Skin ADV
Sabato 22 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




20.07.2017 Salò

20.07.2017 Villanuova s/C Preseglie

21.07.2017 Valsabbia Garda Valtenesi

21.07.2017 Muscoline

20.07.2017 Vestone

20.07.2017 Muscoline

21.07.2017 Sabbio Chiese Preseglie Valsabbia

22.07.2017 Roè Volciano

21.07.2017 Vestone Treviso Bs

21.07.2017 Vestone






23 Aprile 2010, 17.00
Gavardo
Lettere

La «piccola storia di Afzal»


Il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola ci invia le sue precisazioni in merito all'articolo pubblicato nei giorni scorsi. Che non ci convincono del tutto.
 
Gentile Direttore,
le chiedo di poter intervenire per chiarire la “piccola storia” di Afzal.
Giova innanzitutto precisare che, con Circolare Ministeriale n. 7170 del 18 novembre 2009, sono stati uniformati a livello nazionale i parametri in materia di requisiti igienico-sanitari per il rilascio delle certificazioni di idoneità alloggiativa e tali parametri risultano più restrittivi di quelli applicati in precedenza.
Nel febbraio 2008, sulla base dei criteri ante circolare n. 7170, e senza alcun riscontro con la planimetrie catastali, l’ASL rilascia un certificato di idoneità per sette persone e, parimenti, l’alloggio viene ritenuto idoneo per sette persone anche dall’Ufficio Tecnico Comunale che svolge un sopralluogo in data 11/09/2009, rilasciandone il relativo certificato in data 06/10/2009, poi semplicemente reso in duplicato in data 25/11/2009.
 
Nel frattempo entrano definitivamente in vigore sia i nuovi parametri più restrittivi previsti dalla citata Circolare Ministeriale n. 7170 del 18 novembre 2009, sia l’Ordinanza Sindacale n. 50 che impone - al fine di un puntuale controllo sulle unità abitative finalizzato a verificare eventuali evasioni in tema di ICI, di Tassa Rifiuti ed abusi edilizi - l’obbligo di indicare e verificare anche gli estremi catastali degli alloggi, cosa che in precedenza non veniva fatta.
 
Siamo quindi alla richiesta avanzata da Afzal d’iscrizione all’anagrafe di n. 2 persone, richiesta che l’Ufficio Anagrafe gira in data 24/02/2010 all’Ufficio Tecnico affinché verifichi l’idoneità dell’alloggio.
Dal nuovo sopralluogo, che tiene conto sia dei nuovi parametri, sia della verifica dei dati catastali, effettuato a marzo 2010, emergono evidenti difformità.
La planimetria catastale regolarmente depositata rappresenta un appartamento al piano primo di circa 61 mq, formato da 3 stanze con disimpegno e bagno.
 
La planimetria riporta anche una “loggia con diritto di passaggio” e un ripostiglio di proprietà ubicato all’esterno dell’appartamento a margine della loggia stessa.
La planimetria e gli atti depositati all’Ufficio Tecnico Comunale non riportano invece una tramezzatura oggi presente che ha ridotto considerevolmente la loggia. Tale tramezzatura ha permesso di ricavare un altro vano “realizzato in assenza di titolo abilitativo” e mai inserito in mappa.
 
Alla luce di quanto emerso ed accertato è stata quindi considerata superficie regolarmente autorizzata quella pari a circa mq 61 risultante dagli atti e non quella di circa mq. 83 esistenti. Tale superficie, secondo i parametri di cui alla citata circolare n. 7170, permette di rilasciare una idoneità alloggiativi per un nucleo famigliare di n. 4 persone e di conseguenza l’Ufficio Anagrafe ha comunicato, come ovvio, il diniego della domanda di iscrizione anagrafica.
E’ stato quindi il vano realizzato abusivamente dal proprietario Afzal, e non errori o leggerezze degli Uffici Comunali, a determinare un diverso conteggio delle superfici utili al rilascio dell’idoneità alloggiativa.
 
Infatti, a conclusione dei procedimenti di verifica e nel rispetto delle norme edilizie, il proprietario riceverà comunicazione di avvio del procedimento di accertamento di opere non regolarmente autorizzate che consentirà di ordinare la demolizione delle opere abusive o, se possibile, l’ottenimento della sanatoria, previo in pagamento della prevista sanzione.
Tanto si doveva per esplicitare come l’unico fine perseguito dall’Amministrazione Comunale sia quello del rispetto delle regole e della legalità, per gli italiani come per gli stranieri, per i proprietari come per gli inquilini, e non certo un qualche malevole accanimento a sfondo razzista che la vicenda e l’articolo pareva insinuare.
 
Il Sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola

Grazie signor Sindaco per le precisazioni.
Premetto che non sono un tecnico e che non competono a me certe misurazioni o interpretazioni della norma.
Tuttavia non me ne voglia se ho controllato.

Mi risulta che la Circolare Ministeriale da lei citata, la 7170 del novembre 2009, nel merito altro non faccia che invitare a far riferimento alle tabelle di abitabilità previste dal Decreto ministeriale del 5 luglio 1975.
Che dice:
- per un abitante 14 mq
- per due abitanti 24 mq
- per tre abitanti 42 mq
- per quattro abitanti 56 mq
- per ogni abitante in più 10 mq.

Mi risulta anche che l'ultimo sopralluogo effettuato dai tecnici comunali abbia stabilito l'abitabilità per 83,05 mq contro gli originali 88 verificati dall'Asl e ratificati dagli uffici gavardesi.
Peccato non essere in possesso di relativo documento. Da me richiesto, ma che mi è stato negato.
Se è così in quella casa ci possono stare 6 persone, con un "agio" di sette metri e rotti.
mq 61 oppure 83.05? Ci sarà pure qualcuno in grado di fare le relative misurazioni da "super partes". Che i metri quadrati non sono certo opinioni.
Nel caso sarò volentieri presente.

Ubaldo Vallini
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG




 




Commenti:

ID1923 - 23/04/2010 18:40:00 (peneleo) A me convincono, eccome!!
questo tipo ha fatto il furbino: prima, senza dire nulla al comune o all'azienda saniataria, si ingrandisce l'alloggio, poi fa lacrime da coccodrillo quando viene scoperto. Sono infatti 83,05 mq se si conteggiano le superfici abusive e sono invece 61 mq se si considerano solo quelle regolarmente autorizzate: non mi pare difficile!! Forse l'unica cosa è che avrebbero dovuto scovare subito l'abuso, ma meglio tardi che mai. Magari Vallinni, anzichè a misurare, potrebbe essere presente per documentare la demolizione dell'abuso per farne un bel pezzo a monito di chi se ne infischia dei permessi e devasta il territorio.


ID1924 - 23/04/2010 18:45:33 (ubaldo) Abuso?
Un abuso di 32 mq su un ballatoio? Mah. Ad ogni modo sono pronto ad esserci anche in caso di demolizione, signor Peneleo. E anche a controllare che la stessa cosa si faccia per tutti gli abusi (si fa o si condona di solito?). Così mettiamo le cose a posto per davvero.


ID1925 - 23/04/2010 18:57:00 (peneleo) Abuso? Sì!
Beh! caro Ubaldo, 32mq su 61 è un abuso del 50% della superficie, non mi pare poco! Anche io mi auguro che ci sia rigore per tutti, così come mi auguro che il poveretto possa semplicemente condonare e sistemare le sue cose anche per quel che riguarda i suoi famigliari. Però il sindaco fa bene ad essere severo!


ID1926 - 23/04/2010 19:18:00 (GabrieleVate) Severità e ragionevolezza
Anzitutto una precisazione: 83 - 61 = 22 e non 32 mq. Detto questo occorre rilevare che qui siamo in presenza di un abuso edilizio. Chi l'abbia fatto non dato a sapersi, l'attuale proprietario o il precedente, tutto è possibile. Ma non questo il punto. Semmai da rilevare come precedenti sopralluoghi siano stati eseguiti senza confrontare la mappe catastali, così gli si sarebbe subito comunicato al proprietario l'esatto numero dei residenti permessi. Auspico che, in quanto proprietario risulta l'attuale occupante, gli venga concessa una sanatoria per il vano e che tutto si sistemi per il meglio. Cmq daccordo con Peneleo: il sindaco fa bene ad essere severo!


ID1927 - 23/04/2010 19:26:00 (ubaldo) Concordo anch'io
Con l'ultima affermazione di Peneleo concordo anch'io. E anche col riconteggio di GabrieleVate :-) Ubaldo Vallini


ID1967 - 26/04/2010 13:00:00 (nimi) Non mi stupisco
Non mi stupisce il fatto che il direttore di questa Testata online "non sia convinto". Del resto il suo background politico non gli permette di fare altro. Io sono convinto eccome. Sono convinto che, forse, i controlli sugli alloggi e il rilascio di permessi sulle unità abitative andrebbero inaspriti e resi più severi. Ma siamo nel paese delle banane. Se neghi l'abitabilità a un italiano, o a una famiglia di italiani, tutti zitti perchè "ci sono le regole". Se il diniego avviene nei confronti di qualche straniero, allora scatta la polemica, si parla di razzismo, e i benpensanti buonisti e sinistroidi (che ben parlano ma difficilmente accolgono) devono ostentare il politicamente corretto. Questo è razzismo al contrario. E' da rivedere tutto, comprese le norme di assegnazione delle case popolari, che troppo spesso vanno a immigrati piuttosto che a persone bisognose che sono nate, cresciute in Italia e che hanno certamente la precedenza su chi,


ID1968 - 26/04/2010 13:33:00 (dallapartedeltoro)
Forse nimi non ha letto l'enciclica emanata dal suo padrone che recita "l'amore vince sempre sull'odio". Per rilassarsi si legga le 262 pagine illustrate e rilegate in brossura. Disponibile in tutte le migliori librerie al modico prezzo di 15€



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/02/2011 14:51:00
A ciascuno il suo In merito all'articolo da noi pubblicato sui controlli e gli arresti operati a Gavardo, il sindaco Vezzola ritiene doverose alcune precisazioni. Pubblichiamo volentieri.

02/11/2011 08:00:00
Comandante Vigili, parola al sindaco Il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola ci scrive in merito all'articolo «Confronto serrato» da noi pubblicato su queste pagine. E precisa.

23/04/2010 18:53:00
La «piccola storia di Afzal» DUE Il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola replica alla replica del direttore di Vallesabbianews.it Pubblichiamo volentieri.

28/04/2011 07:00:00
Il sindaco risponde Alla lettera del signor Gino Toffolo che nei giorni scorsi segnalava la presenza di una bandiera sul tetto di una casa a Gavardo, risponde Emanuele Vezzola.

05/03/2012 08:41:00
Quella cosa strana Nei giorni scorsi il Giornale di Brescia ha pubblicato un articolo che riprendeva la posizione dell'assessore regionale Belotti in merito alle utlime novità da Anfo e da Idro.



Altre da Gavardo
20/07/2017

A Soprazocco i Campionati regionali giovanili

Domenica in località Belvedere nella frazione di Gavardo si svolgeranno i Campionati Regionali di tutte le categorie giovanili organizzati dall’UC Soprazocco

19/07/2017

Il centro si rifà il look

Sono già a buon punto i lavori di riqualificazione della strada che attraversa il centro storico di Gavardo. Qualche inevitabile disagio per la viabilità, ma tutto sommato contenuto (2)

19/07/2017

Sanità e ospedale, un confronto col Pd

Il tema della riforma sanitaria regionale e le ricadute sul territorio, Ospedale di Gavardo compreso, al centro di un incontro organizzato questo venerdì sera a Gavardo dal Partito Democratico della Valle Sabbia con amministratori, medici e sindacati

18/07/2017

Il folk rock che ti farà viaggiare, ballare e sudare

Tocca agli Alzamantes, con un concerto tutto da ballare, chiudere questo mercoledì sera a Gavardo i Viaggi di Acqua, la prima parte di Acque e Terre Festival

18/07/2017

«Forza Italia contro Forza Italia»

Gavardo in Movimento replica alla lettera scritta da Liviano Bussi nel ruolo di portavoce di Forza Italia per Gavardo, sulle scelte comunitarie in merito alla raccolta dei rifiuti (7)

16/07/2017

Volontari in campo per i bambini Saharawi

Sono giunti anche quest’anno in Valsabbia, per iniziativa dell’associazione Rio de Oro di Gavardo, i bambini Saharawi che saranno ospiti a Vallio Terme, Idro, Calcinato, Gavardo e Caino

15/07/2017

Alimentari Laffranchi, una bottega d'altri tempi

A Soprazocco di Gavardo, in località San Biagio, Claudio Laffranchi gestisce l’antica bottega di famiglia, aperta dal nonno nel 1927. Un’attività caratterizzata da prodotti locali, atmosfera vintage e un costante richiamo alla cultura

14/07/2017

Valsabbini campioni nel kata

L'Aishin Dojo Karate Gavardo chiude la stagione 2016/2017 con l'ennesima perla vincendo il terzo titolo Nazionale per società Fesik nella specialità del kata.

14/07/2017

«Per fugare ogni dubbio»

In merito all'articolo "La Memoria, fra gioie e dolori" da noi pubblicato nei giorni scorsi, ecco le risposte del direttore generale dell'ASSST del Garda Peter Assembergs. Lo ringraziamo per la puntualità, la competenza e la completezza  (1)

14/07/2017

Fonderie Mora: terza diffida

Botta e risposta fra Fonderie Mora e Arpa, con la Provincia di mezzo, per le inconguenze registrate in merito ai rumori prodotti dall'azienda (20)



Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia