Skin ADV
Mercoledì 22 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Profumi nella roccia

Profumi nella roccia

di Gianfranco Fenoli



22.05.2019 Valsabbia

20.05.2019 Roè Volciano

20.05.2019 Capovalle

20.05.2019 Casto

21.05.2019 Salò Valtenesi

20.05.2019 Gavardo

20.05.2019 Idro Valsabbia

20.05.2019 Storo

20.05.2019 Vestone

21.05.2019 Valsabbia Provincia



19 Febbraio 2019, 15.35
Gavardo Valsabbia Garda
Depurazione del Garda

«Il Chiese va risanato, no al doppio depuratore nel fiume»

di Redazione
Anche il consigliere regionale Ferdinando Alberti prende posizione sulla questione depuratore del Garda ribandendo il no al doppio impianto nel Chiese: “Ogni energia e risorsa devono essere utilizzate per il risanamento ed occorre evitare altri impatti sul fiume”

E’ stata resa pubblica la parte preliminare della ricerca epidemiologica dell’Istituto Superiore di Sanità sui casi di polmonite nel bresciano dei mesi scorsi e sui ritrovamenti del batterio Legionella nelle acque del Chiese.

In questi primi dati viene descritto il fiume come un terreno perfetto di crescita per i batteri, soprattutto nella stagione estiva, che ha favorito il proliferare della Legionella, poi vaporizzata e diffusa dalle torri di raffreddamento di alcune industrie che prelevavano l’acqua del Chiese. Ciò ha determinato l’inizio dell’epidemia di polmonite che ha coinvolto circa mille persone uccidendone sette

Così Ferdinando Alberti, consigliere regionale del M5S commenta: “Sono mesi che diciamo che il Chiese deve essere risanato! Abbiamo depositato atti in Consiglio Regionale in tal senso. Le motivazioni di questo stato del fiume sono tre: scarichi abusivi industriali e civili ma soprattutto il depauperamento delle acque del Chiese causato dalle derivazioni idroelettriche e dai prelievi irrigui per l’agricoltura intensiva bresciana. Occorre fermare o ridurre drasticamente tutto questo, è inaccettabile derivare acqua quando abbiamo un surplus di energia elettrica prodotta così come è inaccettabile continuare a sostenere modelli agricoli oggettivamente insostenibili avidi d’acqua ma generosi di fanghi, pesticidi e reflui zootecnici”

Continua Alberti: “L’analisi dell’Istituto Superiore di Sanità deve mettere una pietra tombale sul nuovo progetto dei due depuratori che scaricano nel fiume i reflui del lago di Garda! Gli scarichi depurati devono essere a lago, il Chiese va curato e salvato. Il lago può tranquillamente sopportare questo carico, il Chiese no. Realizzare il progetto dei due depuratori a Montichiari e Gavardo significa condannare a morte il fiume e mettere a repentaglio la salute di decine di migliaia di persone. Chi prenderà questa decisione si assumerà questa responsabilità”

“A tal proposito la Provincia di Brescia - prosegue il consigliere M5S -, doveva farsi promotrice di incontri con gli Enti, le Istituzioni e i cittadini per arrivare ad un progetto condiviso per la depurazione del lago di Garda. Abbiamo mandato una lettera alla Provincia pochi giorni fa chiedendo cosa è stato fatto ad ora, perchè a noi risulta nulla. Il Presidente Alghisi non può più far finta di niente, a maggior ragione dopo i risultati preliminari dell’Istituto Superiore di Sanità”

“E’ la Provincia di Brescia a questo punto - conclude Alberti - che deve dire “NO” ai depuratori che scaricano a fiume, deve difendere il fiume Chiese ormai ridotto ad un brodo di coltura per batteri. Le compensazioni non servono, perchè se si accetta questo progetto, da compensare non ci sarà più nulla.

Fonte: comunicato stampa
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79693 - 19/02/2019 17:18:16 (skyrunner968)
Condivido, non si può pensare alla fattibilità di questa soluzione con i due depuratori a Gavardo e Montichiari.


ID79696 - 19/02/2019 18:56:26 (mauretta) I soliti valligiani
I soliti valligiani che non avendo il lago di garda non vogliono neanche i depuratori dei gardesani!!!


ID79697 - 19/02/2019 20:17:22 (sissy) leggere il risultato delle analisi su legionella
http://www.bresciaoggi.it/territori/legionella-il-contagio-è-partito-dal-chiese-1.7132373Sul Bresciaoggi i risultati delle morti per polmonite da legionella: il tutto è partito dal fiume Chiese!!!!!!!!!!!!


ID79698 - 19/02/2019 20:21:54 (sissy) leggere il risultato delle analisi su legionella
Sul Bresciaoggi i risultati delle morti per polmonite da legionella: il tutto è partito dal fiume Chiese!!!!!!!!!!!!"L’onda batteriologica che ha infettato quasi mille persone provocando almeno sette morti nell’enclave di confine compresa tra la Bassa Orientale e la provincia di Mantova è stata innescata dal Chiese e amplificata dalle torri di raffreddamento delle aziende che inconsapevolmente hanno alimentato i propri impianti con l’acqua prelevata dal fiume e dalla sua rete di affluenti" sono finalmente arrivati al responso con prove scientifiche. La conclusione delle discussioni sui depuratori mi sembra scontata. La merda va portata altrove.


ID79699 - 19/02/2019 20:22:45 (sissy) stralcio articolo da Bresciaoggi
Sul Bresciaoggi i risultati delle morti per polmonite da legionella: il tutto è partito dal fiume Chiese!!!!!!!!!!!!"L’onda batteriologica che ha infettato quasi mille persone provocando almeno sette morti nell’enclave di confine compresa tra la Bassa Orientale e la provincia di Mantova è stata innescata dal Chiese e amplificata dalle torri di raffreddamento delle aziende che inconsapevolmente hanno alimentato i propri impianti con l’acqua prelevata dal fiume e dalla sua rete di affluenti" sono finalmente arrivati al responso con prove scientifiche. La conclusione delle discussioni sui depuratori mi sembra scontata. La merda va portata altrove.


ID79701 - 19/02/2019 22:18:08 (Daniela84)
Il lago di Garda non è il centro dell’ universo. Questo lo devono capire quelli che ci abitano. Ogni zona ha i suoi problemi, e noi, valsabbini, c’è li smazziamo per i fatti nostri. Perché voi del lago non sapete far altro che riversare i vostri problemi sulle spalle degli altri???


ID79706 - 19/02/2019 23:33:28 (PETER72) I comuni gardesani...
dovrebbero ritagliarsi ognuno il loro pezzetto di territorio dove smaltire ognuno i propri reflui; un mega impianto di smaltimento che sposta le acque da depurare per decine di chilometri è inutile, invasivo e nel tempo sicuramente oneroso da gestire; meglio tanti piccoli depuratori direttamente sui singoli comuni e con 100 milioni di euro già a disposizione se ne possono costruire e gestire anche in avanzo


ID79707 - 20/02/2019 10:43:46 (AlePoint8) Lago di Garda is the new Bora Bora
Partendo dal presupposto che il Lago di Garda non è Bora Bora, ma comprendo il disagio esistenziale di molti che ci vivono, vorrei sapere se il tasso di analfabeti funzionali, di cui lei evidentemente fa parte visto che non ha capito le serie motivazioni per cui il fiume Chiese non può sostenere le vostre nobilissime acque reflue, è molto alto?


ID79709 - 20/02/2019 11:55:29 (Denis66) ......
Il Chiese va dragato dalla sabbia e sassi cosi come il Lago DiIdro,bella pensata dei cervelloni



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/12/2018 08:00:00
Quale depuratore per il Garda? Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia

28/02/2019 09:30:00
Insieme per dire «no» al depuratore Il Comitato Gaia organizza per questa domenica, 3 marzo, una camminata per protestare contro la decisione di costruire il mega depuratore del Garda a Gavardo e sul fiume Chiese. Per l’occasione non bandiere, ma… carta igienica 

16/03/2019 08:00:00
Depuratore del Garda, si comincia da Gavardo Il presidente Alghisi ha convocato in Broletto i sindaci del bacino del Chiese per illustrare loro il progetto definitivo del doppio depuratore. Il primo impianto sorgerà a Gavardo, con grande amarezza da parte dei sindaci e dei comitati ambientalisti, che però non si arrendono 

14/03/2019 09:13:00
Associazioni in difesa del fiume Chiese Sabato pomeriggio a Gavardo il “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d'Idro” ha organizzato un’assemblea pubblica sulla salvaguardia del fiume e contro il progetto del maxi depuratore del Garda a Gavardo

18/03/2019 11:14:00
Il «no» al doppio depuratore è corale L’incontro pubblico indetto sabato scorso dal “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il lago d’Idro” ha raccolto gli interventi di numerosi amministratori locali e rappresentanti delle associazioni ambientaliste. Organizzate le prossime tappe della protesta. VIDEO




Altre da Valsabbia
22/05/2019

Controlli a tappeto

Nel corso delle ultime settimane, i Carabinieri Forestali di Vobarno hanno eseguito molti controlli su inquinamento atmosferico e gestione illecita di rifiuti industriali

21/05/2019

Finanziamenti per i Comuni di confine

Anche due Comuni valsabbini tra i destinatari dei fondi stanziati all’interno del bando 2019 dal Comitato Paritetico del Fondo Comuni Confinanti. Nel bresciano arriveranno complessivamente 7,5 milioni di euro  (3)

21/05/2019

Banca Valsabbina e FEI, 10 milioni per sostenere l'imprenditoria sociale

Il Fondo Europeo per gli Investimenti (gruppo BEI) garantirà l'80% dei prestiti erogati da Banca Valsabbina, per sostenere fino a 70 nuovi progetti con finanziamenti medi intorno ai 140mila euro

21/05/2019

A lezione di legalità

Legalità e comportamento da tenere in strada, soprattutto quando si è alla guida di un ciclomotore. Sono le “materie” di studio introdotte in classe dagli agenti della Locale della Valle Sabbia

20/05/2019

Il Perlasca che «spakka». E le donne ringraziano

Quattro studenti rapper sono stati premiati a Brescia al concorso “Io mi fido di Te”, per un testo contro la violenza sulle donne

19/05/2019

Valle Sabbia, focus sul lavoro

Un convegno in Comunità montana ha fatto il punto sul lavoro e l’occupazione in Valle Sabbia: il ruolo di Social Work

19/05/2019

Lavoro, il ruolo della politica

Alla tavola rotonda l’intervento dei rappresentanti del mondo produttivo e dei consulenti del lavoro sui temi della formazione e delle figure professionali richieste dal mondo del lavoro

18/05/2019

Valsabbia in prima fila per il centro polifunzionale di Arquata

L’opera voluta dagli Alpini per il paese terremotato del centro Italia ha visto il supporto di alpini e aziende valsabbine (4)

17/05/2019

Sul ponte di Sant'Anna

Un giovane valsabbino vuole buttarsi di sotto, gli agenti lo salvano. E’ successo lungo la 45Bis in territorio di Roè Volciano

16/05/2019

L'albero della vita, dall'oliva all'olio

Anche il progetto della scuola primaria di Capovalle è stato premiato in Piazza Loggia da Coldiretti, nell’ambito del percorso scolastico “Il cibo sano per ogni bambino”

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia