Skin ADV
Sabato 20 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Giglio martagone a Tombea

Giglio martagone a Tombea

di Antonio Bonomi



18.07.2019 Villanuova s/C

18.07.2019 Vestone

18.07.2019 Serle

19.07.2019 Bagolino Val del Chiese

19.07.2019 Gavardo

19.07.2019 Vobarno Valsabbia Garda Valtenesi

19.07.2019 Pertica Alta

18.07.2019 Gavardo

18.07.2019 Gavardo Valsabbia

18.07.2019 Vestone Valsabbia Provincia






10 Giugno 2019, 10.04
Gavardo Valsabbia Garda Provincia
Ambiente

Gestione acque fra Garda e Valsabbia: i desiderata di Legambiente

di red.
Il Circolo Legambiente Brescia Est dice la sua sull'ipotesi di realizzare un depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari. E non solo

La localizzazione dell’impianto di depurazione del lago di Garda è da alcuni mesi al centro di un acceso dibattito che vede contrapporsi le comunità del lago di Garda e del fiume Chiese.

Il Circolo Legambiente Brescia Est, per competenza territoriale sensibile a questa disputa, pur riservandosi la possibilità di analizzare dal punto di vista tecnico il progetto definitivo nel momento in cui esso verrà reso pubblico, ritiene sia giunto il momento di esprimere la propria opinione nel merito, partendo da alcuni punti che noi riteniamo cardine, attorno ai quali costruire la nostra linea di indirizzo:

1) la localizzazione del depuratore del Garda deve scaturire da una attenta analisi dei gravi problemi e delle tematiche ambientali che insistono su entrambi i bacini, che devono trovare una soluzione rapida, efficace e rispettosa delle prerogative di ciascun territorio, prima di qualsiasi decisione.

2) la soluzione proposta
di portare i reflui della sponda bresciana del lago a due nuovi depuratori da costruire nei comuni di Gavardo e Montichiari, nel bacino del fiume Chiese, non ha ragione di esistere. Pensare ad una rete di collettamento che dal lago porti i reflui ai due comuni che sorgono sulle sponde del fiume Chiese è una follia: scollinare fin oltre i 200 metri slm, devastare il paesaggio e gli ecosistemi, accollare alla comunità gli alti costi energetici e di manutenzione, rendono questa proposta assolutamente inaccettabile.

3) Dissipare denaro pubblico in opere che comunque, allo stato dei fatti, non risolvono i problemi, anzi li possono addirittura aggravare, è un atto di incoerenza e superficialità estrema oltre che un danno erariale.

4) I cento milioni stanziati dal Ministero per la depurazione del Garda non vanno persi e rimangono a disposizione presso il CIPE. Questo è stato ufficialmente dichiarato nel corso della riunione tecnica voluta dai consiglieri regionali bresciani l’11 aprile scorso, presso l’UTR.

5) Nessuna norma vieta di scaricare le acque acque reflue del depuratore, adeguatamente trattate, nel lago.

Fissati questi punti cardine possiamo cominciare a ragionare nel merito.

Premesso che per noi l’obiettivo è la massima tutela di entrambi i bacini, dal puno di vista degli ecosistemi, dei paesaggi, dell’economia, della salute delle popolazioni residenti, per ricercare una soluzione che soddisfi queste prerogative dobbiamo avere una visuale che spazia nel tempo: come immaginiamo i nostri territori tra 10 – 20 – 30 – 40 anni?
Come vogliamo che siano per le future generazioni?

Il lago di Garda, ad esempio, lo possiamo immaginare, ed è auspicabile l’impegno di tutti per centrare questi obiettivi:
• senza gli attuali scarichi fognari a lago, civili, zootecnici, industriali, abusivi e non,
• le acque bianche separate da quelle nere, senza sfioramenti a lago dalle stazioni di sollevamento,
• niente speculazioni edilizie,
• con le fasce tampone ricostituite,
• con le coste rinaturalizzate,
• scongiurato l’inquinamento di sostanze tossiche con il recupero dei 6 ordigni bellici scaricati il 16 aprile del 1999 nel lago da un cacciabombardiere F-15 della NATO in fase di atterraggio a Ghedi,
• riduzione e regolamentazione della navigazione a motore,
• sardine di lago che non presentano tracce di Pfas,
• anguille in cui non c’è traccia di diossine.

In un ambiente lacustre così risanato
immaginiamo un Depuratore tecnologicamente molto avanzato, che occupi uno spazio limitato, collocato in un’ area dismessa riqualificata, con un rendimento ottimale per tutto il lavoro fatto a monte, pensato dai tecnici intorno agli anni 2020 per garantire la massima funzionalità e il massimo grado di depurazione tanto che l’acqua depurata può tranquillamente essere immessa nel lago.

Le tecnologie esistono e già molti impianti le utilizzano.
Non parliano di sperimentazioni ma di una realtà operativa con dei costi simili a quanto adottato finora.

Nel frattempo lungo tutta l’asta del fiume Chiese
, grazie al senso civico, alla sensibilità raggiunti e alla consapevolezza che Fiumi e Laghi sono organismi viventi indispensabili per la qualità della vita, si sarà provveduto a:
- raggiungere e mantenere il Deflusso Ecologico Funzionale per il lago D’Idro,
- limitare, regolamentare e verificare i prelievi per le varie centrali idroelettriche, nel rispetto delle autorizzazioni in essere,
- togliere gli scarichi abusivi civili e industriali diretti nel fiume Chiese, nel Naviglio Grande e nei reticoli idrici,
- irrigare la campagna coltivata con sistemi tecnologici innovativi azzerando lo spreco di risorsa idrica: BASTA IRRIGAZIONE PER INONDAZIONE DEI CAMPI!,
- ricostituire le fasce tampone,
- rinaturalizzare le rive,
- bandire l’utilizzo di fanghi di depurazione, gessi di defecazione e digestati per una agricoltura naturale e sana, NON PIU’ TOSSICO-NOCIVA (vedi metalli pesanti e idrocarburi contenuti nei fanghi,
- non autorizzare nuove discariche, risanando se possibile quelle esistenti,
- scongiurare l’avvento di nuove epidemie di legionella e polmonite,
- bandire il ricorso alle compensazioni ambientali.

Per raggiungere questi standard
il Circolo Legambiente Brescia Est chiede agli Organi Decisori di valutare tutte le criticità prima di prendere una decisione che auspichiamo nel solco di quanto sopra descritto. L’imperativo è fare le cose FATTE BENE, che durino nel tempo e che siano le più efficaci e le meno invasive, nel rispetto degli ecosistemi e della qualità della vita.

LO CHIEDONO ANCHE TUTTI I RAGAZZI DEL FRIDAY FOR FUTURE, PREOCCUPATI PER IL LORO AVVENIRE.
Ḗ GIUNTA L’ORA DI ASCOLTARLI ED IMPEGNARCI PER ASSICURARE LORO UN FUTURO SOSTENIBILE
NON POSSIAMO DELUDERLI

.fonte: comunicato stampa.








 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80752 - 10/06/2019 12:26:44 (Denis66) ...
Dimenticate il dragare il Lago di Idro e il fiume chiese, come facevano sino a 20/25 anni fa, dal terriccio e sassi, così da evitare altri disastri


ID80754 - 10/06/2019 12:39:47 (Filippo Grumi) bene
una presa di posizione senza tanti se e tanti ma.Finalmente si passa di livello con una associazione di rilevanza nazionale. Come disse qualcuno "sono i comitati del posto a creare i problemi". Adesso come la mettiamo visto che si parla di associazioni ambientaliste a livello nazionale?


ID80771 - 12/06/2019 17:18:43 (alfo70) sig
Cosa diranno Filippo??? Che sono le solite associazioni nazionali a creare problemi ahaha. Sara' come sempre . Mi raccomando di non mollare la presa con il presidente della provincia,nessun ripensamento,mi raccomando.Alfonso


ID80784 - 14/06/2019 10:38:18 (Tuco) .....
.....riprendendo un passo sulle aree dismesse immagino che a Salò nella ExTavina si faranno residence ma non certo il depuratore.......la merda non rende miliardi ne bustarelle



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/12/2018 08:00:00
Quale depuratore per il Garda? Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia

06/11/2018 10:30:00
Deturpatore? No, grazie Era scritto a chiare lettere su uno striscione al Teatro “Pavanelli” ed è stato ribadito con forza, ieri sera, nel corso dell’assemblea pubblica indetta per discutere l’ipotesi di collocare il nuovo depuratore del Garda a Muscoline 

14/03/2019 09:13:00
Associazioni in difesa del fiume Chiese Sabato pomeriggio a Gavardo il “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d'Idro” ha organizzato un’assemblea pubblica sulla salvaguardia del fiume e contro il progetto del maxi depuratore del Garda a Gavardo

22/11/2017 16:05:00
«Il fiume Chiese e il suo lago d'Idro» Un convegno di alto profilo quello organizzato per questo sabato, 25 novembre, a Villanuova dall’associazione “Amici della Terra” e da Legambiente Lombardia. Al centro del dibattito il fiume Chiese e il lago d’Idro

19/02/2019 15:35:00
«Il Chiese va risanato, no al doppio depuratore nel fiume» Anche il consigliere regionale Ferdinando Alberti prende posizione sulla questione depuratore del Garda ribandendo il no al doppio impianto nel Chiese: “Ogni energia e risorsa devono essere utilizzate per il risanamento ed occorre evitare altri impatti sul fiume”



Altre da Gavardo
19/07/2019

Dottoressa Luisa

Congratulazioni a Luisa Busi, di Sopraponte di Gavardo, che si è brillantemente laureata in Scienze politiche presso l'Università telematica Niccolò Cusano di Roma

19/07/2019

Vacanza salute per i bambini Saharawi

Sono nove quest’anno i piccoli accolti dall’associazione Rio de Oro Gavardo per un periodo di vacanza e di cure in Valle Sabbia e nel bresciano

18/07/2019

Mozione, Fratelli d'Italia dice la sua

Egregio direttore Vallini, in merito alla integrazione chiesta dalla minoranza di Centrodestra gavardese in occasione del Consiglio comunale del 4 luglio scorso, vorremmo dire la nostra come circolo "Fratelli d'Italia Gavardo"
(9)

18/07/2019

Lettera aperta al nuovo presidente

Questo venerdì alle 18 ci sarà l'Assemblea che affiderà i nuovi incarichi di governo in Comunità montana. Le associaizoni contrarie alla costruzione del depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari, anticipano le loro richieste
(5)

17/07/2019

Il giro del mondo (o quasi) con un Trio che suona in cinque

Questo giovedì al parco Baronchelli a Gavardo protagonista l’ensemble milanese Box Trio, con musica di mille genti fra sonorità ebraiche, ritmi balcanici e armonie greche

16/07/2019

Restyling per le piazze

Completato il rifacimento della pavimentazione di piazza Marconi a Gavardo, sono ora iniziati i lavori per sistemare piazza De’ Medici (1)


 

15/07/2019

Un valsabbino ai vertici Lions

La Valle Sabbia ai vertici del servizio alla comunità con Lions Clubs International. Eletto Governatore del Distretto di Brescia -Bergamo - Mantova il gavardese Filippo Manelli


13/07/2019

Propongo lo scambio depuratore - ex ospedale

Vorrei cortesemente chiedere spazio nella rubrica "Lettere al direttore" per poter pubblicare queste mie riflessioni sul tema maxi depuratore a Gavardo (4)

13/07/2019

«Incontriamoci»

Le mamme di Gavardo e dintorni esprimono delle osservazioni alla replica dell’on. Gelmini alla precedente lettera aperta sul tema depuratore per i comuni dell'Alto Garda, e chiedono di specificare data e luogo dell'incontro che auspicano possa realizzarsi a breve (2)

12/07/2019

Zanola campione italiano master

L’atleta dell’Atletica Gavardo 90 ha conquistato ben due medaglie ai Campionati Italiani Master su pista andati in scena a Campi Bisenzio

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia