Skin ADV
Mercoledì 23 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Narcisi

Narcisi

by Claudio



21.05.2018 Gavardo

23.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018

21.05.2018 Anfo

21.05.2018 Bione

21.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018 Bagolino

22.05.2018 Idro Vobarno Valsabbia

23.05.2018 Odolo Valsabbia

22.05.2018 Casto






25 Gennaio 2017, 07.57
Gavardo Valsabbia
Salute

Prevenzione in urologia... non solo prostata

di red.
E’ stato ospite del Rotary Valle Sabbia a Gavardo il dottor Angelo Peroni, dirigente medico nello staff di Urologia degli Spedali Civili di Brescia 

Dopo aver ottenuto la Specializzazione in Urologia il dr. Peroni si è perfezionato nelle tecniche sperimentali di biologia molecolare presso il laboratorio di Farmacologia Molecolare e Cellulare dell’Istituto di Farmacologia Tossicologia e Terapia Sperimentale dell’Università degli Studi di Brescia e nell’ambito della chirurgia urologia laparoscopica presso il Dipartimento di Urologia dell’Università di Halle (Germania).

Oggi dedica quasi tutto il suo tempo alla Sala Operatoria del Civile
dove utilizza l'unico impianto robot esistente a Brescia in grado di effettuare operazioni urologiche delicate.
Il robot - si chiama "Da Vinci" e costa 2 milioni di euro, 250mila euro servono a garantire la manutenzione annuale e 3.000 euro è il costo degli strumenti utilizzati per ogni singola operazione.

Manovrato in remoto dal dr. Peroni è in grado di eseguire l'intervento utilizzando una "manina" di soli 5 millimetri con incredibili vantaggi sul paziente: riduzione dei tempi di ricovero, delle perdite ematiche intraoperatorie (evitando così il ricorso a trasfusioni), del dolore postoperatorio, dei rischi di infezione chirurgica, presenza di cicatrici più piccole, ripresa post-operatoria più rapida e, di conseguenza, maggiore soddisfazione dei pazienti.  

«Da Vinci» ha una capacità di movimento di molto superiore rispetto agli arti umani, assoluta precisione e assenza di tremore che consente, quindi, maggiore possibilità di accesso a zone profonde e nascoste del corpo.
Se fino a 3 anni fa l'80% dei pazienti sottoposti ad intervento alla prostata riportava conseguenze negative alla potenza sessuale e problemi di incontinenza, oggi grazie a questa tecnologia i pazienti che lamentano conseguenze negative sono meno del 30%.

Il dottor Peroni ha voluto subito chiarire che la cosa fondamentale è però la prevenzione: "Vale più un'oncia di prevenzione che una libbra di cure", definendo la prevenzione come l’insieme di quelle attività che mirano a promuovere il benessere delle persone e a scongiurare l’insorgere di malattie.

Oltre a una prevenzione primaria legata alla dieta, alla rinuncia di alcool e fumo e all'attività fisica esiste una prevenzione secondaria, che ricerca quei soggetti che potrebbero avere una malattia ma nei quali la malattia non ha ancora dato segnali di esistenza o problemi: si tratta delle attività di screening.

La prevenzione secondaria è tutt’altro che la norma, soprattutto in campo urologico dove purtroppo le patologie più subdole sono proprio asintomatiche.
Dai dati risulta che a 14 anni oltre il 60% delle femmine si è sottoposta ad una visita ginecologica, mentre i maschi che si sono sottoposti ad una visita di controllo dall'urologo sono meno del 4%.

Considerando anche che oggi non esiste più la visita di leva che si faceva a 18 anni, fa impressione scoprire quanto siano numerosi tra i giovani i casi (anche molto gravi) di tumore ai testicoli.
Per ignoranza, per imbarazzo, per pudore sono numerosi purtroppo i casi di ragazzi che arrivano al Civile in situazioni gravissime, mentre con un minimo di tempestività la cura del tumore al testicolo ha un successo del 99%.
E' quindi fondamentale che i genitori siano attenti e non trascurino anche questo aspetto. 

La Società Italiana di Urologia raccomanda alcuni consigli che il dr. Peroni opportunamente ha trasmesso:

- effettuare una visita urologica per ogni fase della vita: pubertà, età adulta e terza età. Le malformazioni dell’apparato urinario sono molto frequenti e sarebbe opportuno scoprirle e trattarle fin dalla prima età;

- controllare, per i genitori, il normale sviluppo dell’apparato genitale del bambino.

Per gli adulti i problemi alla prostata sono molto diffusi: in aggregato ne soffre quasi il 20% della popolazione.
Si tratta, in particolare, di:

1) Neoplasia prostatica: è la terza causa di tumore in assoluto, la prima per gli uomini anche se la mortalità non è molto elevata.
Non vi è unanimità fra gli urologi sull’utilità di uno screening del tumore alla prostata che potrebbe favorire anche il proliferare di interventi non necessari ma - secondo Peroni - il fatto che negli ultimi 10 anni le attività di screening siano state ridotte ha comportato attualmente un incremento notevole di pazienti oncologici.

2) Ipertrofia prostatica benigna: la parte centrale della prostata si ingrossa fino a comprimere l’uretra, disturbando la minzione.
E’ opportuno fare, dopo i 40 anni e almeno una volta ogni due anni, una visita urologica, un esame del PSA (antigene prostatico specifico, marcatore di patologia d’organo) ed eventualmente un’ecografia della prostata.
La prostata è molto sensibile al testosterone (che si riduce con l’età); è quindi opportuno fare anche un controllo del livello del testosterone (si tratta di un banale prelievo di sangue)

Infine si è parlato dei problemi di calcolosi
che colpisce non solo gli uomini ma anche le donne e che sono accompagnati da piccole alterazioni metaboliche multiformi, tanto che hanno un’altissima ricorrenza/recidiva nei 5 anni.
Diagnosticare tali alterazioni sarebbe evidentemente importantissimo. Anche in questo caso mentre qualche anno fa si interveniva unicamente "bombardando" il calcolo per ridurlo oggi si preferisce intervenire per la rimozione grazie anche alle nuove strumentazioni disponibili.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/03/2018 10:28:00
Sulle tracce dell'antimateria Spedizione valsabbina "targata" Rotary, quella avvenuta nei giorni scorsi al Cern di Ginevra. Nel ruolo di imprenditori, economisti o anche semplici curiosi, i cinquanta i soci del Rotary Valle Sabbia sono stati accompagnati in tour dal sabbiense Germano Bonomi


28/06/2017 12:13:00
Donne valsabbine più sicure, grazie al Rotary Il Rotary Valle Sabbia Centenario ha consegnato al presidio sanitario di Nozza un nuovo ecografo, frutto del sostegno alla salute pubblica da parte di associazioni di categoria ed imprese

29/06/2016 17:50:00
Cambio della guardia al Rotary Come avviene ogni anno alla fine di giugno, il Rotary Valle Sabbia Centenario si è dotato di un nuovo presidente. La scelta è caduta sull'architetto anfese Michele Brugnoni


31/05/2014 13:00:00
Il grazie del Rotary all'Arma dei Carabinieri Si è svolta nei giorni scorsi a Nozza, nei locali del ristorante La Sosta, la cerimonia di consegna degli attestati di riconoscenza per il lavoro che i carabinieri svolgono ogni giorno in Valle Sabbia
Photogallery


29/06/2017 07:00:00
Cambio della Guardia Come prevede lo statuto del sodalizio, dal 1 luglio anche per il Rotary Valle Sabbia Centenario entrerà in azione un nuovo presidente e Brugnoni lascia il posto a Pasini



Altre da Valsabbia
23/05/2018

A Odolo un «sintetico» targato Raffmetal

Raffmetal ha annunciato un accordo con l'Ac Odolo che quest'estate porterà alla posa di un tappeto sintentico sull'unico campo "a undici" della Conca d'Oro
(1)

23/05/2018

Prevenire è meglio che curare

Il detto salutista ben si adatta anche ai comportamenti da tenere per strada. Cinquecento fra bimbi e ragazzini, sono stati coinvolti in “lezioni di vita” dagli agenti della Locale

22/05/2018

Finalisti nazionali

Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"


18/05/2018

Funziona, grazie alla solidarietà di molti

A soli quattro giorni dall'inizio, grande successo per la raccolta di fondi a favore della ricostruzione della Casa delle Streghe di Casto
(3)

18/05/2018

Sorpresa: la Valle Sabbia non c'è più

Se questo è il risultato del nuovo corso lombardo, che ha affidato la promozione territoriale ad una “società istituzionale” c’è da spaventarsi (16)

18/05/2018

Alla scoperta dei sapori di Valle Trompia e Valle Sabbia

Un ricettario ricco di spunti tradizionali e rielaborazioni moderne proposte dallo chef Roberto Abbadati, dallo storico Marino Marini e dai ristoratori valligiani, frutto della prima edizione del laboratorio gastronomico delle Valli Resilienti (1)



16/05/2018

«Il passato è una terra straniera»

Il cineforum di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo promosso dalla Comunità montana di Valle Sabbia prosegue domani, giovedì 17 maggio, a Villanuova con una proiezione gratuita

15/05/2018

Arte e artigianato nei microcosmi montani

Giorgio Azzoni, direttore artistico del Distretto Culturale di Valle Camonica, nell’ambito del progetto Valli Resilieni, sarà ospite questo mercoledì a Casto per portare alcune esperienze significative di arte pubblica

15/05/2018

Dalla Valsabbia con 12 pullman per tifare Ducati

Valsir ha riservato una tribuna del “Circuito Enzo e Dino Ferrari” per collaboratori e famigliari in occasione della tappa di Imola del WorldSBK

14/05/2018

«La mia prima volta all'Adunata»

Un'emozione indescrivibile ed un immenso onore, poter partecipare all'Adunata Nazionale schierato nelle file della Fanfara Valchiese

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia