Skin ADV
Lunedì 09 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Prossimi eventi






07.12.2019 Barghe

07.12.2019 Bione

07.12.2019 Bione Odolo Preseglie Valsabbia

07.12.2019 Barghe

07.12.2019 Valsabbia

08.12.2019 Gavardo Garda

08.12.2019

07.12.2019 Prevalle Provincia

08.12.2019 Val del Chiese Storo

08.12.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Garda Provincia






21 Luglio 2019, 09.10
Gavardo
Blog - Maestro John

All'asilo si sta bene

di John Comini
Quando incontro alcuni compagni dell’asilo, anche se è passata una vita, ci salutiamo con un sorriso...

Alcuni miei amici (come Deni Giustacchini e il Teddy) avevano frequentato l’asilo situato in fondo al vicolo che parte da piazza Zanardelli, mentre io e gli amici Cesare Mora, Achille Recher, Rinaldo Berta e molti altri andavamo all’asilo delle Suore Orsoline, nel grande e stupendo Monastero di Santa Maria. Eravamo divisi in piccoli, mezzani e grandi, i piccoli li chiamavano “pisóni”. C’era suor Guglielmina, piccola come noi, talmente piccola che ricordava la suora di Fellini in “Amarcord”. E poi c’erano la madre Rosa, madre Francesca, suo Imelda, suor Benedetta, madre Crocifissa…

C’era la campanella, vicino alla ruota di legno che le suore usavano per far passare una scodella di minestra ai poveri. Come “el Zanèla”, che mangiava la sua scodella e poi andandosene diceva: “Rierà i Rusi!” Le suore ci dicevano di ascoltare la vocina nel nostro cuoricino, io mi impegnavo ma non sentivo niente.

Ogni anno arrivava Santa Lucia a portarci le caramelle: era bellissima, coperta da stupendi veli, chissà perché ricordava vagamente una delle suore, ma non poteva essere lei, quella suora aveva i baffi! “Le bugie fanno piangere Gesù” ci diceva  la madre Rosa, e quando pioveva a catinelle ci sembrava di essere i responsabili della passione di Nostro Signore.

Quando pioveva cantavamo: “Oh Madonnina santa abbi di noi pietà, un po’ di sole per carità…”così per ore e ore, fino a quando il sole aveva pietà di noi.

Robert Fulghum ha scritto: “La massima parte di ciò che veramente mi serve sapere su come vivere, cosa fare e in che modo comportarmi l’ho imparato all’asilo.

La saggezza non si trova al vertice della montagna di studi superiori, ma nei castelli di sabbia del giardino dell’infanzia. Queste sono le cose che ho appreso all’asilo:
- dividere tutto con gli altri;
- giocare correttamente;
- non far male alla gente;
- rimettere le cose a posto;
- sistemare il disordine;
- non perdere la roba degli altri;
- dire che mi dispiace quando faccio del male a qualcuno;
- lavarmi le mani prima di mangiare;
- i biscotti caldi e il latte freddo fanno bene;
- condurre una vita equilibrata: imparare qualche cosa, pensare un po’, disegnare, cantare, ballare e lavorare un tanto al giorno;
- fare un pisolino al pomeriggio (io lo faccio sempre!);
- nel mondo badare al traffico, tenere per mano e stare vicino agli altri;
- essere consapevole del meraviglioso;
- ricordare il seme del vaso: le radici scendono, la pianta sale anche se nessuno sa veramente come e perché, ma tutti noi siamo così;
- i pesci rossi, i criceti, i topolini bianchi e perfino il seme nel suo recipiente: tutti muoiono e noi pure;
- non dimenticare, infine, la prima parola che ho imparato, la più importante: osservare.”

Alcune cose saranno sempre più forti del tempo e della distanza, più profonde del linguaggio e delle abitudini: seguire i propri sogni e imparare a essere se stessi, condividendo con gli altri la magia di quella scoperta.

Giorgio Gaber cantava: “Non insegnate ai bambini la vostra morale, è così stanca e malata, potrebbe far male. Non elogiate il pensiero che è sempre più raro, non indicate per loro una via conosciuta, ma se proprio volete insegnate soltanto la magia della vita…Non gli riempite il futuro di vecchi ideali, l’unica cosa sicura è tenerli lontano dalla nostra cultura, non esaltate il talento che è sempre più spento, ma se proprio volete raccontategli il sogno di un’antica speranza… Non insegnate ai bambini, ma coltivate voi stessi il cuore e la mente, stategli sempre vicini, date fiducia all’amore, il resto è niente. Giro giro tondo, cambia il mondo…”

Penso a Maria Montessori, un genio dell’educazione. Una donna che è partita dall’idea «che i bambini possano liberamente esprimersi e così rivelarci bisogni e attitudini che rimangono nascosti o repressi quando non esista un ambiente adatto a permettere la loro attività spontanea». Sosteneva che la pedagogia deve rispettare la libertà del bambino. Era una visionaria, immaginò una pedagogia basata sulla creatività e non sulla disciplina. Il bambino impara e apprende meglio se vive in un ambiente stimolante e ricco di oggetti interessanti che attirino la sua attenzione. Il metodo Montessori incoraggia i bambini a sviluppare indipendenza e autodisciplina. L’effetto magico del metodo Montessori: un’educazione individualizzata che insegna a vivere meglio in gruppo.

Penso ad alcune bellissime esperienze, dove bambini di 3 anni e anziani di 90 si prendono per mano, giocano insieme, tra favole e lezioni di cucina. Si chiama "educazione intergenerazionale", consiste nel far coabitare nella stessa struttura un asilo nido e un centro anziani, i piccolissimi e i vecchi. Dove la lentezza è un dono. Divertendosi non poco, sporcandosi di farina e impastando torte. Mano nella mano.
Creando occasioni di incontro, come la cucina, la pittura, la lettura, in cui le età si mescolino, le generazioni si fondano, dove gli anziani e i bambini insieme stanno bene, e imparano gli uni dagli altri. Perché i più anziani e i più piccoli hanno lo stesso passo, si sa, e basta uno sguardo per essere complici e diventare amici.

Racconta una nonna: "Io li ascolto i bambini sapete, ci gioco, gli narro le storie della mia infanzia, e loro sono attenti, mi guardano diritti negli occhi. E se mi fermo, mi tirano per il braccio: Nonna, poi che cosa fa il lupo?". Troppo spesso oggi le età non si incontrano, come se la vecchiaia fosse qualcosa da nascondere. Così, invece, è un po' come passare il testimone....

E penso a un bambino di 5 anni, che balla di gioia in un commovente video che ha fatto il giro del mondo. Si chiama Ahmad Sayed Rahman. Aveva otto mesi quando una mina gli ha portato via la gamba, in una strada di polvere del suo sperduto villaggio nell’Afghanistan della guerra, Ma ora, Ahmad la sua gamba perduta se l’è dimenticata. All’ospedale della Croce Rossa di Kabul, il centro ortopedico dove operano i dottori guidati da un italiano, Alberto Cairo, gliene hanno messa una nuova. Ahmad balla per mostrare la sua felicità di avere questa gamba artificiale, grazie alla quale può anche correre, divertirsi con i suoi amici.

Diciamo sempre che il mondo è brutto, pazzo, che siamo sommersi dalla cattiveria, plastica e dall’inquinamento. Diciamo sempre che vogliamo guadagnare di più, per comprare, comprare e comprare ancora. Abbiamo paura di tutto e di tutti. Siamo sempre indignati, a volte ci sentiamo abbandonati.

Ma di fronte a questo bambino, ritroviamo il sorriso. Ahmad sta ballando... Sì, Ahmad sta ballando, felice. In mezzo alla guerra e alla devastazione, il piccolo Ahmad sta ballando... La sua danza ci dà un'onda di speranza. Grazie, piccolo, meraviglioso Ahmad.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo,

maestro John

Nelle foto:
1) Suor Guglielmina e alcuni bambini (grazie a Renato Massolini per la foto)
2) I bambini dell’asilo Quarena accompagnano un funerale (foto del mitico Cesare Goffi)
3) Foto di gruppo con la madre Rosa e la Madonnina
4) La danza di Ahmad







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID81246 - 21/07/2019 09:39:44 (Geppo1950) grazie
Ciao John mi riporti idietro di 60 anni vedo Suor Guglielmina Madre Rosa e la Madonnina nessun rimpianto ma bellissimi ricordi Con una merenda di: 1 Formaggino 1 Mela 1 Panino, il pomeriggio a dormire sulle sdraio ciao


ID81248 - 21/07/2019 11:59:11 (Iva) sempre bravo
Sempre bravo maestro John



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

11/03/2018 10:00:00
Come neve La mia amica Mari mi ha raccontato una storia bellissima e commovente. C’è un uomo, si chiama Natalino. È nato in un paese del lago. È un bambino di quattro anni quando rimane orfano. È stato messo in un collegio, dove le suore lo trattano bene. Conosce una ragazza molto giovane…

21/11/2018 17:00:00
Siamo unici Siamo tutti diversi. Nessuno è perfetto (anche se qualcuno pensa di esserlo). Se ci impegnassimo tutti, fin da bambini, a rispettare le differenze di ciascuno, vivremmo in un mondo migliore

22/09/2019 09:15:00
La scuola, due bambini e il «maestro» Mattarella L’estate sta finendo, lunedì comincia l’autunno. Ma le scuole sono già iniziate, con tutte le ansie, i problemi… e le false partenze. Chissà perché, ma non si riesce mai a partire con tutti i docenti nelle varie classi...

02/06/2019 10:03:00
Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo



Altre da Gavardo
08/12/2019

Un'opera per il territorio?

Grande affluenza lo scorso venerdì sera al dibattito organizzato a Muscoline da Fratelli d’Italia. Presente anche il senatore Gianpietro Maffoni, membro della Commissione Ambiente


08/12/2019

Oltre duemila libri per i bimbi ricoverati

Grazie ad una raccolta promossa dalle Librerie Giunti al Punto i reparti di Pediatria degli ospedali di Gavardo e Desenzano hanno ricevuto più di 2350 volumi destinati ai piccoli pazienti

07/12/2019

La Banda di Sopraponte in concerto per l'Immacolata

Ricordando il passato ma sempre con lo sguardo rivolto al futuro, il Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte propone per questa domenica, 8 dicembre, un concerto per augurare Buon Natale a tutta la popolazione


05/12/2019

Galeotto fu l'aperitivo

Esce di casa per recarsi a fare l’aperitivo con gli amici, ma era ai domiciliari. Arrestato

05/12/2019

Valsabbini premiati con le Benemerenze Coni

Martedì sera a Palazzo Loggia a Brescia le premiazioni per i risultati 2018. Medaglia d’oro Dirigenti per il gavardese Gianni Pozzani, presidente del Comitato provinciale della Federazione Italiana Ciclismo

05/12/2019

La Santa Barbara dei cavatori

Anche quest’anno per la ricorrenza della patrona dei minatori e dei cavatori, è stata celebrata una messa nella galleria della cava di calcare del monte Budellone

03/12/2019

Avis Gavardo, il Centro Prelievi si trasferisce a Salò

Un trasloco temporaneo che si è reso necessario per permettere la realizzazione di un intervento di ristrutturazione dell’attuale sede presso l’ospedale di Gavardo. Invariati i giorni delle donazioni


03/12/2019

Al nido di Gavardo un alert antiabbandono

In caso di assenza dei figli dall’asilo, ai genitori viene inviato, tramite un’apposita app, un avviso sullo smartphone: un sistema tecnologico per evitare episodi di dimenticanza dei bambini

02/12/2019

Approvato il piano di diritto allo studio

In un’ottica di trasparenza e condivisione delle scelte con la comunità, l’Amministrazione comunale gavardese ha approvato con voto unanime il piano di diritto allo studio per l’anno scolastico 2019/2020


02/12/2019

Una festa per dire grazie

Si è tenuta domenica a Gavardo la tradizionale Festa del ringraziamento organizzata dalle sezioni Coldiretti di Gavardo, Villanuova sul Clisi, Calvagese della Riviera e Vallio Terme



 
Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia