24 Giugno 2020, 05.52
Gavardo Valsabbia
Ricorrenze

San John

di Anonimo Gavardese

Pubblichiamo volentieri questa lunga quanto gustosa lettera che, in onore a San Giovanni, stuzzica oltremodo il "nostro" Comini ad "un'avventura letteraria più matura e sostanziosa" di quanto fatto fino ad oggi


Carissimo Direttore,
per mia sponte e sollecitazione di una comune amica carissima, volevo approfittare, suo tramite, della ricorrenza in ricordo di San Giovanni Battista che cade il 24 di questo mese per rendere omaggio all'amico John Comini, suo preziosissimo e prolifico collaboratore.

Egli nasce Giovanni come infatti l'anagrafe riporta ma secondo una consolidata tradizione, non solo bresciana, che tende a tradurre nella lingua D'Albione qualsiasi termine d'italica provenienza, "rinasce" sin dal periodo adolescenziale come John tout court, senza riferimento specifico ad omonimi per antonomasia come il John Doe statunitense che indica qualsiasi uomo dall' identità sconosciuta, il John Brown attivista politico più noto per la logorroica canzone che animava i fuochi di bivacco dei babyboomers o eventualmente il ben più noto e anagraficamente vicino John Lennon, padre putativo della cultura musicale di intere generazioni a seguire.

Non ci è dato di conoscere, se non dal diretto interessato,
a chi affibbiare la paternità e la circostanza di questo stravolgimento anagrafico ma ricordo bene la fascinazione che soprattutto in noi ragazzi/e più giovani suscitava questo nuovo ed esotico appellativo di successo tranne che per i famigliari che ostinatamente, pervicacemente ed inspiegabilmente continuavano a chiamare il "nostro": GIOVANNI.

John, ancor prima che diventasse il cantastorie principe del suo giornale; il maestro fantasioso, benvoluto e amato da scolari e genitori; l'ispiratore e ideatore di numerose pieces e saghe teatrali, è stato per noi ragazzi dei sixties e dei seventeen Gavardesi l'incarnazione locale del genio e sregolatezza felliniana, il riferimento allegro, gioviale e sano dello stare insieme, del divertimento puro che nasce dalla condivisione, dalla collegialità e dal l'espressione alla massima potenza degli interessi comuni in termini di svago, declinati nelle arti espressive come nei giochi, nello sport come nei rapporti interpersonali, nella frequentazione di rituali religiosi come nelle numerose circostanze di pura socialità.

In quegli anni
"le domeniche da soli in un cortile e neanche un prete per chiacchierar" erano una frustrazione forse nel milanese, non dalle nostre parti; seppur, nello stesso ambiente, l'animazione e le figure di riferimento non sono mai mancate e forse sarà pur vero, come qualcuno sostiene, che un pizzico di misticismo in meno ci avrebbe reso più disinibiti e meno imbranati, ma ciò non ci ha impedito ugualmente di crescere maturi e responsabili in un clima di serenità e spensieratezza dei quali John è stato uno dei principali artefici.

Voglio ricordare di John oltre alla predisposizione artistica, peraltro già assurta da tempo agli onori della cronaca, anche una certa dimestichezza con gli sport di squadra.
Da sempre affetto da un imbarazzante fanatismo juventino, è l'indiscusso ideatore e miglior interprete del gioco del BALUNSI' da praticarsi con squadre di tre elementi sul rettangolo del campo di basket dell'oratorio con porte "ricavate" nei sostegni in tubolare dei tabelloni.

In questo Maracana' de "noantri" si è esibito il meglio della gioventù Gavardese dei già succitati anni, per stagioni intere ed egli componente del trio "maraviglia": COMINI, BUSSENI, PIALORSI (riserve VENTURELLI e CAPELLO) ha sempre dettato la legge del più forte, anche se, non di rado, il troppo coinvolgimento nel gioco unito ad una proverbiale timidezza faceva dimenticare a John i suoi procrastinabili impegni amorosi con l'adorata Emy (alla quale va tutta la nostra comprensione).

Del tutto trascurabile anche se determinante per il morale della squadra, il suo apporto tecnico nella formazione dopolavoristica e dilettantesca di basket denominata: PURI & CASTI (più nelle intenzioni che nei fatti) opposta, al tempo, allo strapotere fisico, tecnico, finanziario e voyeristico della corazzata BASKET ZIGLIOLI, militante in promozione.

Non si affanni, direttore, a cercare sulla "ROSA" resoconti sportivi dell'epoca.
Dei fasti di un tempo, oltre che all'entusiasmo, John ha conservato la volontà di mantenere una forma accettabile che, se richiesto, avrebbe potuto esibire, per affinità artistiche, in calzamaglia accanto agli amati Troisi e Benigni e quotidianamente lo vediamo percorrere a passo sostenuto gli itinerari più battuti dai runners locali.

Tornando al suo primo amore: Tales and Memories, ho sollecitato più volte il maestro a cimentarsi in un'avventura letteraria più matura e sostanziosa dei soliti "affreschi letterari" a cui siamo abituati e che godono (i likes non tradiscono) dell'apprezzamento dei suoi lettori, ma la sua ritrosia ad accogliere l'invito è da iscriversi forse al diffondersi di un esercizio ormai appannaggio di qualsiasi pennivendolo smanioso di celebrità anziché ad un capace ed ispirato narratore.

Confido, con poca speranza, in un ripensamento ma son certo che la fucina di John è sempre in ebollizione e che prima o poi ci forgerà qualche nuova invenzione.

"Una delle benedizioni dei vecchi amici è che con loro puoi permetterti di essere stupido" Ralph Waldo Emerson .

Per il molto già donato e per quanto ancora ci donerai.....
BUON ONOMASTICO GIOVANNI

Anonimo Gavardese

.nella foto: il maestro John di qualche anno fa




Vedi anche
03/10/2016 08:41

Un contributo alla riflessione sulla scuola Lunga per il web, ma oltremodo interessante, la dissertazione di Giuseppe Biati intorno alla scuola. Pubblichiamo volentieri

27/08/2018 11:17

I Volontari rispondono Riceviamo e pubblichiamo volentieri la lettera di chiarimenti inviataci dai Volontari del Garda, che si riferisce a quanto segnalato da un lettore in merito ad una manifestazione avvenuta a Padenghe qualche giorno fa

18/04/2010 18:52

Lavenone accoglie don Fabio Roberto Missiroli ci ha inviato quanto letto nella parrocchiale di Lavenone in occasione dell'ingresso del nuovo parroco. Pubblichiamo volentieri.

14/08/2013 14:15

Un conto troppo salato Risposte sgarbate e un conto ingiustificatamente alto. E' quanto denuncia un lettore alle prese con il sequestro della sua auto. Pubblichiamo volentieri

22/03/2008 00:00

Centenarie emozioni fra Abastanotti e John Comini Lo scorso Sabato sera, al salone PIO XI di Gavardo, Maurizio Abastanotti ha presentato il suo “A chi dimanda di me”. Poi stato il turno di La Guerra negli occhi , la nuova creazione del regista John Comini.



Altre da Gavardo
11/08/2020

Fra costellazioni e stelle cadenti

Una serata dedicata all’osservazione guidata di pianeti, costellazioni e stelle cadenti quella organizzata a Gavardo per mercoledì 12 agosto in collaborazione con l’Unione Astrofili Bresciani

11/08/2020

Nuova sede per i Servizi Sociali

Gli uffici dei Servizi alla Persona di Gavardo sono stati trasferiti al piano terra di via Quarena 63, nei locali lasciati liberi dall’Asl

10/08/2020

Nuovi stanziamenti per gli ospedali lombardi

Pioggia di milioni sulla sanità pubblica bresciana, la maggior parte destinati al Civile per il nuovo Ospedale dei Bambini, ma una fetta spetta anche al nosocomio di Gavardo

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Tutti al mare... e a Livemmo!

Chiudo gli occhi e cerco di ricordare. Istanti della mia infanzia dorata, attimi di felicità. Dopo la scuola, l’inverno e la nebbia, d’improvviso l’estate arrivava, come un fremito del cuore...

07/08/2020

Gavardo entra nell'Aggregazione

Con la minoranza contraria, qualche giorno fa, il Consiglio comunale di Gavardo ha deliberato di affidare alla Comunità montana di Valle Sabbia i servizi di polizia municipale ed amministrativa

05/08/2020

Al cinema d'estate

Domani, giovedì 6 agosto, la prima delle tre proiezioni di cinema all'aperto organizzate dall'assessorato alla Cultura del Comune di Gavardo. Appuntamento, fino ad esaurimento posti, alle 21 in piazza De Medici

05/08/2020

Appello per reperire plasma iperimmune

L'Avis di Gavardo cerca donatori idonei per la raccolta di plasma iperimmune attivata dall'Asst del Garda per la cura dei malati affetti da Covid-19

05/08/2020

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso

Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri

03/08/2020

La banda torna a suonare

Prima esibizione dopo il lockdown per il corpo musicale "Viribus Unitis" di Gavardo ieri mattina in piazza De' Medici per augurare buona estate