Skin ADV
Martedì 26 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



02 Giugno 2019, 10.03

Blog - Maestro John

Le lezione del maestro Salvatore

di John Comini
L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

E poi aveva un’energia contagiosa, era un vulcano di idee e a tutti regalava un grande sorriso. Impegnato culturalmente e politicamente, ha scritto diversi libri (tra i quali “Che cos’è la cittadinanza”) era anche un ottimo allenatore di basket. Era circondato dall’affetto di molte persone, che lo chiamavano amichevolmente Titti.
 
Veniva dal bellissimo paese di Oria (Puglia), la sua famiglia era di ascendenti nobiliari. La casa di Salvatore era una scrigno di libri antichi, foto e documenti storici.
 
Il maestro Salvatore ha vissuto per quasi 40 anni a Fasano e ha insegnato per molti anni alla scuola elementare Olivelli di Salò, dedicando una particolare attenzione al problema della "diversità" e dell’inclusione, prendendosi a cuore bambini stranieri che avevano vissuto la miseria e l’orrore. 
 
Quando è andato in pensione, è “sceso” nella sua splendida terra, dove è sempre stato partecipe delle questioni sociali. Purtroppo ci è stato strappato a soli 69 anni. Poco prima di lasciarci, il maestro Salvatore aveva scritto:

“Nel mio letto d’ospedale ho sognato un uomo, un prete dolce che mi parlava e m’invitava ad incamminarmi lungo la mia Via del Campo alla ricerca degli ultimi, degli esclusi, per la riaffermazione dei diritti. L’ho sentito, era di fianco a me, nella notte insonne, mi parlava e mi accarezzava la fronte. Andando oltre la mia sofferenza.”


Ha lasciato una splendida famiglia, la dolce moglie Nicolina Zanzarelli, i figli Giuseppe, Paolo (chiamato Paolone dagli amici), Beatrice e il nipote Jan Briscik.

Un suo amico ha scritto: «Ha resistito fino alla fine, Titti. E forse non è stato un caso che sia sopravvissuto – con orgoglio e dignità, pur soffrendo – al suo ultimo 25 aprile, prima di andarsene. Che la terra ti sia lieve, magister vitae».
 
E gli amici dell’Oria Basket hanno scritto:

In questo momento è molto difficile per noi parlare di Titti, una persona buona che con il suo operato ha lasciato un grande segno nella vita di tutti noi. Non solo per l’amore che ci ha trasmesso verso il gioco della pallacanestro ma anche per l’amicizia, onestà, rispetto e voglia di stare insieme che ci ha insegnato.

Sono centinaia i bambini e ragazzi che grazie a Titti hanno mosso i primi passi sportivi con un pallone da basket fra le mani (Oria Basket è solo l’ultimo esempio di associazione voluta da Titti) perché lo sport e la pallacanestro, la palestra, lo stare insieme a bambini e ragazzi, osservare i loro progressi, era ciò che più lo faceva stare bene… Grazie Titti per tutto quello che ci hai dato. E' stato un privilegio conoscerti.”
Il maestro Salvatore è stato ricordato, tra la commozione e il sorriso, nella Sala dei Provveditori di Salò, durante la presentazione del libro “Una testa ben fatta in una società dell’accoglienza” scritto da lui insieme alla psicologa Imma De Pascale. Quest’ultima, che è anche Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto e che ha lavorato come psicologa di un centro di prima accoglienza, ha tratteggiato con emozione e riconoscenza l’esperienza da cui è nato il libro, ricordando la grande umanità di Titti. 
 
Sia Giancarlo Onger (già referente area disabilità all’ufficio Scolastico Provinciale e lombardo) sia Matteo Faberi (psicologo ed ex alunno di Salvatore) hanno appassionatamente sottolineato l’attenzione del maestro verso i ragazzi disabili e in condizioni di disagio. 
 
Nelle belle letture degli insegnanti Donatella Mosca e Roberto Maggi, negli emozionati interventi dei colleghi della Olivelli, della Dirigente Ghirardi, di Rosa Bosio, dell’amico Mauro Abastanotti (sua figlia Chiara ha avuto la fortuna di incontrare Titti come maestro), di genitori e amici, è emersa la figura di un maestro davvero speciale. Non per nulla tra i punti di riferimento di Salvatore c’era Don Lorenzo Milani. 
 
Adesso che la scuola è sempre più in difficoltà, adesso che c’è il bullismo, che la cultura sembra fatta solo da successo, superficialità e menefreghismo, adesso che la Costituzione sembra diventata lettera morta, c’è sempre più bisogno della lezione di don Milani e dei maestri che si sono ispirati a lui.Come Salvatore, che ha creduto nel proprio lavoro, ha cercato di trasmettere le radici della conoscenza attraverso i valori della condivisione, del rispetto di sé e degli altri.
 
I maestri come Salvatore hanno cercato di capire i propri alunni, si sono buttati ogni giorno nell’ascolto, nell’accoglienza. E spesso sono andati in crisi, o si sono sentiti fragili o arrabbiati. Ma hanno accettato le proprie sconfitte a testa alta e con gli occhi  aperti. E si sono rialzati, perché ci sono attimi della scuola in cui è racchiuso l’infinito della vita.
 
E hanno cercato di credere nei sogni, perché ogni ragazzo è unico, straordinario, irripetibile, ogni ragazzo è un dono meraviglioso, che sia figlio di povero o di re, che sia bianco o nero. I maestri come Salvatore hanno combattuto perché a tutti venissero date le stesse opportunità, magari rompendo le scatole a tutti, Dirigenti compresi. 
 
I maestri come Salvatore hanno creduto nella possibilità di un’accoglienza degna di questo nome, di una vera inclusione nella scuola e nella società. Perché i maestri come Salvatore hanno dato fiducia all’amore, come quando ha scritto: 
 
“Ogni volta che a scuola, nel volontariato, per strada, in palestra, ho visto un bambino inseguire un pallone mi sono sempre chiesto cosa pensava, dove voleva arrivare e perché ero felice nell’osservarlo. Il pallone forse simboleggia la madre Gaia, il suo pulsare, la vita stessa in movimento: poterlo inseguire è la conquista di una speranza, di una felicità possibile, di una conquista…

Forse il pallone rappresenta per i bambini la possibilità di raggiungere l’isola che non c’è: la realtà dei bambini contiene della fantasia, dei sogni e qualcosa di essi resta sempre, per fortuna in noi, da adulti. È forse questo il segreto del mio commuovermi di fronte a questa immagine?”
 
Forse da qualche parte il maestro Salvatore sorriderà, forse penserà: “Ma questi mi stanno facendo santo!” Che ci sarebbe di strano, caro Titti? Un santo col fazzoletto rosso al collo, naturalmente! Grazie, caro Titti, per la tua lezione di vita!
 
maestro John
 
Nelle foto:
- Titti tra i figli (amici compresi)
- Divoratore di libri
- Maestro di… basket!
- Sempre nel cuore, grande maestro!
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

31/03/2019 10:05:00
L'ora in più Un altro compleanno: 67! Ammazza! Ma da domani dirò 68, così mi abituo al tempo che passa e vola via 

12/05/2019 09:43:00
Dove sei stato mio bell'alpino? ...Ma a Milano, ovviamente, per festeggiare il centenario dell’Associazione! 

28/10/2018 12:17:00
Passerotto non andare via Sabato pomeriggio. Piove a dirotto. I telegiornali parlano di alluvioni, di disastri, di Roma allagata. Ma era da un pezzo che non pioveva e di acqua ce n’era bisogno… 

01/03/2020 09:38:00
Non ci resta che il calcio! Una settimana indimenticabile… in senso negativo, ovvio. In futuro (se sopravviveremo: gli scongiuri qui sono obbligatori) racconteremo questi giorni di ansia, paura, discussioni e confusione



Altre da Maestro John
24/05/2020

I tempi d'oro del bar Acli

Quand’ero bambino ed abitavo nel “grattacielo”, camminando sul ponte che passa sopra il Naviglio e sul Chiese (ah, il Chiese!) sentivo il juke-box del bar Acli che sparava a tutto volume la canzone di Caterina Caselli “Nessuno mi può giudicare”

17/05/2020

La bambina di mia nipote Barbara

Finalmente una bella notizia. È nata Angelica, la bambina di mia nipote Barbara Barovelli e di Giulio Del Bono. È nata domenica 10 maggio, proprio nella festa della mamma.
VIDEO


10/05/2020

Incontri sulla via Romana

Ci sarà gente sulla via Romana? La strada che collega Gavardo e Villanuova è un paradiso terrestre, accanto scorre il fiume Chiese (ah, il Chiese!). Adesso sto ancora chiuso in casa in casa, aspetto e spero…

03/05/2020

Manuela e le sue splendide bambine

Tra le belle persone che ho incontrato nella mia vita, c’è Manuela Bonacina. Vive a Sabbio Chiese, è sposata con Alberto ed ha due splendide bambine, Maria ed Aurora

26/04/2020

I ricordi del fotografo Buccella

Un tempo, se avevi la fortuna di possedere una macchina fotografica, dopo aver terminato il rullino dovevi recarti da un fotografo che ti avrebbe sviluppato le tue foto-ricordo. E a Gavardo quel fotografo è sempre stato il signor Domenico Buccella

19/04/2020

Tanti auguri a... tre!

Oggi ho tre auguri da fare. Comincio dal compleanno di mio fratello Dino.

12/04/2020

Gli auguri della signora Maria

In attesa di rivederci presto nei teatri e nelle piazze, la signora Maria (Paola Rizzi), con Andrea Giustacchini, Luca Lombardi, Peppino Coscarelli ed il sottoscritto vi augurano ogni bene
• VIDEO


05/04/2020

Il paese immaginario

Guardo fuori dalla finestra. Strade vuote. Silenzio irreale. Passa un uomo con due cani al guinzaglio. Sfreccia un ragazzo in motorino, porta il pane...

29/03/2020

Destinazione Paradiso

Quand’ero bambino in casa si respirava il profumo della fede. Sapevo chiaramente che i defunti non erano scomparsi nel nulla, ma vivevano per sempre nell’amore di Dio, in Paradiso.

22/03/2020

Ho sei cose nella mente, anzi, sette

In queste ore buie, ho alcune cose da scrivere…

Eventi

<<Maggio 2020>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia