- “Ma come, Pietro, non lo sai? È appena giunto in cielo il Gian Franco Broli, un grande attore comico! E oggi al “Nuovo Teatro Paradiso” farà uno spettacolo per tutti i santi!”

- “Emmaginas! Per tutti i santi! Come faga a stà töta ‘sta zent?! Ghè mia posti asè!”

- “Non c’è problema, Gesù ha fatto un’altra moltiplicazione, quella dei posti a sedere! Pensa che la Madonna e San Giuseppe sono in prima fila!”

- “Chi l’ares mai dit… Alùra vegne anche mé! Spètem che rìe!”.

Ciao Gian Franco, e grazie per i sorrisi che hai regalato a tutti noi!

maestro John



Vedi anche
02/06/2019 10:03:00

Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

08/04/2018 10:50:00

Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

31/03/2019 10:05:00

L'ora in più Un altro compleanno: 67! Ammazza! Ma da domani dirò 68, così mi abituo al tempo che passa e vola via 

12/05/2019 09:43:00

Dove sei stato mio bell'alpino? ...Ma a Milano, ovviamente, per festeggiare il centenario dell’Associazione! 

28/10/2018 12:17:00

Passerotto non andare via Sabato pomeriggio. Piove a dirotto. I telegiornali parlano di alluvioni, di disastri, di Roma allagata. Ma era da un pezzo che non pioveva e di acqua ce n’era bisogno… 



Altre da Maestro John
12/07/2020

Nòm, cognòm e scötöm

Paese che vai, soprannomi che trovi. In ogni paese ci sono famiglie di origine antichissima, una pianta secolare costituita dagli avi che poi si dirada in mille rami con figli, nipoti, pronipoti e via vivendo

05/07/2020

L'Isolo

D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo. Laggiù si vedeva l’Isolo...

28/06/2020

Scarpe, scarpù e scarpulì

Alcune settimane fa ci ha lasciati Aristide Fontana, che ha fatto il calzolaio per una vita. Lavorava in via Gosa con suo fratello “Giovannino” e Gianni Tebaldini, che abita a Prevalle ed è nipote della Gina Tortelli. Conosco la figlia Clara, una maestra simpatica e molto preparata

21/06/2020

Vanna e Fabrizio, maestri 10 e lode

La mia ex collega Vanna Ferraboli va in pensione. Ancora qualche riunione, qualche incombenza del registro elettronico, e poi… una vita in vacanza!

14/06/2020

Un compleanno e due addii

Comincio con una bella notizia. Sabato 13 giugno ha compiuto gli anni Antonio Lauro. Per tutti i suoi numerosi amici è il mitico “Tone”, e soffia su 70 candeline

07/06/2020

La gente di cuore

Fra la miriade di sodalizi gavardesi merita una particolare menzione l’Associazione Volontari Gavardesi, impegnata in servizi a favore della terza età, ma non solo

31/05/2020

Io, Chiara e i 2 Mauro

È un piacere ed un’emozione scrivere di Chiara Abastanotti. È un piacere perché le voglio bene...

24/05/2020

I tempi d'oro del bar Acli

Quand’ero bambino ed abitavo nel “grattacielo”, camminando sul ponte che passa sopra il Naviglio e sul Chiese (ah, il Chiese!) sentivo il juke-box del bar Acli che sparava a tutto volume la canzone di Caterina Caselli “Nessuno mi può giudicare”

17/05/2020

La bambina di mia nipote Barbara

Finalmente una bella notizia. È nata Angelica, la bambina di mia nipote Barbara Barovelli e di Giulio Del Bono. È nata domenica 10 maggio, proprio nella festa della mamma.
VIDEO

10/05/2020

Incontri sulla via Romana

Ci sarà gente sulla via Romana? La strada che collega Gavardo e Villanuova è un paradiso terrestre, accanto scorre il fiume Chiese (ah, il Chiese!). Adesso sto ancora chiuso in casa in casa, aspetto e spero…