27 Ottobre 2008, 00.00
Gavardo
«Lettere dal fronte»

I sentimenti di un ufficiale della Grande Guerra

di Cesare Fumana

Si sono aperte venerdì sera a Gavardo con la presentazione del libro delle lettere dal fronte del capitano Giuseppe Bertolotti, le celebrazioni organizzate dagli alpini della Monte Suello in ricordo dei novant’anni della fine della Grande Guerra.

Si sono aperte venerdì sera a Gavardo con la presentazione del libro delle lettere dal fronte del capitano Giuseppe Bertolotti, le celebrazioni organizzate della sezione “Monte Suello” delle Penne nere di Salò in ricordo dei novant’anni della fine della prima guerra mondiale.

Gli scritti dell’ufficiale di artiglieria da montagna originario di Gavardo, furono raccolti dal padre e pubblicati nel 1923. La sezione ha colto questo importante anniversario per riconsegnare non solo agli alpini, ma anche agli abitanti di Gavardo la figura di quest’uomo di grande idealità, ma anche di grande bontà d’animo, dando nuovamente alle stampe il libro ormai quasi introvabile.

Venerdì sera nel salone Pio XI del grosso centro valsabbino è avvenuta la presentazione di questa ristampa, curata dal prof. Angelo D’Acunto, alla presenza delle autorità civili, a cominciare dal sindaco di Gavardo Giambattista Tonni e dal presidente della Comunità montana di Valle Sabbia Ermano Pasini, enti che hanno patrocinato la ristampa insieme al comune di Salò e alla comunità montana dell’Alto Garda, al presidente sezionale Fabio Pasini e con la gradita sorpresa del cappellano don Antonio Andreassi che non è voluto mancare al ricordo del suo illustre concittadino.

A tracciare la figura di Bertolotti è toccato a Gian Battista Lanzani, già direttore del Giornale di Brescia, che ne ha evidenziati i tratti umani prima ancora che di combattente.

«Le numerose lettere spedite in gran parte alla famiglia - ha evidenziato Lanzani – sono scritte in uno stile che a volte tocca la retorica risorgimentale: naturale visto che si tratta di un soldato partito volontario, ma non vi sono espressioni di violenza o eccessi verso il nemico. Bertolotti era una giovane tutto proteso alla sua famiglia a cui era legatissimo, al padre Cesare e alla zia paterna Luisa che da quando era rimasto orfano di madre si prese cura di lui.
Le idealità che lo spinsero ad arruolarsi e partire per la guerra – ha proseguito Lanzani – le ha lasciate nel suo testamento, scritto prima di partire per il fronte, e messo a conclusione del libro. Ecco la frase che conclusiva, che viene ripresa anche nella motivazione della concessione della medaglia d’oro al valor militare: “Nella visione di un’Italia più grande, più nobile, più potente, più buona io sono morto contento. Addio”».

Un’espressione carica di amor patrio che assume ancora più valore visto il sacrificio della propria vita. Una figura, questa di Bertolotti, da riconsegnare non solo ai gavardesi in questo novantesimo della fine della Grande Guerra, ma a tutti quanti noi, per ricordare coloro, e furono più di 600.000, morirono per la nostra Patria in quella guerra alla fine vinta, ma che lasciò strascichi non indifferenti nella storia del nostro paese.

La serata di venerdì si era aperta presso le scuole medie di Gavardo intitolate proprio a Bertolotti, con la deposizione di un cesto di fiori alla lapide alla presenza della fanfara alpina Valchiese di Gavardo.
In teatro dopo la presentazione del libro, il coro “Monte Suello” di Salò ha proposto dei canti della prima guerra alternati alla lettura di brani delle lettere.


Aggiungi commento:
Vedi anche
23/10/2008 00:00:00

Le «Lettere dal fronte» del capitano Bertolotti Questo venerdì sera a Gavardo sarà presentata da Gian Battista Lanzani, già direttore del Giornale di Brescia, la ristampa del volume “Lettere dal fronte” del capitano Giuseppe Bertolotti, curata dalla sezione alpina “Monte Suello”.

13/12/2017 07:20:00

Il centenario del sacrificio del capitano Bertolotti Per iniziativa del gruppo Alpini di Gavardo, venerdì sera si terrà la commemorazione dell’ufficiale degli alpini morto cent’anni fa nel corso della Grande Guerra

27/12/2014 08:54:00

Le lettere dal fronte della Grande Guerra Sara presentato oggi pomeriggio a Bagolino il libro "Lettere dal fronte di caduti Valsabbini durante la Prima Guerra Mondiale", curato da Giancarlo Melzani e Alberto Vaglia, con la partecipazione del coro “Beorum” di Bagolino.

04/07/2008 00:00:00

Alpini in marcia per il 90° della Grande Guerra Domenica 6 luglio si svolgerà il quarto Pellegrinaggio organizzato dalla sezione Ana di Salò “Monte Suello” per ricordare i novant’anni dalla fine della Grande Guerra. Meta sarà il piccolo cimitero di Guerra di prima linea alla piana del Bruffione.

03/11/2018 10:10:00

Canti e racconti dal fronte Per la giornata dell'Unità nazionale e delle Forze Armate nel centenario della fine della Grande Guerra questa sera a Muscoline uno ricordo in musica dei tragici fatti bellici di cento anni fa



Altre da Gavardo
07/07/2020

Scontro sulla 45 bis, una vittima

Nello scontro fra un’auto e un autoarticolato lungo la superstrada tra Gavardo e Prevalle ha perso la vita un 53enne

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

07/07/2020

Nuova enoteca in centro

Piazza de’ Medici a Gavardo si arricchisce da oggi di un nuovo negozio: apre infatti l’enoteca “La casa del vino”

06/07/2020

«Il clima è già cambiato, noi cosa aspettiamo a cambiare?»

Questo il titolo del Webinar organizzato da Gavardo In Movimento per questo giovedì sera, 9 luglio, con l'intervento di tre esperti in tematiche ambientali

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

05/07/2020

L'ultimo reduce è «andato avanti»

Saranno celebrati questo lunedì mattina nel cimitero di Sopraponte i funerali dell’alpino Bortolo Mora, ultimo reduce della frazione gavardese

05/07/2020

L'Isolo

D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo. Laggiù si vedeva l’Isolo...

05/07/2020

Di corsa per dire no al depuratore

Partito da Montichiari, è giunto a Gavardo attorno alle 10.30 di ieri Carmine Piccolo, una corsa di protesta nell’ambito dell’iniziativa Brescia Art Marathon

02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

01/07/2020

Pedopornografia online, scarcerato

Il 35enne di Gavardo trovato in possesso di materiale pedopornografico ha collaborato ed è stato scarcerato. Dovrà presentarsi dai Carabinieri tre volte alla settimana