Skin ADV
Martedì 28 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




28.03.2017 Bagolino

28.03.2017 Bagolino

26.03.2017 Agnosine

27.03.2017 Agnosine

27.03.2017 Odolo

26.03.2017 Bione Agnosine Casto Capovalle

26.03.2017 Vobarno

26.03.2017 Odolo

27.03.2017 Bagolino

26.03.2017 Agnosine






14 Ottobre 2016, 10.17

Agricoltura

E la mucca ci mette la firma

di redazione
Storico via libera della Unione europea alla richiesta italiana di indicazione di origine obbligatoria per il latte e i prodotti lattiero-caseari. L'annuncio di Coldiretti 
 
«La novità arriva poichè sono scaduti senza obiezioni alle ore 24 del 13 ottobre i tre mesi dalla notifica previsti dal regolamento 1169/2011 quale termine per rispondere agli Stati membri che ritengono necessario adottare una nuova normativa in materia di informazioni sugli alimenti».

E’ quanto afferma la Coldiretti che in occasione dell’apertura del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio ha presentato in anteprima le confezioni di latte, burro e mozzarella con le nuove etichette per aiutare i consumatori a scegliere. Il provvedimento fortemente sostenuto dalla Coldiretti era stato annunciato dal premier Matteo Renzi e dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina in occasione della Giornata nazionale del latte Italiano a Milano, organizzata proprio dalla maggiore organizzazione degli imprenditori agricoli in Europa.

«Il via libera comunitario – continua la Coldiretti - risponde alle esigenze di trasparenza degli italiani che secondo la consultazione pubblica online del Ministero delle Politiche agricole, in più di 9 casi su 10, considerano molto importante che l’etichetta riporti il Paese d’origine del latte fresco (95%) e dei prodotti lattiero-caseari quali yogurt e formaggi (90,84%), mentre per oltre il 76% lo è per il latte a lunga conservazione».
 
«Con l’etichettatura di origine si dice finalmente basta all’inganno del falso Made in Italy con tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia che sono stranieri, cosi come la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall'estero, ma nessuno lo sa perché non è obbligatorio riportarlo in etichetta», ha affermato il presidente di Coldiretti Brescia e Coldiretti Lombardia e vicepresidente nazionale Ettore Prandini, nel sottolineare che «si tratta anche di un importante segnale di cambiamento a livello comunitario sotto la spinta dell’alleanza con la Francia che ha adottato un analogo provvedimento».
 
Ed ecco le regole 
Il provvedimento riguarda - sottolinea la Coldiretti - l’indicazione di origine del latte o del latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari che dovrà essere indicata in etichetta con:
a) “paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte”;
b) “paese di condizionamento: nome della nazione nella quale il latte è stato condizionato”
c) “paese di trasformazione: nome della nazione nella quale il latte è stato trasformato”;
 
Le specifiche
«Qualora il latte o il latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari sia stato munto, condizionato e trasformato nello stesso paese, l’indicazione di origine può essere assolta - precisa la Coldiretti - con l’utilizzo della seguente dicitura: “origine del latte: nome del paese”».

Se invece le operazioni indicate avvengono nei territori di più paesi membri dell’Unione europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: “miscela di latte di Paesi UE” per l’operazione di mungitura, “latte condizionato in Paesi UE” per l’operazione di condizionamento, “latte trasformato in Paesi UE” per l’operazione di trasformazione.

Infine se le operazioni avvengono nel territorio di più paesi situati al di fuori dell’Unione Europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: “miscela di latte di Paesi non UE” per l’operazione di mungitura, “latte condizionato in Paesi non UE” per l’operazione di condizionamento, “latte trasformato in Paesi non UE” per l’operazione di trasformazione.
  
«Le 1,7 milioni di mucche da latte presenti in Italia possono finalmente mettere la firma sulla propria produzione di latte, formaggi e yogurt che – sottolinea la Coldiretti - è garantita a livelli di sicurezza e qualità superiore grazie al sistema di controlli realizzato dalla rete di veterinari più estesa d’Europa, ma anche ai primati conquistati a livello comunitario con la leadership europea con 49 formaggi a denominazione di origine realizzati sulla base di specifici disciplinari di produzione».
 
Ad essere tutelati sono anche i consumatori italiani che hanno acquistato nel 2015 - secondo una analisi della Coldiretti - una media di 48 chili di latte alimentare a persona mentre si posizionano al settimo posto su scala mondiale per i formaggi con 20,7 chilogrammi per persona all’anno dietro ai francesi con 25,9 chilogrammi a testa, ma anche a islandesi, finlandesi, tedeschi, estoni e svizzeri.

«L’obbligo di indicare l’origine in etichetta - continua la Coldiretti - salva dall’omologazione l’identità di ben 487 diversi tipi di formaggi tradizionali censiti a livello regionale territoriale e tutelati perché realizzati secondo regole tramandate da generazioni che permettono anche di sostenere la straordinaria biodiversità delle razza bovine allevate a livello nazionale».
 
Il provvedimento salva 120mila posti di lavoro nell’attività di allevamento da latte che generano lungo la filiera un fatturato di 28 miliardi che è la voce più importante dell’agroalimentare italiano dal punto di vista economico, ma anche da quello dell’immagine del Made in Italy.

«La scelta di trasparenza fatta in Italia – conclude la Coldiretti - è importante per essere piu’ forti anche nella lotta all’agropirateria internazionale sui mercati esteri dove i formaggi Made in Italy hanno fatturato ben 2,3 miliardi (+5%) nel 2015». 
 
L' entrata in vigore e fissata 60 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e quindi - conclude Coldiretti - auspicabilmente dal primo gennaio 2017 come è stato previsto per un testo analogo in Francia.

fonte: comunicato stampa.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/07/2014 10:47:00
Alla scoperta dei «Büs del lat» Domenica sull'Altopiano di Cariadeghe un'escursione alla scoperta delle cavità carsiche usate un tempo per la lavorazione del latte abbinato a un itinerario gastronomico dei prodotti caseari e rurali locali

03/07/2013 08:00:00
«A spass tra i büs del lat» Domenica sull'Altopiano di Cariadeghe un'escursione alla scoperta delle cavità carsiche usate un tempo per la lavorazine del latte abbinato a un itinerario gastronomico dei prodotti caseari e rurali locali

10/02/2010 10:00:00
Biologico in tavola per un italiano su due Da luglio sui prodotti biologici comparirà l’“Eurofoglia” il logo europeo per gli alimenti biologici, ma per Coldiretti serve l’indicazione di origine in etichetta.

22/07/2015 10:25:00
L'itinerario cultural-gastronomico dei «Büs del lat» Domenica sull'Altopiano di Cariadeghe un'escursione alla scoperta delle cavità carsiche usate un tempo per la lavorazine del latte abbinato a un itinerario gastronomico dei prodotti caseari e rurali locali

04/03/2010 10:00:00
Ogm: l’Italia è libera di vietarli L’Unione Europea ha autorizzato per la prima volta una coltivazione geneticamente modificata ma per la Coldiretti l’Italia è libera di vietarli.



Altre da Economia e Lavoro
28/03/2017

Filiera a chilometro zero

Azienda agricola, macello aziendale, spaccio per la vendita diretta di carni e salumi. E' il sistema adottato da Stefano Vassalini in via Tombino a Preseglie. E c'è anche il ritorno ai "pacchi famiglia", nel pieno spirito della tradizione

28/03/2017

Bilancio positivo per Agri 90

Dati confortati per la cooperativa agricola di Storo: aumentato di 500mila euro il valore della produzione che supera quota 3 milioni e mezzo

26/03/2017

Leali Steel, proposte da tre gruppi siderurgici

Mentre si attende la decisione del Tribunale di Trento relativa alla possibile revoca dell’ammissione al concordato preventivo, per gli asset dell'azienda di Odolo si fanno avanti diverse proposte di acquisizione

26/03/2017

Povinelli si è fatto in disparte, dissapori con Latte Trento?

Le dimissioni rassegnate ieri l'altro dal presidente del Consorzio volontario della Spressa dop Mauro Povinelli non solo sorprendono ma a molti proprio non sono comprensibili

25/03/2017

Le sfide della montagna bresciana

L’integrazione fra le singole realtà vallive, i fondovalle e la fascia urbana di pianura è una questione che rimane attuale per le valli bresciane e per la Valle Sabbia in particolare. Quali sfide ci attendono? E in che modo vanno affrontate?

25/03/2017

Mercati settimanali e commercio ambulante, un mondo in trasformazione

Le novità normative sul commercio ambulante e i mercati portano a riflettere su come questo settore sia ancora importante a livello economico e sociale e su come stiano cambiando i suoi protagonisti

25/03/2017

Made in Agnosine una app per pregare

Si chiama Pregaudio. L'idea arriva dalla Riviera romagnola e a metterla in pratica è stata un'azienda valsabbina

24/03/2017

Industrie Pasotti, affitto dell'intera attività per salvaguardare produzione e lavoratori

I rappresentati sindacali hanno firmato l’accordo con la Tematrade di Bedizzole che affitterrà l’intera attività con il passaggio dei lavoratori degli stabilimenti di Prevalle e Sabbio Chiese (2)

24/03/2017

Bollo auto-moto: come e quando si paga

Come e dove si può pagare il bollo auto? Cosa fare in caso di bollo scaduto?

22/03/2017

Scuola lavoro in ospedale

Si è da poco conclusa una interessante esperienza formativa che ha portatogli studenti delle classi 4° e 5° A, che frequentano il corso di studi sui Servizi Socio Sanitari nella sede di Idro del Perlasca, in Ospedale a Gavardo

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia