Skin ADV
Lunedì 19 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Torrechiara

Torrechiara

by Miriam



17.08.2019 Vobarno

18.08.2019 Vobarno

17.08.2019

17.08.2019 Sabbio Chiese

17.08.2019 Vestone

18.08.2019 Bagolino

18.08.2019 Vestone Valsabbia

18.08.2019

17.08.2019 Pertica Alta

17.08.2019 Preseglie






21 Luglio 2019, 09.10
Gavardo
Blog - Maestro John

All'asilo si sta bene

di John Comini
Quando incontro alcuni compagni dell’asilo, anche se è passata una vita, ci salutiamo con un sorriso...

Alcuni miei amici (come Deni Giustacchini e il Teddy) avevano frequentato l’asilo situato in fondo al vicolo che parte da piazza Zanardelli, mentre io e gli amici Cesare Mora, Achille Recher, Rinaldo Berta e molti altri andavamo all’asilo delle Suore Orsoline, nel grande e stupendo Monastero di Santa Maria. Eravamo divisi in piccoli, mezzani e grandi, i piccoli li chiamavano “pisóni”. C’era suor Guglielmina, piccola come noi, talmente piccola che ricordava la suora di Fellini in “Amarcord”. E poi c’erano la madre Rosa, madre Francesca, suo Imelda, suor Benedetta, madre Crocifissa…

C’era la campanella, vicino alla ruota di legno che le suore usavano per far passare una scodella di minestra ai poveri. Come “el Zanèla”, che mangiava la sua scodella e poi andandosene diceva: “Rierà i Rusi!” Le suore ci dicevano di ascoltare la vocina nel nostro cuoricino, io mi impegnavo ma non sentivo niente.

Ogni anno arrivava Santa Lucia a portarci le caramelle: era bellissima, coperta da stupendi veli, chissà perché ricordava vagamente una delle suore, ma non poteva essere lei, quella suora aveva i baffi! “Le bugie fanno piangere Gesù” ci diceva  la madre Rosa, e quando pioveva a catinelle ci sembrava di essere i responsabili della passione di Nostro Signore.

Quando pioveva cantavamo: “Oh Madonnina santa abbi di noi pietà, un po’ di sole per carità…”così per ore e ore, fino a quando il sole aveva pietà di noi.

Robert Fulghum ha scritto: “La massima parte di ciò che veramente mi serve sapere su come vivere, cosa fare e in che modo comportarmi l’ho imparato all’asilo.

La saggezza non si trova al vertice della montagna di studi superiori, ma nei castelli di sabbia del giardino dell’infanzia. Queste sono le cose che ho appreso all’asilo:
- dividere tutto con gli altri;
- giocare correttamente;
- non far male alla gente;
- rimettere le cose a posto;
- sistemare il disordine;
- non perdere la roba degli altri;
- dire che mi dispiace quando faccio del male a qualcuno;
- lavarmi le mani prima di mangiare;
- i biscotti caldi e il latte freddo fanno bene;
- condurre una vita equilibrata: imparare qualche cosa, pensare un po’, disegnare, cantare, ballare e lavorare un tanto al giorno;
- fare un pisolino al pomeriggio (io lo faccio sempre!);
- nel mondo badare al traffico, tenere per mano e stare vicino agli altri;
- essere consapevole del meraviglioso;
- ricordare il seme del vaso: le radici scendono, la pianta sale anche se nessuno sa veramente come e perché, ma tutti noi siamo così;
- i pesci rossi, i criceti, i topolini bianchi e perfino il seme nel suo recipiente: tutti muoiono e noi pure;
- non dimenticare, infine, la prima parola che ho imparato, la più importante: osservare.”

Alcune cose saranno sempre più forti del tempo e della distanza, più profonde del linguaggio e delle abitudini: seguire i propri sogni e imparare a essere se stessi, condividendo con gli altri la magia di quella scoperta.

Giorgio Gaber cantava: “Non insegnate ai bambini la vostra morale, è così stanca e malata, potrebbe far male. Non elogiate il pensiero che è sempre più raro, non indicate per loro una via conosciuta, ma se proprio volete insegnate soltanto la magia della vita…Non gli riempite il futuro di vecchi ideali, l’unica cosa sicura è tenerli lontano dalla nostra cultura, non esaltate il talento che è sempre più spento, ma se proprio volete raccontategli il sogno di un’antica speranza… Non insegnate ai bambini, ma coltivate voi stessi il cuore e la mente, stategli sempre vicini, date fiducia all’amore, il resto è niente. Giro giro tondo, cambia il mondo…”

Penso a Maria Montessori, un genio dell’educazione. Una donna che è partita dall’idea «che i bambini possano liberamente esprimersi e così rivelarci bisogni e attitudini che rimangono nascosti o repressi quando non esista un ambiente adatto a permettere la loro attività spontanea». Sosteneva che la pedagogia deve rispettare la libertà del bambino. Era una visionaria, immaginò una pedagogia basata sulla creatività e non sulla disciplina. Il bambino impara e apprende meglio se vive in un ambiente stimolante e ricco di oggetti interessanti che attirino la sua attenzione. Il metodo Montessori incoraggia i bambini a sviluppare indipendenza e autodisciplina. L’effetto magico del metodo Montessori: un’educazione individualizzata che insegna a vivere meglio in gruppo.

Penso ad alcune bellissime esperienze, dove bambini di 3 anni e anziani di 90 si prendono per mano, giocano insieme, tra favole e lezioni di cucina. Si chiama "educazione intergenerazionale", consiste nel far coabitare nella stessa struttura un asilo nido e un centro anziani, i piccolissimi e i vecchi. Dove la lentezza è un dono. Divertendosi non poco, sporcandosi di farina e impastando torte. Mano nella mano.
Creando occasioni di incontro, come la cucina, la pittura, la lettura, in cui le età si mescolino, le generazioni si fondano, dove gli anziani e i bambini insieme stanno bene, e imparano gli uni dagli altri. Perché i più anziani e i più piccoli hanno lo stesso passo, si sa, e basta uno sguardo per essere complici e diventare amici.

Racconta una nonna: "Io li ascolto i bambini sapete, ci gioco, gli narro le storie della mia infanzia, e loro sono attenti, mi guardano diritti negli occhi. E se mi fermo, mi tirano per il braccio: Nonna, poi che cosa fa il lupo?". Troppo spesso oggi le età non si incontrano, come se la vecchiaia fosse qualcosa da nascondere. Così, invece, è un po' come passare il testimone....

E penso a un bambino di 5 anni, che balla di gioia in un commovente video che ha fatto il giro del mondo. Si chiama Ahmad Sayed Rahman. Aveva otto mesi quando una mina gli ha portato via la gamba, in una strada di polvere del suo sperduto villaggio nell’Afghanistan della guerra, Ma ora, Ahmad la sua gamba perduta se l’è dimenticata. All’ospedale della Croce Rossa di Kabul, il centro ortopedico dove operano i dottori guidati da un italiano, Alberto Cairo, gliene hanno messa una nuova. Ahmad balla per mostrare la sua felicità di avere questa gamba artificiale, grazie alla quale può anche correre, divertirsi con i suoi amici.

Diciamo sempre che il mondo è brutto, pazzo, che siamo sommersi dalla cattiveria, plastica e dall’inquinamento. Diciamo sempre che vogliamo guadagnare di più, per comprare, comprare e comprare ancora. Abbiamo paura di tutto e di tutti. Siamo sempre indignati, a volte ci sentiamo abbandonati.

Ma di fronte a questo bambino, ritroviamo il sorriso. Ahmad sta ballando... Sì, Ahmad sta ballando, felice. In mezzo alla guerra e alla devastazione, il piccolo Ahmad sta ballando... La sua danza ci dà un'onda di speranza. Grazie, piccolo, meraviglioso Ahmad.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo,

maestro John

Nelle foto:
1) Suor Guglielmina e alcuni bambini (grazie a Renato Massolini per la foto)
2) I bambini dell’asilo Quarena accompagnano un funerale (foto del mitico Cesare Goffi)
3) Foto di gruppo con la madre Rosa e la Madonnina
4) La danza di Ahmad







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID81246 - 21/07/2019 09:39:44 (Geppo1950) grazie
Ciao John mi riporti idietro di 60 anni vedo Suor Guglielmina Madre Rosa e la Madonnina nessun rimpianto ma bellissimi ricordi Con una merenda di: 1 Formaggino 1 Mela 1 Panino, il pomeriggio a dormire sulle sdraio ciao


ID81248 - 21/07/2019 11:59:11 (Iva) sempre bravo
Sempre bravo maestro John



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

11/03/2018 10:00:00
Come neve La mia amica Mari mi ha raccontato una storia bellissima e commovente. C’è un uomo, si chiama Natalino. È nato in un paese del lago. È un bambino di quattro anni quando rimane orfano. È stato messo in un collegio, dove le suore lo trattano bene. Conosce una ragazza molto giovane…

21/11/2018 17:00:00
Siamo unici Siamo tutti diversi. Nessuno è perfetto (anche se qualcuno pensa di esserlo). Se ci impegnassimo tutti, fin da bambini, a rispettare le differenze di ciascuno, vivremmo in un mondo migliore

02/06/2019 10:03:00
Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

28/04/2019 10:00:00
Alla Fiera di maggio... ...per due soldi lo zucchero filato mio padre comprò. Mercoledì 1° maggio inizia la Fiera di Gavardo e Vallesabbia, ma le giostre sono già arrivate, per la gioia dei bambini



Altre da Gavardo
14/08/2019

Aspettando Memorie di Terra

Terminati i “Viaggi d’acqua”, la prima parte di Acque e Terre Festival, ecco pronta la seconda parte, che quest’anno andrà in scena dal 30 agosto al 4 ottobre

14/08/2019

Una premessa sbagliata

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto (4)

14/08/2019

Ecco il progetto di Acque Bresciane

Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese (17)

13/08/2019

Vento e grandine, danni per la tromba d'aria

Il forte temporale di ieri sera ha colpito duramente la bassa Valsabbia, con chicchi di grandine grossi come albicocche, alberi abbattuti e tetti scoperchiati (1)

12/08/2019

Candida e Antonio 10 anni insieme

Tanti auguri a Candida e Antonio, di Gavardo, che oggi, 12 agosto, festeggiano il loro decimo anniversario di matrimonio


11/08/2019

Fondazione «La Memoria», Cda senza minoranza

La minoranza gavardese lamenta di essere rimasta inascoltata in merito alle nomine del Cda della Fondazione: «Azione antidemocratica, non era mai successo prima»
(12)

09/08/2019

Nuovo consiglio per la fondazione «La Memoria»

Il sindaco di Gavardo Davide Comaglio ha provveduto alla nomina del nuovo cda della casa di riposo e anche del Polo dell’infanzia “Quarena”


 

08/08/2019

Grande festa per il 10° Torneo dell'Amicizia

Si è concluso con una grande partecipazione il torneo estivo organizzato dall’Asd Oratorio Gavardo che ha visto la partecipazione di 450 giocatori nei vari tornei

07/08/2019

Nuovi mezzi e attrezzature per la Locale

Con l’ultima variazione di bilancio, l’Amministrazione comunale di Gavardo ha stanziato risorse per ammodernare le apparecchiature e i veicoli per il presidio del territorio (8)

04/08/2019

Due arresti per droga

Fermate nel corso dei controlli degli ultimi giorni, rispettivamente dai Carabinieri di Sabbio Chiese e da quelli di Gavardo, due persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti e materiale riconducibile allo spaccio

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia