29 Luglio 2020, 07.08
Capovalle Valsabbia
Sagre

Buon Bracconiere, prosegue l'attesa

di Val.

Sembrava l’anno buono per il ripristino dei festeggiamenti sul Manos in onore della Madonna del buon Bracconiere. Invece no, tutto rimandato al 2021


«Ci ho provato, avevo già trovato anche degli sponsor importanti e l’idea era quella di rientrare alla grande, dopo tre anni di stop forzato, ma questa storia del Covid sembra proprio che non possa risolvere alla svelta. Così ho bloccato tutto, ci rifaremo con gli interessi il prossimo anno».

Così Antonio Rizzardini, promotore della festa in onore alla Madonna del buon bracconiere, sagra paesana che negli anni scorsi è arrivata a portare sul Monte Manos, in un colpo solo, più di 800 partecipanti a gustare lo spiedo alla bresciana.

Non senza qualche polemica.
A qualcuno infatti era sembrato quantomeno strano, più che altro inopportuno, non tanto la dedica al “bracconiere” -che una Madonna non la si nega a nessuno- piuttosto che quel bracconiere fosse anche “buono”.
Un aggettivo che in certi ambienti curiali, oltre che nel wwf, dicono sia arrivato a provocare l’orticaria.
Per non dire dei guai occorsi al parroco che quell’effige mariana l’ha ufficialmente benedetta nel 2009.

Strano, a dire il vero, anche il fatto che l’Antonio promotore della festa fosse un bracconiere vero e che la stessa venisse organizzata proprio nel roccolo abusivo dove lui è stato pizzicato ad uccellare illegalmente: il “Da Girolamo” opportunamente intestato ad una delle sue figlie.

C’è da dire che l’Antonio adesso assicura che quel vizio l’ha perso, convinto a farlo da decine di processi e pure da qualche condanna, per non dire del decreto di allontanamento che gli ha vietato di raggiungere il “suo” roccolo negli ultimi tre anni: «Avevano ragione, ma io non ce la facevo proprio a rinunciare, come se fosse una malattia, una droga» ci dice lui quando glielo rammentiamo.

Lo straordinario successo della festa è dovuto alla formula con cui è sempre stata organizzata, che sarebbe stata riproposta anche quest’anno, come sempre l’ultima domenica di agosto.

Funziona così:
dopo la messa di fronte alla Madonnina spiedo gratis per tutti, cucinato dai partecipanti ad una gara.
Per partecipare è sufficiente portare in cambio sul Manos qualche bottiglia di buon vino, una torta o del formaggio, da condividere con gli altri. Niente commercio: solo la voglia di stare insieme.

Si farà di nuovo, ma bisognerà attendere l’ultima di agosto del 2021.

.in foto: il roccolo "da Girolamo" sul Manos; l'Antonio con la sua Marisa.




Vedi anche
27/08/2014 07:37

Niente spiedo per il Buon Bracconiere Tutti avrebbero scommesso che quest'anno sarebbero stati in mille a salire sul Manos, fra Capovalle e Vobarno, per festeggiare la Madonna del Buon Bracconiere. Invece no: il «pirata» ha ammainato le vele

26/08/2009 07:00

Una statua della Madonna intitolata al “Buon Bracconiere” Una statua della Vergine dal provocatorio titolo di “Madonna del Buon Bracconiere” sar benedetta questa domenica presso un roccolo sul Monte Manos a Capovalle.

28/08/2012 07:00

Bel tempo domenica sul Manos Merito, sono in centinaia ad essere convinti, della Madonna del Buon Bracconiere e della sua gratitudine nei confronti di chi la festeggia ogni anno.

21/10/2018 11:28

Il bracconiere pentito Antonio Rizzardini, di Roè Volciano, dopo una vita intera trascorsa a dare sfogo alla sua passione venatoria in modo  spesso illecito, sembra pentirsi e chiede di potersi iscrivere al WWF

04/02/2017 07:30

Senza più Madonna il Buon Bracconiere Le sue azioni illegali hanno destato “elevato allarme sociale” e l’elenco dei reati è lungo: violenza sugli animali, detenzione abusiva di armi, illecita cattura e detenzione di avifauna protetta e via... bracconando



Altre da Valsabbia
23/09/2020

La salute al primo posto

Le “Mamme del Garda” sollecitano i sindaci che fanno parte della Conferenza dei Comuni dell’Ato a non perdere di vista i veri problemi del lago, contrastando il progetto di trasferire i reflui nell’alveo del Chiese

23/09/2020

Penne Nere, sacrificio e solidarietà: il 2 aprile in Lombardia la giornata di riconoscenza

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità la legge sulla “Riconoscenza alla solidarietà e al sacrificio degli alpini”. Il consigliere valsabino Massardi relatore della legge: «Giornata speciale per la nostra Regione»

22/09/2020

Benvenuto autunno

Oggi, 22 settembre, è il giorno dell'equinozio d'autunno, la stagione del raccolto, come ci insegnavano un tempo a scuola, che regala bellissimi scorci della natura da immortalare

22/09/2020

A volte ritornano - 4

Nel corso della settimana fra il 14 e il 20 settembre, i nuovi casi di contagio in Valle Sabbia sono diminuiti. Altri due Comuni non sono più "covid-free"

22/09/2020

Al via il progetto «Una Montagna di Botteghe»

Questo giovedì a Puegnago del Garda un convegno pubblico per l’avvio ufficiale del progetto di cooperazione interterritoriale promosso dal Gal GardaValsabbia2020 in partenariato con altri Gal

22/09/2020

Fondi ai piccoli comuni per le imprese del territorio

Anche buona parte dei comuni valsabbini riceverà i contributi del decreto «Comuni marginali» per sostenere il tessuto produttivo

22/09/2020

Ciao Oliviero

Dalla grande famiglia Fondital, che oggi sarà numerosa ad accompagnarlo per il suo ultimo viaggio, un ricordo di chi era Oliviero Bertelli, morto per incidente stradale a Idro: il collega, ma soprattutto l’amico

22/09/2020

CoSI' in Valsabbia

Abbiamo estrapolato i dati Comune per Comune per vedere come hanno votato i valsabbini, come sempre con l’aggiunta di Prevalle e Muscoline, anche se non fanno parte della Comunità montana

21/09/2020

Girelli presidente della Commissione d'inchiesta sull'emergenza Covid-19

Il consigliere regionale valsabbino del Pd: «La Commissione dovrà recuperare il tempo perduto, far luce su quanto accaduto e lavorare a proposte per una riforma del sistema sanitario regionale»

21/09/2020

Mascherine made in Prevalle

Prosegue la produzione di mascherine “Face cover Mercury”. Una produzione made in SABA Confezioni, una delle prime aziende, a marzo, a convertire parte della sua produzione per affrontare così l’emergenza nazionale