Skin ADV
Giovedì 27 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



25.02.2020 Bagolino Valsabbia

26.02.2020 Bione Casto

26.02.2020 Bagolino

26.02.2020 Casto

27.02.2020 Bione Casto Valsabbia

25.02.2020 Villanuova s/C Salò

25.02.2020 Storo

25.02.2020 Valsabbia Provincia

27.02.2020 Bione

26.02.2020 Gavardo



18 Gennaio 2017, 09.55

Scelto per voi

I tre italiani che hanno stregato l'America


Ci sono tre italiani fra i 102 destinatari della più alta onoreficenza del governo federale degli Stati Uniti d'America per i giovani ricercatori all'inizio della loro carriera
 
È accaduto lo scorso 9 gennaio, a Washington, quando il presidente uscente Barack Obama ha annunciato i vincitori dei premi «Pecase», «Presidential Early Career Awards for Scientists and Engineers», la più alta onorificenza del governo federale per giovani scienziati e ingegneri all’inizio della loro carriera da ricercatori.

È significativo che sia stata questa una delle ultime iniziative di un Presidente molto attento al progresso scientifico e all’innovazione tecnologica e quest’anno, a conferma dell’eccellenza dei ricercatori italiani all’estero, ci sono tre connazionali tra i 102 vincitori: Anna Grassellino, 35enne di Marsala, Marco Pavone e Guglielmo Scovazzi, entrambi torinesi, di 37 e 43 anni.  
 
Anna Grassellino ha studiato ingegneria elettronica a Pisa, prima di trasferirsi negli Usa per un dottorato in fisica all’università della Pennsylvania. Oggi dirige un team di 20 persone al Fermilab di Chicago.
«La mia ricerca riguarda le cavità superconduttive a radiofrequenza, una tecnologia utilizzata negli acceleratori di particelle di ultima generazione», spiega.
Il suo gruppo ha scoperto un meccanismo per triplicare l’efficienza del materiale superconduttore, il niobio, «dopandolo» con atomi di azoto.
«Questo consente di ridurre i requisiti di raffreddamento, abbassando i costi di costruzione e aumentando la performance energetica». 
 
Il progetto per il quale è stata premiata riguarda, appunto, la costruzione di un nuovo tipo di acceleratore in grado di produrre un fascio di particelle a struttura continua con un’intensità mai raggiunta finora.
L’obiettivo della Grassellino per i prossimi anni è di «spingere i limiti di questa tecnologia per studiare la fisica delle particelle, esplorando applicazioni anche in biologia e medicina.»  
 
Anche il lavoro di Marco Pavone, assistant professor di aeronautica e astronautica alla Stanford University, è multidisciplinare.
«Sviluppo algoritmi di Intelligenza Artificiale per rendere i sistemi robotici più autonomi, utili e sicuri», spiega.
Il suo laboratorio si occupa di auto senza conducente e aerei senza pilota, ma il progetto che gli è valso il premio è in collaborazione con la Nasa.
«L’obiettivo è munire sistemi aerospaziali, come navicelle o veicoli esplorativi, di Intelligenza Artificiale, affinché si adattino a situazioni ambientali estreme e imprevedibili». 
 
Il primo risultato è stato un robot ibrido in grado di muoversi in condizioni di microgravità su corpi celesti come asteroidi e comete.
Robot più grandi potrebbero essere utilizzati per una delle prossime missioni su Marte. Ad esempio, quella al cui progetto Pavone ha lavorato per conto dell’agenzia Usa dopo il dottorato al Mit di Boston, dov’era approdato con una laurea in informatica all’Università di Catania. 
 
Guglielmo Scovazzi negli Usa è arrivato invece qualche anno prima.
Dopo essersi laureato in ingegneria aeronautica al Politecnico di Torino, è volato in California per il dottorato in ingegneria meccanica a Stanford, a cui sono seguiti otto anni ai Sandia National Laboratories, in New Mexico, e infine l’incarico di associate professor alla Duke University, nella Carolina del Nord.

«La mia disciplina è la meccanica computazionale e mi occupo di simulazioni di sistemi complessi nell’ambito della meccanica del continuo», racconta.
Il suo laboratorio sviluppa algoritmi per studiare il comportamento dinamico di materiali solidi e fluidi. Le applicazioni sono svariate, tanto che Scovazzi è affiliato ai dipartimenti di ingegneria civile, ambientale e meccanica.
«Le simulazioni delle interazioni fluido-struttura sono fondamentali tanto per le turbine quanto per i dispositivi biomedici e i reattori nucleari». Il progetto per cui ha ricevuto il premio ha contribuito a rendere queste simulazioni più accurate, consentendo di modellare geometrie estremamente complesse. 
 
I tre ricercatori avranno occasione di incontrarsi in primavera, quando saranno convocati alla Casa Bianca per ricevere l’onorificenza da Donald Trump.
Quel giorno, stringendosi la mano, forse si chiederanno se avrebbero ottenuto gli stessi risultati in Italia.

Per rispondere, bisogna capire cosa li accomuna, oltre a capacità e determinazione.
Di sicuro la formazione italiana, senza distinzione di università, visto che si sono laureati in tre atenei diversi: uno al Nord, uno al Centro e uno al Sud.
Fondamentale è stato poi il dottorato Usa, il PhD, che ha permesso loro di applicare le conoscenze acquisite a problemi concreti. Infine, ciascuno ha ottenuto un finanziamento quinquennale dal governo Usa all’inizio della carriera da ricercatore. 
 
Sarebbe stato possibile in Italia? Purtroppo no.
I ricercatori italiani all’estero devono guardare avanti e continuare a correre, perché non possono permettersi rimpianti. 

Da lastampa.it
di Riccardo Lattanzi della New York University 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID70724 - 18/01/2017 13:46:21 (VENTONORD11) COMPLIMENTI
Complimenti a queste 3 persone che tengono alto il nome dell'Italia.Se fossero andati negli Usa i nostri politici , il 99,9% di loro non avrebbe raggiunto quanto fatto da questi ragazzi e sarebbero ritornati in Italia da falliti. E chiaro negli Usa serve la meritocrazia.Invece in Italia e non solo, per fare il politico basta farsi eleggere , magari comprando il voto , o magari basta dire sono onesto , nessuna selezione , nessun esame.Siccome poi il popolo che elegge e' mediamente ignorante , ( il 90% non sa sicuramente cosa sia un dottorato Phd ) e' chiaro che non elegge le migliori menti italiane.Questa e' la democrazia attuale , popoli ignoranti che eleggono politici ignoranti.Per governare le nazioni oggi le difficolta' sono molte e servirebbero menti brillanti, gente capace che ha studiato . Invece eleggiamo i Scilipoti , i Razzi etc A nessun politico italiano , nemmeno i 5 stelle affiderei la gestione di una mia azienda o della mia famiglia, ad uno dei 3 in America SI


ID70731 - 18/01/2017 23:51:13 (Iva) COMPLIMENTI
Complimenti a questi ragazzi ITALIANI che si sono meritati questa onorificenza.Gli italiani si sa da secoli che ha ottimi cervelli perchè possediamo oltre all'intelligenza, il genio. la vena artistica e l'inventiva, ma come al solito l'Italia li lascia scappare perchè non dà loro la possibilità di emergere e neanche la possibilità economica di proseguire gli studi per emergere o fare nuove scoperte. Sappiamo però dare molto denaro ai politici, ai nullafacenti e ci riempiono solo di tasse astruse.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/12/2010 08:00:00
Giovani, sostanze e tecnologia Sarà presentata questa sera a Vobarno una ricerca sul rapporto dei giovani con alcol e droghe e il loro approccio alla tecnologia.

15/02/2017 10:46:00
Alberto Andrea Tomasini, re d'Italia Ecco la storia straordinaria di un livemmese che nel lontano 1912, all'età di 18 anni, emigrò negli Stati Uniti d'America

11/04/2013 08:05:00
Interlabor, ecco il bis Si è aperto i primi di aprile il bando della seconda edizione di Interlabor, iniziativa di mutualità innovativa promossa dalla Cassa Rurale che offre ai giovani qualificati del territorio l'opportunità di effettuare periodi di stage all'estero

12/12/2016 07:02:00
Viaggio a Raleigh Raleigh è una città degli Stati Uniti d'America, capitale della Carolina del Nord e capoluogo della Contea di Wake. E' la prima città illuminata a LED. E l'Italia a che punto è?

02/08/2012 15:30:00
Il risparmio sulle tariffe dei cellulari all'estero L'osservatorio di Sos Tariffe ha preso in esame come destinazioni di riferimento il Regno Unito, New York e l'Argentina e le promozioni che consentono di risparmiare sui costi di chiamata durante le vacanze



Altre da Cronache
27/02/2020

Quasi quasi se ne va anche San Vigilio

Nel primo pomeriggio di questo convulso mercoledì, le fiamme hanno raggiunto l'eremo di San Vigilio, sulle montagne di Bione. Danni limitati grazie all'intervento a mani nude di tre Vigili del fuoco


27/02/2020

Coronafumus

Altro che virus. L’aria fra la Conca d’Oro e il Savallese, ma anche verso la vicina Valtrompia, questa mattina è irrespirabile a causa del fumo.
Aggiornamento ore 13


26/02/2020

Mortale a Casto

Non ce l’ha fatta Bruno Dolcetti, 81enne di Casto, finito col suo Apecar contro una smart. E’ morto subito dopo il ricovero in ospedale

26/02/2020

Dai domiciliari al carcere

Era in pizzeria, ma doveva restare a casa sua per scontare una pena ai domiciliari. Arrestato dai Carabinieri di Gavardo

26/02/2020

Addio all'ultimo reduce

Pierino Zontini era non solo il decano di Storo ma anche l'ultimo dei reduci rimasti. Aveva 97 anni e in gioventù aveva esercitato per anni il mestiere di calzolaio

26/02/2020

Addio a Carla Leali Baldo

Era nata a Livemmo nel 1922, ad aprile, da madre perticarola e padre di Nozza. Si è spenta all'età di 97 anni


26/02/2020

Fiamme a Bione e a Casto

Prosegue senza sosta, da terra e dal cielo, l'impegno sui fronti d'incendio fra Bione, Casto e Lodrino.
Aggiornamento ore 16


26/02/2020

Nonno Ilario, morto sotto l'albero

L'hanno trovato alcune ore dopo, morto schiacciatosotto il tronco di un piccolo abete che lui stesso aveva tagliato. A Ponte Caffaro, in via Quadri III


25/02/2020

La banda musicale di Vobarno piange il suo Adolfo

Adolfo Dini, a lungo saxofonosta nel sodalizio, è scomparso prematuramente all'età di 55 anni. Gli amici della banda, causa ordinanze restrittive per salvaguardare la salute dei cittadini, non possono accompagnarlo come vorrebbero, in musica


25/02/2020

Condoglianze e Coronavirus

In questo periodo di isolamento, dovuto alle restrittive norme, per evitare il propagarsi di questo odioso virus, sono purtroppo venute a mancare quelle forme di partecipazione personale al lutto delle famiglie. La soluzione di Aurora


Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia