31 Agosto 2019, 09.04
Gavardo
Blog - Maestro John

Ciao, «zia» Ninì!

di John Comini

La comunità gavardese ha dato l’ultimo saluto a Domenica Giustacchini, salita in Paradiso alla bella età di 97 anni. Tutti la chiamavamo “zia Ninì”


Gli ultimi tempi li ha vissuti presso la Casa di Riposo “Cenacolo Elisa Baldo”, attorniata dall’affetto dei familiari, dalle cure del personale, da Suor Serafina e dall’assistenza delle signore Vittorina, Manola (figlia del bravo Renato Massolini) e Carmela che le sono state sempre vicine con delicatezza e disponibilità.

La “zia Ninì” era la sorella della “zia” Libera (brava sarta e simpaticissima, solare, dalla risata contagiosa), di Rina (anche lei in Paradiso, che era bellissima, come un’attrice del cinema) e del bravo pittore e grande uomo Domenico, detto Nino, marito della dolcissima Silvana e padre di tre miei amici: Deni, Enrico e Gianantonio.

La “zia Ninì” era un vero scrigno di ricordi; anche se per molto tempo le era mancato il dono della vista, riusciva a capire benissimo il mondo che la circondava e si interessava alla vita della comunità. Attraverso il finissimo udito, riconosceva tutte le persone che la salutavano, sorprese dalla sua incredibile memoria. Ricordava una cinquantina di numeri telefonici, telefonava a tutti in occasione di onomastici, compleanni e ricorrenze familiari. Mia cognata Teresa Mora le è stata sempre vicina, l’andava sempre a trovare portandole le notizie e tirandola su di morale.

Monsignor Italo, che ha concelebrato la Messa con don Luigi e con don Ezio, nel corso dell’omelia ha ricordato la sua umiltà, la sua “visione ecclesiale”. Infatti la “zia Ninì”, oltre ad essere una donna di grande fede e di intensa preghiera (era “angelina”, cioè figlia spirituale di Sant’Angela Merici), negli anni cinquanta e sessanta è stata un punto di riferimento per molte giovani, sia come catechista sia nell’Azione Cattolica.

Ha svolto un’intensa attività di promozione dei valori religiosi accanto a don Angelo Callegari, che è stato vice parroco di Gavardo dal 1941 al 1973 e che, con monsignor Ferretti, è stato protagonista della ricostruzione materiale e spirituale della parrocchia, con la sua instancabile e intelligente attività di apostolato. Quando don Angelo si è trasferito a Verolavecchia, la  “zia Ninì” insieme a Gina Trevisani si recavano spesso a trovarlo, lei per fare da segretaria e la signora Gina per tenere in ordine la casa.

La “zia Ninì” è stata parte attiva del gruppo missionario, che già a quei tempi si impegnava per un riscatto umano delle persone più povere e spesso dimenticate. È stata lei ad accompagnare in convento suor Maria Teresa Goffi,  missionaria comboniana. Inoltre andava spesso a trovare le persone malate. Durante il bombardamento di Gavardo, in cui sono morte tragicamente alcune sue amiche, ha dato una grande mano per la pietosa ricomposizione delle salme, in quei momenti di estremo dolore.

Naturalmente si interessava sempre dei suoi numerosi nipoti e pronipoti delle famiglie Piccoli, Giustacchini e Franceschetti, voleva sapere tutte le novità sulle loro vite. Perché tre famiglie? È presto detto. Il papà aveva sposato la signora Bertelli Margherita, vedova Franceschetti, che aveva un bambino di nome Francesco (“Cecchino”, che poi diventerà papà di don Luigi, Margherita, Franca, Fausto e del caro Sergio…). Cecchino, che tutti in paese chiamavano “Giustachì”, era quindi “fratellastro” della zia Ninì.

Ricordo che la “zia Ninì”, nonostante la cecità, veniva sempre ad assistere agli spettacoli teatrali, dove recitavano i “suoi” Deni ed Enrico con il teatro Poetico. Venne ad ascoltare il mio amico Deni che recitava David Maria Turoldo in “Canti Ultimi”, ed alla fine ricordo che si era commossa.

Vorrei dedicarle una poesia del grande teologo e poeta…
“Non è tutto un vivere e insieme
un morire? Ciò che più conta
non è questo, non è questo:
conta solo che siamo eterni,
che dureremo, che sopravviveremo…
Non so come, non so dove, ma tutto
perdurerà: di vita in vita
e ancora da morte a vita
come onde sulle balze
di un fiume senza fine.
Morte necessaria come la vita,
morte come interstizio
tra le vocali e le consonanti del Verbo,
morte, impulso a sempre nuove forme.”

Cara “zia Ninì”, tu che amavi addobbare l’altare con bellissimi fiori, alla fine della Santa Messa, quando il popolo cantava “In Paradiso ti conducano gli Angeli e ti accolgano i Santi negli eterni splendori” ho pensato che eri felice, perché potevi entrare nei giardini del cielo. Tu che hai vissuto con il grave problema della cecità, finalmente potevi vedere la luce di Dio, la luce dell’Amore infinito.
Grazie, “zia Ninì”!

John (che chiamavi “l’amico del Deni”)

Nelle foto:
1) La “zia Ninì” con suor Maria Teresa Goffi
2) Don Angelo Callegari
3) La cara “zia Ninì”
4) Una stupenda crocifissione dipinta da Nino Giustacchini, fratello minore della “zia Ninì”



Aggiungi commento:
Vedi anche
24/01/2019 15:18:00

Ciao, Giuseppina! Stamattina è partita per il Paradiso Giuseppina Cobelli, suocera di mio cognato Luigi Avanzi e nonna di Matteo e Marcella

19/09/2019 09:43:00

Don Luigi, il cuore in Venezuela Don Luigi Franceschetti è in Paradiso. È fratello del mio cognato Sergio, sposo di mia sorella Rita

26/04/2020 08:00:00

I ricordi del fotografo Buccella Un tempo, se avevi la fortuna di possedere una macchina fotografica, dopo aver terminato il rullino dovevi recarti da un fotografo che ti avrebbe sviluppato le tue foto-ricordo. E a Gavardo quel fotografo è sempre stato il signor Domenico Buccella

16/02/2019 14:54:00

Ciao, Augusto! Oggi le campane suonavano tristemente: ci ha lasciati Lauro Augusto (che tanti chiamavano “Gusto”). Era un uomo forte e tutto d’un pezzo, purtroppo un lungo e inesorabile male ce l’ha portato via 

30/11/2018 13:56:00

Ciao, Andrea Prezioso! Ieri sera, tornando a casa, ho letto una di quelle mail che non vorresti mai leggere...



Altre da Gavardo
02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

01/07/2020

Pedopornografia online, scarcerato

Il 35enne di Gavardo trovato in possesso di materiale pedopornografico ha collaborato ed è stato scarcerato. Dovrà presentarsi dai Carabinieri tre volte alla settimana

01/07/2020

Parchi pubblici comunali, manutenzione e controlli

Predisposto, a Gavardo, un piano di manutenzione e sostituzione delle attrezzature da gioco danneggiate. Da oggi, 1 luglio, i parchi resteranno chiusi nelle ore notturne per prevenire assembramenti ed evitare rumori molesti

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

01/07/2020

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago

29/06/2020

Gavardo, arrestato per detenzione di materiale pedopornografico

La segnalazione da parte di Google e di un'agenzia statunitense che si occupa di bambini scomparsi e sfruttati ha permesso alla Polizia Postale di Brescia di fermare un uomo in possesso di circa 800 tra immagini e video ritraenti minori

28/06/2020

Scarpe, scarpù e scarpulì

Alcune settimane fa ci ha lasciati Aristide Fontana, che ha fatto il calzolaio per una vita. Lavorava in via Gosa con suo fratello “Giovannino” e Gianni Tebaldini, che abita a Prevalle ed è nipote della Gina Tortelli. Conosco la figlia Clara, una maestra simpatica e molto preparata

26/06/2020

L'evoluzione dei tempi e le varie eccellenze di Gavardo

Negli ultimi 50 anni il centro più popoloso della Valle Sabbia si è distinto per numerosi primati, e fra questi non mancano i luoghi della cultura

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

24/06/2020

San John

Pubblichiamo volentieri questa lunga quanto gustosa lettera che, in onore a San Giovanni, stuzzica oltremodo il "nostro" Comini ad "un'avventura letteraria più matura e sostanziosa" di quanto fatto fino ad oggi