09 Maggio 2020, 08.14
Banche

Dopo 31 anni Donati lascia la sua Rurale

di val.

La decisione era nell’aria da tempo, anche se all’interno di quella che a detta di tutti è “la sua creatura”, ovvero la Rurale Giudicarie valsabbia Paganella, speravano che cambiasse idea


Davide Donati lascia a malincuore, spinto da motivi di salute, la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, dopo quasi 31 anni di servizio, 25 dei quali trascorsi nel ruolo di direttore generale.
A fine maggio il suo ruolo verrà assunto dal vice Michele Pernisi.

Entrato in banca nel 1989,
quando si chiamava Cassa rurale di Darzo e Lodrone e disponeva solo di tre sportelli con sedici dipendenti, Davide Donati si congeda avendo saputo far cogliere alla sua «creatura» risultati di assoluto rilievo.

Il personale,
«costituito oggi da una squadra molto affiatata di giovani capaci di esprimere al tempo stesso grande professionalità ed umanità» per dirla con le parle dello stesso Donati, ha raggiunto la soglia di 150 dipendenti.

Gli sportelli sono 25, dieci dei quali nel Bresciano.
I soci sono passati da 555 a 8. 249 e la raccolta è schizzata da 24,5 milioni (convertendo le lire di allora) a 1,223 miliardi di euro, con i prestiti che sono cresciuti da 8 a 620 milioni di euro.

Numeri che indicano una grande crescita in termini bancari, che però non sono sufficienti a dare indicazioni su ciò che in questi lunghi anni Davide Donati ha trasmesso alla Cassa in termini di attenzione per il territorio e per i bisogni dei suoi abitanti.
Si badi bene: bisogni e non solo richieste.

Questo ha permesso all’istituto da lui guidato di espandersi e di diventare un assoluto protagonista dell’economia e della società nella zona compresa tra la Valle Sabbia e il Basso Trentino, quando altre realtà bancarie chiudevano sportelli.

Non è stata certamente una scelta semplice
, quella di lasciare la Cassa, Donati ha dichiarato di aver computo questo passo con grande senso di responsabilità, anche in vista dell’impegnativo progetto di fusione con la Cassa rurale Adamello, intrapreso sul finire del 2019, che porterà alla presenza di una sola banca di credito cooperativo nella zona delle Giudicarie trentine e nell’alta e media Valle Sabbia, quanto a fine anni Ottanta se ne contavano ben 18.

Davide Donati ha 58 anni e non è certo la pensione ad accoglierlo.
«Non so cosa farò: mi occuperò di qualche cosa che sia in grado di darmi il gusto stimolo intellettuale, dove servano ricerca e progettualità, ma su dimensioni più contenute e meno stressanti. Perché no, magari nell’ambito del sociale».



Vedi anche
26/05/2020 13:40:00

«Una dote rara: saper ascoltare» Per me un fulmine a ciel sereno: Davide Donati, direttore generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, ha rassegnato le sue dimissioni!

30/05/2020 07:45:00

L'ultimo giorno del condottiero Davide Donati ha lasciato ieri quella che può essere considerata “la sua creatura”, almeno per come si presenta oggi, la Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Glielo impongono le condizioni di salute

30/05/2016 19:55:00

Una giornata in Cassa Per a serie "A scuola di Lavoro", qualche giorno fa, grazie alla sensibilità del direttore Davide Donati, abbiamo potuto godere di un’ottima opportunità formativa: una giornata in Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella

03/04/2015 09:57:00

Chiusura in utile per la Rurale La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella spesa 25 milioni di sofferenze, ma chiude in utile per 1,7 milioni. L'assemblea dei soci è attesa per il 24 aprile

20/01/2016 06:56:00

Amministratori si diventa La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella propone ai soci un corso per conoscere ed imparare ad amministrare una Cassa Rurale. C'è tempo fino a venerdì per l'iscrizione



Altre da Cassa Rurale GVP
29/06/2020

Assemblea ordinaria e straordinaria

Grande partecipazione dei soci all’assemblea ordinaria con la modalità del rappresentante designato. Ora si rilancia per l’assemblea straordinaria di fusione

17/06/2020

Assemblee due... riunioni nessuna

C'è voluta "l'emergenza coronavirus" per fermare la partecipazione diretta dei soci della Rurale, che quest'anno di appuntamenti fondamentali, per prendere decisioni sulla loro banca, ne mancheranno due: quello sul bilancio e quello sulla fusione 

12/06/2020

InGenerAzione

Con questo nuovo bando, la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella intende stimolare l’incontro tra due generazioni: quella dei giovani che fanno parte di associazioni locali e quella della popolazione più adulta che vive nella comunità di riferimento dell’associazione

30/05/2020

L'ultimo giorno del condottiero

Davide Donati ha lasciato ieri quella che può essere considerata “la sua creatura”, almeno per come si presenta oggi, la Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Glielo impongono le condizioni di salute

26/05/2020

«Una dote rara: saper ascoltare»

Per me un fulmine a ciel sereno: Davide Donati, direttore generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, ha rassegnato le sue dimissioni!

16/05/2020

Oltre l'emergenza, interpretando cambiamenti e bisogni

Conclusa, almeno per ora, la fase emergenziale, la Cassa Rurale investe su inventiva, tecnologia e formazione. Stanziato in mutualità un milione di euro

30/04/2020

Formazione online per le associazioni del territorio

Prende il via dal mese di maggio “Associazione in Formazione”, l’iniziativa promossa per il terzo anno dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella che quest’anno si terrà in videoconferenza

16/04/2020

Due bandi per enti e associazioni

Anche per il 2020 la Cassa Rurale rinnova il suo impegno a favore delle comunità locali pubblicando con un po’ di anticipo rispetto al solito due bandi distinti con l’unico scopo di offrire sostegno agli enti e alle associazioni del territorio

10/04/2020

Consorzio Laghi, grazie alla Cassa Rurale

Con una lettera al nostro giornale, il Consorzio Laghi vuole ringraziare la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella per il contributo assegnatogli

03/04/2020

Quattro ventilatori all'ospedale di Gavardo

Sono quelli messi a disposizione dalla Cassa Rurale nel contesto delle iniziativa messe in campo per la situazione di emergenza. In arrivo per chi ne ha bisogno anche 5 mila mascherine