07 Febbraio 2018, 12.59
Sanremo

Prima serata, senza infamia e senza lode

di Davide Vedovelli

Onesta ma mediocre la prima serata del Festival. Molte canzoncine e qualche sprazzo di bellezza sul palco dell'Ariston


La prima serata del Festival va in archivio senza infamia e senza lode. Noi di vallesabbianews l'abbiamo vissuta in modo particolare commentandola insieme in diretta facebook. Ringraziamo gli oltre 2000 spettatori che hanno si sono collegati con noi per seguire e commentare la diretta.

Per sentire la prima canzone sono dovuti passare 48 minuti dall'inizio della diretta poi finalmente sale Annalisa che per fortuna è scesa presto.
Prima di entrare nel merito delle singole esibizioni devo dire che Mister Baglioni ha provato a mettere in primo piano la musica (come è giusto che sia), peccato che la è stata proprio la bella musica la grande assente. Pochi sprazzi di bellezza in una mare di mediocrità o show fine a se stesso (penso all'imbarazzante performance dei The Kolors ad esempio).
A dare ritmo ci ha pensato Fiorello, vero mattatore della serata. Ecco le pagelle dello spaccadischi.


ANNALISA - Il mondo prima di te. Apre il festival con una canzone piatta, un'esibizione algida e un testo inesistente. Peccato ci toccherà riascoltarla almeno un'altra volta. VOTO: 3,5

RON - Almeno pensami. Il testo è di Lucio Dalla e anche Ron tende ad interpretarla come se la cantasse Dalla. Resta una delle migliori canzoni del festival ed una tra le papabili per la vittoria. VOTO: 8

THE KOLORS - Frida (Mai, Mai, Mai): canzone terribile e furba, costruita appositamente per le radio. L'esibizione è stata una carnevalata della peggior specie. Non mi stupisce che questi proditti siano usciti da un talent. VOTO: 4

MAX GAZZE' - La leggenda di Cristalda e Pizzomunno: elegante e raffinata Max Gazzè fa capire la differenza tra chi sa fare musica davvero e chi no. Non uno tra i suoi pezzi migliori ma tanto emstiere che la rende comunque una buona canzone. VOTO: 7

ORNELLA VANONI con BUNGARO E PACIFICO - Imparare ad amarsi: l'esibizione emoziona e il pezzo c'è! Tanta maestria e un'eleganza unica. VOTO: 8

ERMAL META E FABRIZIO MORO - Non mi avete fatto niente: nonostante la critica sia molto favorevole a me questo pezzo non è per nulla piaciuto. Un susseguirsi di luoghi comuni, di banalità e ovvietà per fingersi impegnati. Senza dire nulla e con la pretesa di dire tutto c'è anche qualche possibilità che la canzone venga estromessa dal Festival per sospetto plagio. Speriamo. VOTO 4,5

MARIO BIONDI - Rivederti: musica da ascensore che incanta… per i primi 30 secondi ma poi annoia.  VOTO: 6

ROBY FACCHINETTI E RICCARDO FOGLI - Il segreto del tempo: pugnetti sulle spalle come due vecchi amici in un siparietto patetico. Facchinetti canta male, il resto è noia. VOTO: 3,5

LO STATO SOCIALE - Una vita in vacanza: dalla scena alternativa vengono catapultati sul palco dell'Ariston ma la voce fatica a trovare l'intonazione e riempiono il palco con uno spettacolino che lascia il tempo che trova. VOTO: 6

NOEMI - Non smettere mai di cercarmi: mi convince. Stoffa ne ha da vendere e la voce rovinata e graffiata arriva dove deve arrivare riuscendo ad emozionarmi. VOTO: 7,5

DECIBEL - Lettera dal Duca: Ruggeri & Co., sono in difficoltà a parlare male di Ruggeri ma questa performance sta tra il patetico e il nostalgico. Energia ce n'è, la canzone traballa, soprattutto quando mischia italiano ed un inglese da scuole elementari. Per il Duca si poteva fare di meglio. VOTO: 5,5

GIOVANNI CACCAMO - Eterno: questa è la vera canzone sanremese, elegante, leggermente romantica e senza nessuna pretesa. Tanto mestiere per uno che ormai all'Ariston si sente di casa. VOTO: 6

RED CANZIAN - Ognuno ha il suo racconto: l'ex Pooh meglio dei suoi due ex colleghi, bella voce e canzone quasi convincente VOTO: 6

LUCA BARBAROSSA - Passame er sale: canzone in romanesco discreta. VOTO: 6

DIODATO E ROY PACI - forse la canzone meglio arrangiata e la più complessa e strutturata del festival. Servono più ascolti per apprezzarla meglio VOTO: 7

NINA ZILLI - Senza appartenere: canzone femminista e femminile che però stenta a decollare. VOTO: 5

RENZO RUBINO - Custodire: mi sono distratto e quasi addormentato, non per colpa sua (credo) VOTO n.c

ENZO AVITABILE CON PEPPE SERVILLO - Il coraggio di ogni giorno: due pezzi da novanta che spaziano dalla world music alla canzone popolare. Arrangiamento e interpretazione notevoli. Tanta classe e qualità. Troppe per questo palco. VOTO: 7

LE VIBRAZIONI - Così sbagliato: si riuniscono ed hanno un buon tiro rock. VOTO: 6,5


Commenti:
ID75132 - 07/02/2018 22:42:45 - (Italianomedio) - ed Elio?

e le storie tese?

ID75134 - 08/02/2018 08:20:52 - (nion84) - Davide V

Vero, grazie per la segnalazione.Elio mi aspettavo qualche cosa in più, ma costumi molto belli e sempre simpatici. VOTO 7

ID75135 - 08/02/2018 16:44:50 - (Tc) - ...mha

Al di la di tutto,mi sembra fin troppo scarso il voto dato ai Decibel...decisamente da 7...ma sono opinioni personali...sbagliero' ma secondo me si giochera' un posto sul podio e o vincera' un premio speciale...

Aggiungi commento:
Vedi anche
16/02/2011 14:37

Sanremo 2011: su il sipario, buona la prima Sanremo atto primo. Ieri sera, in diretta nazionale su Rai Uno, andata in onda la prima serata del Festival di Sanremo.

05/02/2018 16:40

Commentiamo in diretta il Festival Ci saremo anche noi di Vallesabbianews a dire la nostra sulla prima serata del 68° Festival di Sanremo in diretta dal Bar Aquila di Agnosine con Viviana Laffranchi e Stefano Gelmini

19/02/2014 15:30

Noia e banalità aprono il Festival Tra l'imbarazzante siparietto Fazio-Casta e un playback coi fiocchi della Carrà si chiude una prima deludente serata a Sanremo. Le pagelle dello Spaccadischi

10/02/2016 12:00

Prima serata, tanto rumore per nulla Mai questa citazione fu più appropriata... perché la musica e la canzone ieri non si sono viste nella città dei fiori

05/02/2020 11:22

Sanremo, la prima serata del Festival Si è conclusa e ha regalato qualche buona sorpresa, buona anche la conduzione con Amadeus, che ha saputo tenere il ritmo senza peccare di protagonismo



Altre da Eventi
14/08/2020

Festa dell'Assunta, la «Pasqua dell'estate»

Non ci saranno quest’anno le sagre di paese in occasione del Ferragosto, ma non mancheranno le celebrazioni presso i santuari mariani e le diverse parrocchiali dedicate all’Assunzione di Maria

14/08/2020

A Muscoline con gli Amici di Alfredo

Ci saranno loro questa sera al Parco dell’Oratorio Lorenzo Piovanelli, per un concerto “Tributo a Vasco Rossi”

14/08/2020

Un concerto per la ripartenza

Con tutte le limitazioni del caso, anche quest'anno l'Oschestra di fiati della Banda di Salò proporrà la sera di domenica 15 agosto in piazza Duomo il Granconcerto di Ferragosto

14/08/2020

Weekend di Ferragosto

Avrei voluto, come lo scorso anno, segnalarvi sagre, feste, concerti e fuochi d'artificio sul Garda ma quest'anno non sarà così. Alcuni eventi però sono possibili, in osservanza delle norme anti-Covid, e di questi parliamo volentieri.

14/08/2020

In piazzetta a Ferragosto

Un doppio appuntamento fra musica e parole quello proposto dall’associazione “La rosa e la spina”: venerdì sera a Gavardo e sabato sera a Villanuova

14/08/2020

Tredicesimo memoriale Pippa Bacca

Si terrà nel tardo pomeriggio di lunedì 17 agosto, la traversata del Golfo di Salò in ricordo della ragazza scomparsa 13 anni mentre partecipava a una performance artistica in Turchia

14/08/2020

«Fiati all'Opera»

La rassegna “Suoni e Sapori del Garda” propone per questa domenica, 16 agosto, a Toscolano un concerto di musica da camera del gruppo di fiati Promenade

13/08/2020

Nuovi murales a Belprato

Anche quest’anno, a cavallo del Ferragosto, nel borgo di Pertica Alta alcuni artisti proseguiranno il progetto “Belprato paese dipinto”

13/08/2020

«RipartiAMO Vobarno»

La rassegna di eventi musicali promossa dal Comune di Vobarno continua domani sera – 14 agosto – con un concerto live del gruppo Azimut

13/08/2020

Una commedia per allietare il Ferragosto

Rispettando la normativa anti-covid e il distanziamento questo venerdì sera a Pertica Alta si alzerà il sipario sulla commedia con la Signora Maria