20 Febbraio 2019, 09.44
Gavardo Valsabbia
Sanità

Emodinamica a Gavardo, fra annunci e promesse

di c.f.

All’annuncio del direttore generale dell’Asst del Garda sull’impossibilità di avere il servizio al nosocomio gavardese, risponde il consigliere regionale della Lega Massardi: “La partita non è chiusa”


A Gavardo l’emodinamica non arriverà. Almeno al momento. Ad annunciarlo il direttore generale dell’Asst del Garda Carmelo Scarcella, che lo scorso venerdì ha presentato i nuovi componenti della direzione strategica: ad affiancare il direttore generale per i prossimi cinque anni saranno il direttore sanitario Angelo Buccino, il direttore socio sanitario Roberta Brenna e il direttore amministrativo Teresa Foini.

L’impossibilità di istituire un reparto di emodinamica all’ospedale di Gavardo, opzione di cui si discute da anni, sarebbe dovuta ai numeri attuali, ovvero alle sette unità già presenti sul territorio.

Due, invece, le novità all’orizzonte: entro qualche mese dovrebbe essere attivato il servizio di emodialisi domiciliare – ad oggi inesistente nel territorio provinciale – e l’unità psichiatrica dovrebbe essere trasferita dalla Casa di Riposo all’ospedale.

Ma sulla questione emodinamica a Gavardo interviene il consigliere regionale valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Che l’ipotesi dell’emodinamica a Gavardo sia tramontata è ancora da dimostrare ed è mia ferma intenzione continuare una battaglia legittima e sacrosanta per il nostro territorio in tutte le sedi opportune.”

La Lega, in questi anni, ha portato avanti questa battaglia, finora senza successo, promettendo l’emodinamica ad ogni campagna elettorale. Il testimone, adesso, lo ha preso in mano Massardi.

“Realizzare il Servizio di emodinamica a Gavardo – prosegue il consigliere del Carroccio – è una questione assolutamente prioritaria, una richiesta corale da parte dei sindaci e dei residenti, non soltanto di Gavardo ma dell’intera Val Sabbia e dell'alto Garda.

Invito quindi il Direttore Scarcella a fare davvero gli interessi di tutto il territorio servito dall’Asst del Garda, impegnandosi per fare in modo che non ci siano più pazienti di serie A e di serie B. Le obiezioni circa il numero dei servizi attualmente presenti nell’Ats di Brescia non tengono conto delle peculiarità di un’area montana come quella valsabbina e l'Alto Garda, della sua grande estensione e delle difficoltà logistiche legate agli spostamenti. Se il problema è legato ai numeri allora nessuno ci vieta una riorganizzazione più assennata della situazione attuale, dove ci sono privati accreditati che fanno soldi e intere zone completamente scoperte.

Bisogna puntualizzare inoltre come la Val Sabbia e l'Alto Garda siano l’unica porzione della provincia di Brescia che al momento non hanno a disposizione, in termini di prossimità, un servizio fondamentale per salvare la vita delle persone. Nei casi in questione infatti la tempistica e la velocità d’intervento risultano fattori essenziali e determinanti per garantire al malato le cure e i trattamenti adeguati. Allo stato attuale infatti i tempi di percorrenza, specie per chi risiede in alta valle risultano troppo lunghi, con rischi molto gravi legati alla sopravvivenza stessa, rischi che una sanità come quella lombarda non può e non deve permettersi.

Mi sono già attivato presso l’assessore al Welfare Gallera per chiarire la questione in modo definitivo e per difendere gli interessi del nostro territorio. La salute dei cittadini è un tema su cui non si può scendere a compromessi e la sanità montana, che vanta caratteristiche ben diverse rispetto a quella della pianura, va trattata in quanto tale. Non è accettabile – conclude Massardi – che con 18 miliardi di euro spesi per la Sanità in Lombardia, in Val Sabbia e nell’Alto Garda si rischi di morire per un impianto di stent coronarico da 2.000 euro.”

In foto:
. l'ingresso dell'ospedale di Gavardo
. la mappa con la dislocazione attuale dei reparti di emodinamica nella zona del Garda e della Valle Sabbia




Commenti:
ID79711 - 20/02/2019 12:11:05 - (cesarepasini) - Regione Lombardia deve copiare il modello sanitario veneto

Secondo me la Regione Lombardia dovrebbe copiare il modello sanitario adottato in Veneto negli ultimi anni che si sta rivelando il migliore in Italia in termini di efficienza ed economicità.

ID79713 - 21/02/2019 08:43:09 - (Iva) - incredibile

L'emodinamica secondo me è indispensabile vista la conformazione della Vallesabbia, perchè le distanze sono lunghissime da Bagolino a Desenzano e perchè sul Garda ce ne sono tre ravvicinate a pochissima distanza, noi siamo il terzo mondo per la Regione Lombardia?. Incredibile.

Aggiungi commento:
Vedi anche
19/01/2017 07:14:00

Urgente l'emodinamica a Gavardo A Milano in udienza alla commissione Sanità gli amministratori valsabbini e gardesani: sul tavolo la rete delle strutture sanitarie ed in particolare il reparto di emodinamica atteso a Gavardo

12/03/2014 07:00:00

Appello alla Regione per l'emodinamica Ancora una volta gli amministratori valsabbini lanciano la richiesta alla Regione per dotare l’ospedale di Gavardo di una sala per l’emodinamica

07/05/2014 06:56:00

Emodinamica, il pressing dei sindaci Amministratori della Vallesabbia uniti nel chiedere al Pirellone una risposta celere e positiva in merito a quello che viene ritenuta una priorità sanitaria per il territorio valsabbino, del Medio e dell’Alto Garda

03/05/2014 08:52:00

Emodinamica a Gavardo: Anche Rolfi interroga «Il presidio di Gavardo, alla luce del recente potenziamento strutturale, possiede tutti i requisiti per essere riconosciuto come Dipartimento di Emergenza Urgenza ed Accettazione».  

01/07/2017 07:30:00

Entro luglio la decisione sull'emodinamica Dal consigliere regionale Fabio Rolfi un invito al territorio perché faccia pressione sull’assessore alla Sanità di Regione Lombardia per il nuovo servizio all’ospedale di Gavardo



Altre da Gavardo
02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

01/07/2020

Pedopornografia online, scarcerato

Il 35enne di Gavardo trovato in possesso di materiale pedopornografico ha collaborato ed è stato scarcerato. Dovrà presentarsi dai Carabinieri tre volte alla settimana

01/07/2020

Parchi pubblici comunali, manutenzione e controlli

Predisposto, a Gavardo, un piano di manutenzione e sostituzione delle attrezzature da gioco danneggiate. Da oggi, 1 luglio, i parchi resteranno chiusi nelle ore notturne per prevenire assembramenti ed evitare rumori molesti

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

01/07/2020

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago

29/06/2020

Gavardo, arrestato per detenzione di materiale pedopornografico

La segnalazione da parte di Google e di un'agenzia statunitense che si occupa di bambini scomparsi e sfruttati ha permesso alla Polizia Postale di Brescia di fermare un uomo in possesso di circa 800 tra immagini e video ritraenti minori

28/06/2020

Scarpe, scarpù e scarpulì

Alcune settimane fa ci ha lasciati Aristide Fontana, che ha fatto il calzolaio per una vita. Lavorava in via Gosa con suo fratello “Giovannino” e Gianni Tebaldini, che abita a Prevalle ed è nipote della Gina Tortelli. Conosco la figlia Clara, una maestra simpatica e molto preparata

26/06/2020

L'evoluzione dei tempi e le varie eccellenze di Gavardo

Negli ultimi 50 anni il centro più popoloso della Valle Sabbia si è distinto per numerosi primati, e fra questi non mancano i luoghi della cultura

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

24/06/2020

San John

Pubblichiamo volentieri questa lunga quanto gustosa lettera che, in onore a San Giovanni, stuzzica oltremodo il "nostro" Comini ad "un'avventura letteraria più matura e sostanziosa" di quanto fatto fino ad oggi