Skin ADV
Martedì 12 Dicembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Borgo Cima Rest

Borgo Cima Rest

by Luigi



10.12.2017 Villanuova s/C

11.12.2017 Vobarno

10.12.2017 Giudicarie

11.12.2017 Villanuova s/C

10.12.2017 Giudicarie

11.12.2017 Idro Bagolino Anfo Lavenone Valsabbia

10.12.2017

10.12.2017 Capovalle

11.12.2017 Vestone

10.12.2017 Gavardo






06 Dicembre 2017, 08.00

Teatro

«Una bestia sulla luna», la recensione

di Davide Vedovelli
Intensità e drammaticità per uno spettacolo che parla alla testa, al cuore e alla pancia degli spettatori

Poche volte capita, alla fine di uno spettacolo teatrale, di trattenere a fatica le lacrime, anzi, di non trattenerle affatto e sentire un nodo alla gola tanto che le parole faticano ad uscire. Poche volte mi è capitato, ma una di queste è stata dopo lo spettacolo “Una bestia sulla luna” in programmazione al Teatro S. Chiara di Brescia fino a lunedì 11 dicembre. 
 
Se questa cosa capita a te e a tutto il pubblico presente in sala allora quest'emozione collettiva ha un qualche cosa di straordinario.
Se non l'avete ancora visto, prima di finire di leggere l'articolo, andate di corsa sul sito e prenotate un biglietto (ne sono rimasti pochissimi).
 
L'intensità emotiva del testo e la straordinaria bravura degli attori parlano alla testa, alla pancia e al cuore dello spettatore, che si dimentica di essere tale e partecipa emotivamente a ciò che succede sul palcoscenico.
 
Il testo racconta del genocidio del popolo armeno e lo fa focalizzando l'attenzione sulla storia di due persone che si sposano per procura e cominciano la loro vita insieme. 
 
Una vita come quelle di tante altre coppie, con sogni, speranze, il desiderio di un figlio che però non arriva, i ricordi di un passato talmente cruento che impedisce di vivere il presente.
 
Nella quotidianità di un marito ossessionato dall'esigenza di avere un figlio e da una fotografia della sua famiglia a cui ha tagliato le teste e ora vorrebbe riempire questi “spazi vuoti” con nuove fotografie, di una moglie giovanissima, appena quindicenne, che nonostante gli sforzi non riesce a soddisfare le pretese del marito, si consuma la storia di una vita coniugale arida, triste e impermeabile a qualsiasi emozione positiva.
Questo testo ci fa capire come a volte i ricordi di un tragico evento annebbino la nostra vita, la riempiano di odio e coprano tutto con un velo grigio difficile da scostare.
 
Storie di vita quotidiana a volte non lontane dalle nostre, seppur declinate in modo differente e con un passato diverso. Stanze di vita quotidiana (mi viene da dire parafrasando Guccini) dove l'abitudine, l'egoismo, le regole e le tradizioni diventano una prigione invisibile da cui non si riesce a scappare. Sarà l'arrivo di un orfanello italiano a destabilizzare e rompere questo circolo vizioso apparentemente senza uscita e a dare la chiave per aprire la porta di questa prigione.
 
La forza del testo è magnificamente espressa dall'interpretazione magistrale di Elisabetta Pozzi, Fulvio Pepe, Alberto Mancioppi e Luigi Bignone.
 
Assolutamente da vedere.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/12/2017 15:08:00
«Una bestia sulla luna» Silvia Quarantini, assistente alla regia, ci racconta com’è nata l'idea di mettere in scena questo testo e perché è importante riproporlo oggi. Lo spettacolo replicherà fino a lunedì 11 dicembre al Teatro S. Chiara di Brescia

09/12/2017 08:00:00
«La Bella e la Bestia» Andrà in scena domani, domenica 10 dicembre, presso il Teatro comunale di Vobarno lo spettacolo per bambini targato “Il Nodo Teatro” con la regia di Raffaello Malesci 

02/07/2009 10:10:00
In scena “Non voglio mica la luna” Doppio appuntamento con il Teatro Poetico di Gavardo con lo spettacolo che vede protagonista Paola Rizzi: stasera a Gavardo e venerdì a Vobarno.

11/12/2015 10:31:00
Solitudine e sofferenza nella straordinaria interpretazione di Paiato e Scommegna Sala piena e commossa quella del Teatro Odeon di Lumezzane che ha applaudito a lungo le due protagoniste dello spettacolo "Due donne che ballano" andato in scena settimana scorsa.

28/11/2014 09:46:00
Una commedia per il proiettore digitale Questa sera a Villanuova sul Clisi, per iniziativa dell'amministrazione comunale, nel Teatro Corallo il monologo dialettale di Paola Rizzi del Teatro Gavardo, con lo spettacolo “Non voglio mica la luna”, con una raccolta fondi a scopo benefico





Altre da Terza Pagina
12/12/2017

«I vizi dell'anima»

Presso il Polivalente di Idro questo venerdì 15 dicembre la messa in scena dell’opera letteraria il “Secretum” di Francesco Petrarca, nella versione adattata e interpretata dall’attore e regista Alberto Donatelli

12/12/2017

La comunità delle Case di Riposo valligiane

Una popolazione sempre più vecchia e sempre più ammalata. Così anche in Valle Sabbia. Alfredo Bonomi, con una lucida disanima prima storica e poi geopolitica, traccia un futuro possibile per la gestione delle Rsa
(1)

06/12/2017

L'armadio della vergogna

E’ indubbia la responsabilità collettiva di molti italiani per quanto concerne la identificazione degli ebrei su base razziale come entità da discriminare e perseguitare, da stanare casa per casa, da deportare nei campi di sterminio e da consegnare ai tedeschi per la soluzione finale del problema ebraico (5)

06/12/2017

Non solo grandi città per l'arte in mostra

Collegata all'iniziativa Insoliti incontri, a Bagolino l'associazione Habitar in sta terra ha allestito una mostra dedicata alle opere censurate, cancellate o distrutte

05/12/2017

Due bambine

La mia spalla sinistra conserva ancora il ricordo del gomito di Kawthar. Due settimane fa ho intervistato alcune persone a casa dei suoi genitori a Hebron, in Cisgiordania...

30/11/2017

Le ragioni di una mostra

Ecco una breve introduzione a “Attorno a Isgrò. Cancellature e note a margine”, la mostra “collaterale” alla terza tappa di “Insoliti incontri”, scritta da Flavio Richiedei di “Habitar in sta terra”

26/11/2017

Modernum

Modernum. Con questo aggettivo i latini esprimevano il significato di “attuale”, che solitamente si contrappone ad antico. Moderni sono lo sviluppo tecnologico, il progresso in campo scientifico ed in quello informatico. Non sempre però l’attuale favorisce il progredire del genere umano

25/11/2017

Modesto Bolzoli, un ritratto

Questa domenica 26 novembre si chiuderà la mostra in onore di Modesto Bolzoli in corso di svolgimento negli spazi espositivi dell'associazione "Via Glisenti 43" in Vestone, che ha riscosso ampio successo di critica e di pubblico. Un ricordo per rendere omaggio alla figura e all'opera del compianto artista-artigiano vestonese

24/11/2017

Dall'io al noi, relazioni e comunità

La terza serata degli “Incontri nel Chiostro” è stata dedicata al tema delle relazioni in una società sempre più individualista

23/11/2017

Incontro internazionale dei Sindaci per la Pace

Questo giovedì 23 novembre proiezione in diretta streaming presso la sala assemblee della Comunità montana di Valle Sabbia alle ore 16.45

Eventi

<<Dicembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia