Skin ADV
Lunedì 16 Settembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










30 Agosto 2017, 09.55
Gavardo
Il ricordo

Apri le tue braccia

di John Comini
È tornato alla Casa del Padre il sacerdote don Bruno Loda, vicario parrocchiale a Gavardo dal 1999 al 2003

È tornato alla Casa del Padre il sacerdote don Bruno Loda. Aveva solo 58 anni. Era nato a Castenedolo ed era stato ordinato sacerdote a Brescia il 14 giugno 1986, insieme al mio grande amico don Paolo Goffi. Don Bruno (ma non gli piaceva quel “don”, che per lui aveva un sapore di eccessiva riverenza) dal 2003 era presbitero collaboratore dell’unità pastorale di Botticino.

Me lo ricordo ancora,
vicario parrocchiale a Gavardo (dal 1999 al 2003), quando celebrava la Santa Messa nella splendida Chiesa di Santa Maria. C’era sempre un sacco di gente che accorreva anche da altri paesi per ascoltarlo. Persino la mia ex dirigente Tiziana Baronio la domenica veniva da Toscolano per partecipare alle cerimonie. Con quella barba e quei sandali, non certo adatti ai corridoi vaticani, don Bruno mi sembrava uno di quei frati predicatori che giravano il mondo per annunciare la Parola di Dio. E don Bruno aveva il dono della parola, le sue non erano le “solite” prediche, utilizzava anche frasi in dialetto per muovere i cuori e le coscienze assopite, sempre alla luce del Vangelo. E poi sul sagrato salutava con un sorriso aperto e chiaro, e in questo mi ricordava un seguace di San Francesco, che si definiva giullare di Dio.

“Dolce è sentire come nel mio cuore
ora umilmente sta nascendo amore
dolce è capire che non son più solo
ma che son parte di una immensa vita
che generosa risplende intorno a me
dono di Lui, del Suo immenso amore.
Ci ha dato il cielo e le chiare stelle,
fratello sole e sorella luna,
la madre terra con frutti, prati e fiori,
il fuoco e il vento, l’aria e l’acqua pura,
fonte di vita per le Sue creature
dono di Lui, del suo immenso amore…”
(Claudio Baglioni)

Lo scrittore Bruce Marshall nel libro “Il miracolo di padre Malachia” racconta di un prete che ha fede nei miracoli, tanta di quella fede da promettere che una sala da ballo di dubbia reputazione, il “Giardino dell’Eden”, una mattina con l’aiuto di Dio sarebbe stata trasportata in un altro luogo. Quando la notizia della promessa di Padre Malachia si diffonde, gli stessi superiori cercano di convincerlo a ritrattarla. Padre Malachia rifiuta, e alla data stabilita la sala da ballo e le persone che erano all'interno sono trasportate per miracolo su  una piccola isola disabitata.

L'evento richiama l'attenzione dei giornalisti, dei politici e degli scienziati i quali cercano di dare spiegazioni razionali dell'accaduto. Le stesse autorità ecclesiastiche sono restie a riconoscere ufficialmente come miracoloso lo spostamento, temendo la perdita del controllo dei fedeli in materia di fede. Nel frattempo, la notizia del miracolo si diffonde ovunque, le fondamenta dello scomparso "Giardino dell'Eden" diventano meta di pellegrinaggi e turismo religioso: spuntano bancarelle che vendono acqua santa, modellini in miniatura del "Giardino dell'Eden", ecc. 

Padre Malachia è infastidito dalle richieste di intervista dei giornalisti e da torme di pellegrini desiderosi di incontrare il sacerdote del miracolo, si sente impotente di fronte agli eccessi della società moderna. Ben presto si rammarica di aver chiesto a Dio il miracolo. Allora prega Dio che gli conceda la grazia di un nuovo miracolo che possa metter fine al clamore suscitato dal primo. Dio accoglie la preghiera e riporta il "Giardino dell'Eden" nella sede di origine.

Ecco, caro don Bruno, noi uomini di poca fede e di “dura cervice” (praticamente zucconi), noi che ci diciamo cristiani, andiamo a Messa e ci pare di essere persone coerenti e migliori delle altre, siamo qui ad aspettare chissà quali cose, mentre non ci accorgiamo che il vero miracolo è quello dell’amore.


“Hai cercato la libertà lontano,
hai trovato la noia e le catene
hai vagato senza via, solo con la tua fame.
Apri le tue braccia, corri incontro al Padre
oggi la Sua casa sarà in festa per te.”

Grazie per quello che ci hai donato.

maestro John Comini

in foto:
. don Bruno Loda
. il Cristo giallo, di Paul Gauguin






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/02/2019 14:24:00
Grazie, Bruno! Ieri improvvisamente ci ha lasciati Bruno Filippini. Ci sono persone che si prodigano per gli altri senza tanti squilli di tromba, senza mettersi in mostra. Lui era una di queste


02/08/2019 09:55:00
Addio a padre Giulio Cittadini Partigiano e sacerdote della Congregazione dei Padri della Pace di Brescia, fu vicino a figure straordinarie dell’antifascismo. Il ricordo delle Fiamme Verdi


02/03/2019 06:44:00
In lutto per Bruno Saranno celebrati alle 10 del mattino di lunedì in San Lorenzo a Promo, i funerali di Bruno Rassega, il 69enne morto a causa di un malore improvviso mentre con la sua auto stava viaggiando lungo via Glisenti a Vestone

01/08/2018 14:05:00
Ciao, grande Piero! Il ricordo di Piero Costantini, in passato allenatore del basket femminile di Gavardo e presidente del gruppo Eureka. I funerali questo giovedì a Brescia

26/04/2018 11:40:00
In ricordo di don Milani Andrà in scena nella serata di domani, venerdì 27 aprile, al Teatro Corallo di Villanuova lo spettacolo “Lettera a don Milani” del Teatro Gavardo, scritto da John Comini con la regia di Peppino Coscarelli



Altre da Gavardo
13/09/2019

In liquidazione la Gavardo Servizi

Con un voto unanime del Consiglio Comunale la società di servizi del Comune di Gavardo, a cui fa capo anche la Fiera, viene sciolta e messa in liquidazione (2)

12/09/2019

Con la moto sotto il camion

Davvero tanta fortuna per uscire senza gravi conseguenze da un terribile incidente come quello occorso ad un motociclista finito contro un camioncino in manovra (13)

12/09/2019

Sport e motori

Scopri Nuova Renault Clio e vieni a conoscere i giocatori della FeralpiSalò. Da Manelli a Gavardo, sabato 14 e domenica 15 settembre

12/09/2019

«Sconfinatamente»

Un’iniziativa del gruppo Gavardo In Movimento in collaborazione con le associazioni locali per celebrare la bellezza delle diversità. Appuntamento al Parco Baronchelli questo sabato, 14 settembre  (1)

11/09/2019

Lui, lei... e l'altra

Gelosa della ex moglie, aggredisce nella notte il compagno con un coltellaccio da cucina

11/09/2019

Maxi depuratore, le preoccupazioni rimangono

L’incontro tecnico dei sindaci dell’asta del Chiese con Ato e Acque Bresciane non ha dato esito soddisfacente. I primi cittadini si preparano a realizzare un progetto alternativo  (2)

10/09/2019

I «Nonni Vigili» sono pronti

Con l’inizio del nuovo anno scolastico riprenderà il servizio di sorveglianza offerto dal gruppo di pensionati gavardesi all’ingresso e all’uscita dalle scuole


 

09/09/2019

Viabilità e manutenzioni

In vista della riapertura delle scuole si concluderanno i lavori nel tratto di viale Avanzi a Gavardo. Intanto proseguono le manutenzioni dei parchi e le asfaltature (3)

09/09/2019

Al via la festa del Borgo del Quadrel

Associazione in festa sabato 14 e domenica 15 settembre, nell’evento che giunge quest’anno alla sua 38esima edizione. Come sempre danze, musica e un pranzo in compagnia 

09/09/2019

«Le gaiofe de la me nona»

L'articolo di Maestro John, di sabato 7 settembre su Vallesabbianews, offre lo spunto per proporre una poesia che rappresenta il contraltare esatto della civiltà dello spreco senza limiti, nonché degli effetti disastrosi dell'inquinamento causato dall'abbandono dei rifiuti nell'ambiente (1)

Eventi

<<Settembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia