04 Giugno 2020, 15.35
Gavardo Provincia
Depuratore del Garda

Tavolo tecnico: occasione persa, ma per chi?

di Redazione

In merito al Tavolo tecnico “a latere” della Cabina di regia per la depurazione dei Comuni gardesani, dicono la loro il Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia, Comitato Visano Respira, Acqua ed Aria pulite, Legambiente Brescia Est e Comitato Ambiente Futuro Lombardia


Lunedì 1 giugno si è svolto, in videoconferenza, il tavolo tecnico “a latere” promosso dal Ministero dell’Ambiente riguardante le tematiche ambientali sul progetto del mega collettore del Garda che vede interessato il fiume Chiese, come recettore dei reflui fognari dei comuni bresciani del lago di Garda. La presenza delle associazioni e dei comitati ambientalisti che da anni portano avanti la battaglia opponendosi a quest’opera contro natura e contro ogni ragionevolezza tecnica, economica e gestionale è stata garantita, è necessario sottolinearlo, solo ed esclusivamente grazie all’intervento del Ministero.

Ringraziamo il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa dell’opportunità offertaci ma non possiamo che esprimere estrema delusione per le modalità di svolgimento del tavolo tecnico, per la parte che ci ha coinvolto, 15 minuti di dichiarazione che troviamo assolutamente inadeguato all’importanza dell’argomento e largamente insufficiente per esprimere quanto avevamo da illustrare. A ciò si aggiunga la mancata partecipazione al dibattito che si è svolto, sia prima che dopo il nostro intervento, in quanto ci è stato “spento il microfono”, ovvero ci è stato chiesto di chiudere il collegamento alla videoconferenza

Noi abbiamo sempre creduto di poter partecipare ad un dibattito tecnico, un confronto franco e aperto su questioni oggettive, ed invece l’intervento che ci è stato permesso si è risolto in una “dichiarazione” di soli 15 minuti, all’interno dei lavori del tavolo, che è stata decontestualizzata dallo svolgimento stesso, con l’impossibilità di replicare, nel merito, agli interventi successivi né tanto meno di integrare la nostra esposizione. Tanto valeva richiedere un intervento registrato in anticipo in cui avremmo potuto focalizzarci sui pochi fondamentali passaggi, senza la sorpresa dell'ultima ora!

Riassumere in 15 minuti una battaglia che ci coinvolge da anni su un progetto milionario su cui avremmo avuto bisogno di ore per affermare cosa non funziona in questo progetto, sarebbe stato impossibile anche per ogni campione di ermetismo! Un peccato non aver potuto esprimere ciò che ci eravamo prefissati, grazie alla disponibilità del Ministro Costa, e confidavamo fosse l'inizio di un reale e leale confronto sul merito oggettivo e che riguardasse gli aspetti ambientali del progetto.

Gli stessi aspetti per i quali il Ministro Costa aveva voluto il tavolo stesso. Avremmo voluto parlare di tutta una serie di oggettive questioni tecniche che il progetto non risolve e che di seguito illustriamo, ma non ci è stato permesso: certo non sarebbe stata comunque esaustiva anche una videoconferenza di 8 ore ma 15 minuti sono decisamente insufficienti. Perciò non possiamo che denunciare questo atteggiamento, ma non ci arrenderemo ad esso, continuando per la nostra strada contraria a questo folle progetto!

"Prendiamo atto che la Regione Lombardia per mezzo del suo rappresentante ha finalmente gettato la maschera confermando quanto dichiarato dalla Dott. sa Iacone nella cabina di regia del 27 febbraio e cioè che la Regione Lombardia è assolutamente FAVOREVOLE A QUESTO PROGETTO!
Questo passaggio, mai esplicitato prima, avrà un forte peso politico e contribuisce a chiarire che il fronte dei politici, favorevoli al progetto allarga il suo orizzonte comprendendo chiaramente l’amministrazione Regionale.

Sottolineiamo la assoluta mancanza di rispetto per gli attori istituzionali presenti al tavolo dimostrata dal rappresentante della regione Veneto e, con rammarico ma non è una novità , anche dall’atteggiamento del rappresentante di E.G.ATO Brescia Dr. Zemello che, dotato di poteri vaticinanti, anticipava l’esame della documentazione ancora da depositare e, dando per scontato l’esito positivo del tavolo, enunciava i successivi passaggi di approvazione, confermando ancora una volta la sua predisposizione a prevaricare i ruoli istituzionali.

Non commentiamo la deriva politica assunta dal tavolo a seguito di alcune prese di posizione riportate anche dai giornali che quindi noi non vogliamo riprendere, ad ognuno le proprie scelte e responsabilità! Ci teniamo a precisare che i tecnici nominati dai Sindaci, come richiesto dal comunicato del Ministro, sono di loro competenza esclusiva, non concordata e non condivisa con chi firma questo documento, facendo mancare almeno nella forma quella “rappresentanza del territorio” richiesta dal Ministro e rappresentano una scelta diversa da quella fatta in occasione della prima videoconferenza, poi annullata, del 9 marzo.

Noi ci teniamo a ringraziare l'Ing. Stefano Guarisco e tutti quei tecnici che, GRATUITAMENTE danno e hanno dato un contributo importantissimo per la conoscenza del progetto attuale, come del precedente, e di tutte le sfaccettature, variabili e criticità, che sono di contorno e che solo chi opera da anni con passione e per il bene comune può avere.

Grazie alla sua preparazione in materia ambientale ed alla sua disponibilità a studiare i documenti progettuali, le nostre realtà hanno deciso di nominarlo e sostenere la sua candidatura in seno al tavolo tecnico. Riportiamo di seguito il riassunto delle dichiarazioni del nostro rappresentante alla videoconferenza:

  • - Non sono evidenti i vantaggi per il bacino del lago di Garda visto che i reali problemi dello stesso non vengono né affrontati né tantomeno risolti da questo progetto;

  • -Dai documenti chiaramente si evince che la miglior soluzione dal punto di vista ambientale risulta essere quella di Peschiera, quella che da sempre sosteniamo;

  • - Il Fiume Chiese soffre di gravi problemi ambientali che si sono aggravati negli ultimi anni e sono culminati, alcuni anni, fa nell’epidemia di legionella, che il progetto in esame nemmeno menziona e né tanto meno tiene in considerazione;

  • - Il Fiume Mincio quale corpo recettore ha sicuramente tutte le carte in regole per assurgere a recettore privilegiato proprio per la sua caratteristica di essere un fiume regimentato con portata costante, al contrario del fiume Chiese che presenta un regime a carattere torrentizio, con periodi e tratti di fiume in secca per mesi;

  • - Il Progetto presenta lacune dal punto di vista tecnico ed è viziato da scelte soggettive intollerabili su una questione così importante. I parametri di riferimento iniziali non sono oggettivi né tanto meno condivisibili.

  • - Il divieto da parte di numerose norme di scaricare reflui afferenti ad un bacino idrografico, del Lago Di Garda, ad un altro bacino idrografico, del Fiume Chiese.

Evidenziamo, come osservazione condivisa anche dal Commissario Straordinario alla Depurazione Prof. Rolle, che il Masterplan del Progetto è ad oggi sconosciuto o, se presente, secretato!

Ci preme sottolineare l’importanza del Masterplan, documento di indirizzo strategico che sviluppa un'ipotesi ed una visione complessiva pluridecennale sulla programmazione di un territorio come quello del lago di Garda con ben 3 regioni a dividersi amministrativamente le competenze per individuare i soggetti interessati, le possibili fonti di finanziamento, gli strumenti e le azioni necessari alla sua attuazione per la tutela del lago di Garda, la cui importanza economica ed ambientale non crediamo sfugga a nessuno.

Il Masterplan, “la visione d’insieme” della tutela del lago di Garda deve essere uno strumento condiviso e approvato dai soggetti interessati, siano essi pubblici e /o privati, da attuarsi mediante una o più intese ed è caratterizzato da processi partecipativi che sanciscono la validità del suo contenuto ai fini economici e sociali per i cittadini dei territori interessati dal progetto di programmazione territoriale. In merito alla depurazione dei comuni delle sponde del lago di Garda il Masterplan dei prossimi 50 anni chi l’ha visto?

Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia; Comitato Visano Respira - Acqua ed Aria pulite; Legambiente Brescia Est ; Comitato Ambiente Futuro Lombardia


Vedi anche
28/02/2020 09:26:00

Delusi i sindaci del Chiese Dalla Cabina di regia solo un tavolo di confronto sulle ricadute ambientali sul fiume. Comaglio: «Le indicazioni uscite dall’incontro con il ministro erano diverse»

03/03/2020 10:16:00

Gaia: «Progetto imposto e inaccettabile, continuiamo a lottare» La proposta di un tavolo tecnico che non valuti soluzioni alternative ma solo le ricadute ambientali sul Chiese lascia sgomenti sindaci, associazioni e comitati. Nel frattempo Peschiera si oppone all’eventuale potenziamento del proprio collettore per smaltire i reflui bresciani

28/02/2020 09:05:00

Nessuno studio alternativo a Gavardo e Montichiari Una doccia gelata quella uscita ieri dall’incontro della Cabina di regia per il depuratore dei Comuni del Garda. Unica concessione uno studio ambientale sulle ricadute per il Chiese

04/06/2020 09:38:00

«Compatti, determinati e in prima linea per contrastare l'opera» Questa la dichiarazione d'intenti dei sindaci del Chiese dopo la riunione post tavolo tecnico con il Ministro dell'Ambiente Costa sul progetto del doppio depuratore del Garda. In preparazione i documenti da inviare a Roma

03/06/2020 11:07:00

Entro dieci giorni istanze e osservazioni al progetto E' la decisione presa dopo la videoconferenza con il Ministero dell'Ambiente. La preoccupazione dei sindaci del Chiese: “Per ora nessuna reale apertura, speriamo nel prossimo tavolo tecnico”



Altre da Gavardo
02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

01/07/2020

Pedopornografia online, scarcerato

Il 35enne di Gavardo trovato in possesso di materiale pedopornografico ha collaborato ed è stato scarcerato. Dovrà presentarsi dai Carabinieri tre volte alla settimana

01/07/2020

Parchi pubblici comunali, manutenzione e controlli

Predisposto, a Gavardo, un piano di manutenzione e sostituzione delle attrezzature da gioco danneggiate. Da oggi, 1 luglio, i parchi resteranno chiusi nelle ore notturne per prevenire assembramenti ed evitare rumori molesti

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

01/07/2020

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago

29/06/2020

Gavardo, arrestato per detenzione di materiale pedopornografico

La segnalazione da parte di Google e di un'agenzia statunitense che si occupa di bambini scomparsi e sfruttati ha permesso alla Polizia Postale di Brescia di fermare un uomo in possesso di circa 800 tra immagini e video ritraenti minori

28/06/2020

Scarpe, scarpù e scarpulì

Alcune settimane fa ci ha lasciati Aristide Fontana, che ha fatto il calzolaio per una vita. Lavorava in via Gosa con suo fratello “Giovannino” e Gianni Tebaldini, che abita a Prevalle ed è nipote della Gina Tortelli. Conosco la figlia Clara, una maestra simpatica e molto preparata

26/06/2020

L'evoluzione dei tempi e le varie eccellenze di Gavardo

Negli ultimi 50 anni il centro più popoloso della Valle Sabbia si è distinto per numerosi primati, e fra questi non mancano i luoghi della cultura

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

24/06/2020

San John

Pubblichiamo volentieri questa lunga quanto gustosa lettera che, in onore a San Giovanni, stuzzica oltremodo il "nostro" Comini ad "un'avventura letteraria più matura e sostanziosa" di quanto fatto fino ad oggi