01 Luglio 2020, 07.00
Gavardo Valsabbia Garda
Depuratore del Garda

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

di Cesare Fumana

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico


Sono due studi corposi e dettagliati quelli inviati da una parte dai Comuni di Gavardo e Montichiari e dall’altra dai comitati ambientalisti al ministro dell’Ambiente Raffaele Costa, in merito alle osservazioni del tavolo tecnico a latere della cabina di regia per le nuove opere per il collettamento e la depurazione del lago di Garda.

Ieri, una conferenza stampa in streaming, alla presenza degli amministratori comunali e dei tecnici che hanno redatto gli studi, ne ha illustrato le risultanze.

In premessa i sindaci di Gavardo e Montichiari, Davide Comaglio e Marco Togni, hanno illustrato l’iter procedurale fin qui seguito per far valere le loro ragioni di netta contrarietà al progetto di Acque Bresciane che vede la realizzazione di due maxi depuratori, rispettivamente a Gavardo e a Montichiari, più una parte dei reflui del basso lago (Desenzano e Sirmione) a Peschiera del Garda.

«Quello che è emerso fin da subito riguardo al progetto presentato da Acque Bresciane – sottolinea Comaglio – è l’assoluta discrezionalità dei criteri utilizzati per individuare, fra i quattro scenari presi in considerazione, quello migliore. Inoltre non sono stati presi in considerazioni altre alternative che prevedessero che i reflui rimanessero nel bacino del Garda.

Lo studio fatto realizzare per conto dei Comuni da Algebra srl e Studio Sanitas srl doveva rispondere in merito ai “possibili impatti ambientali delle opere di cui all’oggetto sui corpi idrici recettori” e “acquisire informazioni sugli aspetti ambientali che le nuove opere di collettamento e depurazione previste nella parte Bresciana avranno sui corpi idrici recettori, in particolare sul fiume Chiese”.

Dati insufficienti
I tecnici hanno messo in evidenza che i documenti relativi al progetto finora presentato e lo studio di fattibilità dell’Università di Brescia non forniscono dati sufficienti per un’analisi corretta per la valutazione delle opere.

In particolare non sono stati presi in considerazione gli impatti reali e diretti nel fiume Chiese: dalle valutazioni condotte rispetto agli impatti ambientali, economici ed ecologici, alla luce delle quattro ipotesi previste, è emerso che la soluzione progettuale meno idonea è proprio quella relativa allo Scenario 4 (Peschiera + Montichiari + Gavardo).

In particolare l’ing. Magro dello studio Algebra, ha sottolineato che «per quanto riguarda l’impatto ambientale bisogna considerare il “cumulo degli impatti” e nel caso di Montichiari è enorme, vista la situazione di criticità ambientale di quel comune, un caso unico in tutta Europa».

Dalla comparazione delle diverse alternative, considerando sia gli aspetti tecnici sia ambientali, la soluzione migliore risulta essere quella di un ampliamento del depuratore di Peschiera.


Falsata comparazione e condotta sublacuale

Luca Bonetti di Eco Sanitas ha evidenziato come questo emerga anche dallo studio Bertanza dell’università di Brescia del 2019.
«Ma per la scelta dello schema migliore – ha evidenziato –, oltre ai 10 parametri richiesti dalla normativa regionale, ne sono stati aggiunti altri due: ovvero “estensione della rete di collettamento” e “tempi per dismissione collettore sublacuale”, e di conseguenza viene falsata la comparazione»

In merito alla questione sublacuale, poi, i sindaci, così come le associazioni ambientaliste, hanno evidenziato che se fosse davvero un problema urgente sarebbe da risolvere subito, senza aspettare 10 anni, il tempo previsto per la realizzazione di questo progetto.


I corpi recettori

Un’altra questione presa in considerazione dello studio dei Comuni è quella della comparazione fra i corpi recettori, ovvero il fiume Mincio e il fiume Chiese.

Quello che è evidente – hanno detto gli esperti – è che il Mincio, che da quasi 40 anni riceve l’acqua depurata da Peschiera, non ha subito alcuna conseguenza; viceversa il Chiese è un fiume che soffre di numerosi criticità ambientali: fra questi la presenza di impianti di depurazione non a norma che scaricano già nel fiume (ad es. Muscoline e Vobarno); un eccessivo prelievo irriguo; un problema di infiltrazione dell’acqua nell’alveo che fa a finire nella falda sottostante, nella zona da Ponte San Marco in giù.

Se dovesse ricevere dell’acqua depurata, che ha una presenza di azoto di 10 volte il livello normale, aggraverebbe un problema già presente in quella zona relativo alla presenza di nitrati.
Anche per quanto l’uso irriguo, l’acqua depurata sarebbe l’1 o 2% in più rispetto a quella normale, quindi un aumento irrisorio.

Costi esorbitanti in bolletta

Infine, lo studio fa una comparazione dei costi, sia di realizzazione sia di gestione: solo l’impianto di pompaggio necessario per far superare il dislivello dei reflui da Salò a Tormini, di 130 metri, avrebbe un extracosto di un milione di euro all’anno che verrebbe spalmato sulle bollette di tutti i bresciani.

La scelta peggiore

Per tutte queste ragioni, la soluzione prevista dal progetto di realizzare i due depuratori per i reflui dei Comuni del Garda a Gavardo e Montichiari non risulta la soluzione migliori sia dal punto di vista ambientale sia economico.
«Emerge con chiarezza – ha concluso Comaglio – che la soluzione migliore sia quella di un adeguamento del depuratore di Peschiera, sia con una nuova sublacuale sia con un nuovo collettore che costeggi il lago».

La speranza dei sindaci è che il ministro prenda in esame gli studi eseguiti e con obiettività riveda il progetto: «Alla luce delle risultanze prodotte e formulate – affermano i due primi cittadini –, riteniamo che il Ministero (che riveste un ruolo chiave in questo progetto sia per la parte ambientale ma anche in quella finanziaria dato che eroga un contributo di 100 milioni di euro) non possa che ammettere le carenze del progetto di fattibilità tecnico ed economica e debba ora riconsiderare da capo l’intera operazione».

Entrambi i documenti sono stati pubblicati sui siti dei Comuni di Gavardo e Montichiari e inviati ai sindaci dell’asta del Chiese che si oppongono all’attuale progetto.



Vedi anche
14/08/2019 07:00

Ecco il progetto di Acque Bresciane Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese

16/03/2019 08:00

Depuratore del Garda, si comincia da Gavardo Il presidente Alghisi ha convocato in Broletto i sindaci del bacino del Chiese per illustrare loro il progetto definitivo del doppio depuratore. Il primo impianto sorgerà a Gavardo, con grande amarezza da parte dei sindaci e dei comitati ambientalisti, che però non si arrendono 

06/11/2019 07:00

Assemblea per la salvaguardia del fiume Chiese Il Tavolo delle associazioni ambientaliste fa tappa questo giovedì 7 novembre a Sabbio Chiese per un’assemblea pubblica dedicata alle problematiche ambientali e per dire no al progetto del depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari

10/07/2019 10:15

Solidarietà per il fiume Chiese Un appello ad unire le forze fra tutti i Comuni e gli abitanti dell’asta del Chiese per dire no al progetto del maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

21/07/2020 08:00

Troppe incongruenze fra gli studi 2018 e 2019, i sindaci scrivono al ministro In una lettera inviata direttamente al ministro dell'Ambiente Costa, i sindaci di Montichiari, Gavardo, Muscoline e Prevalle, a nome dei colleghi dell'asta del Chiese, mettono in evidenza tutti gli errori presenti nei due studi e un iter procedurale non corretto



Altre da Valsabbia
13/08/2020

«Al passo del Chiese» arriva in Valsabbia

Nella terza tappa del cammino lungo il Chiese, ieri Mirko Savi e i suoi accompagnatori sono passati da Gavardo per giungere a Roè Volciano da dove oggi ripartiranno per Idro

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Un cammino di crescita e consapevolezza

È terminata con una traversata in battello da Riva a Salò il trekking “terapeutico” sull’Alto Garda con gli educatori della coop. Area per 12 ragazzi che si trovano in regime di “messi alla prova” dal Tribunale dei Minorenni

08/08/2020

In cammino al passo del Chiese

Prenderà il via lunedì 10 agosto da Acquanegra sul Chiese per giungere domenica 16 agosto in Val di Fumo il percorso a tappe di Mirko Savi e altri 4 suoi amici per lanciare un messaggio di salvaguardia del fiume Chiese

08/08/2020

Un nuovo corso per Oss a prezzo agevolato

Il prossimo 24 agosto al via il nuovo corso di formazione per Operatori socio sanitari promosso da CMVS, Valle Sabbia Solidale, Solco Brescia e Consorzio Laghi presso l'ex centrale di Barghe, un’iniziativa a sostegno della ripartenza occupazionale post Covid-19

07/08/2020

Alle superiori lezioni in aula a rotazione

Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

07/08/2020

Scuole verso la riapertura, in campo le risorse statali

I fondi stanziati con il Decreto rilancio e i Pon per l'edilizia leggera aiuteranno gli istituti bresciani a ripartire con le dovute misure dopo l'emergenza sanitaria. Contributi in arrivo anche per diversi Comuni valsabbini

07/08/2020

Gavardo entra nell'Aggregazione

Con la minoranza contraria, qualche giorno fa, il Consiglio comunale di Gavardo ha deliberato di affidare alla Comunità montana di Valle Sabbia i servizi di polizia municipale ed amministrativa

05/08/2020

Non è andato tutto bene

Dal PD della Valle Sabbia, una presa di posizione, in merito ai "moti" nagazionisti registrati nei giorni scorsi al Senato, che si contrappongono ai dati sulla pandemia registrati in Regione Lombardia

05/08/2020

Appello per reperire plasma iperimmune

L'Avis di Gavardo cerca donatori idonei per la raccolta di plasma iperimmune attivata dall'Asst del Garda per la cura dei malati affetti da Covid-19