Skin ADV
Venerdì 18 Ottobre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    







Fiori di carciofi

Fiori di carciofi

by Miriam





19 Settembre 2019, 15.57
Gavardo Valsabbia Garda Provincia
Lettere

In difesa del fiume Chiese

di Gianluca Bordiga - Tavolo delle Associazioni
In relazione all’assemblea dei sindaci in Ato in programma per domani – 20 settembre – il Tavolo delle Associazioni che amano il Fiume Chiese e il Lago d’Idro invia a tutti i primi cittadini bresciani una lettera aperta contro il progetto del doppio depuratore del Garda

Formazioni sociali aderenti, in ordine alfabetico: Amici della Terra Lago D'Idro Valle Sabbia, Aqua Alma onlus Prevalle, Associazione pescatori Alto Chiese, Cambia rotta Carpenedolo, Club pesca a mosca Brescia, Comitato Cittadini Calcinato, Comitato ricreativo culturale acquafreddese, Comitato salute pubblica la corsa per la Vita Montichiari, Empatia Blu Remedello, Fondazione Zanetto Montichiari, GAIA Gavardo, Gruppo ecologico del Chiese Casalmoro, Klousios centro studi e ricerche basso Chiese Casalmoro, Legambiente Brescia est Legambiente Montichiari, L'isola gruppo volontari per l'Ambiente Remedello, Tre salti nel bosco Mezzane di Calvisano, Unione pescatori bresciani, Visano Respira. 

Idro, 16 settembre 2019

Lettera aperta in difesa del fiume Chiese, con invito ai Sindaci dei 206 Comuni bresciani a contrastarle ogni forma di inquinamento
A tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia di Brescia

OGGETTO: progetto di scaricare nel fiume Chiese la depurazione del medio-basso lago di Garda; opposizione ad ogni simile ipotesi; diffida a non procedere in tal senso.


Egregi Sindaci, la scrivente organizzazione unitaria, che attualmente annovera 19 formazioni sociali trentine, bresciane e mantovane le quali svolgono la propria attività di salvaguardia ambientale sulla quasi totalità dei 160 chilometri dell'asta del fiume Chiese, s'è costituita con la finalità di unire le forze per rigenerare il "deflusso ecologico" in ogni tratto del fiume Chiese, e di proteggerlo da ogni minaccia di inquinamento.

Siamo a conoscenza del progetto predisposto dalla società "Acque Bresciane" per cercare di realizzare nei Comuni di Gavardo (BS) e Montichiari (BS), entrambi bagnati del fiume Chiese, due mega impianti per la depurazione dei reflui del medio-basso lago di Garda, ovvero per scaricare nel fiume Chiese la depurazione di molti Comuni del lago di Garda e dei motivi veri che hanno concepito questo progetto facendo pressioni per arrivare a tal punto.

Siamo a conoscenza di ogni manovra sottostante e stiamo predisponendo adeguate azioni in ogni sede competente compresa quella giudiziaria per impedire la realizzazione di tale progetto, e ciò per le seguenti ragioni:

1) erronea e illogica decisione di portare i reflui di un ampio Bacino com'è il lago di Garda in un altro bacino, ovvero in un'altra Valle, dovendo nel caso pompare i reflui su un’altitudine di 150 metri per scavalcare le colline moreniche che separano i due Bacini;

2) erronea finalità di fondo, resa nota il giorno 11 aprile 2019 dal tecnico della società "Acque Bresciane" ascoltato in una riunione dei Consiglieri bresciani della Regione Lombardia presso la sede del UTR di Brescia, secondo cui si vorrebbe utilizzare l'enorme quantità di acqua proveniente dai vari Comuni del lago di Garda per portare un ulteriore abnorme quantità di acqua al comparto agricolo della pianura bresciana e mantovana, oltre a quella già prelevata dal fiume Chiese, allo scopo di continuare ad irrigare con l'antico metodo d'irrigazione cd. "a scorrimento" concepito nel 19° secolo;

3) La tecnica di cui sopra il punto 2 determina un grandissimo consumo e spreco d'acqua, una risorsa primaria, perché si tratta di inondare i campi andando nella direzione opposta ad ogni indicazione degli scienziati che studiano il cambiamento climatico;

4) Enormi rischi di inquinamento del fiume Chiese,
già gravemente ammalorato proprio per gli effetti del depauperamento delle sue acque a causa delle esigenze del comparto agricolo che lo desertificano per lungi tratti, prosciugandolo addirittura durante la stagione più calda (vedi il gravissimo caso di Legionella di fine agosto 2018, nonché l'effetto delle 19 piccole centraline disseminate nell'asta a sud del lago d'Idro con una frequenza di circa una ogni 4 chilometri);

5) Rischi di grave inquinamento potranno verificarsi considerando che la quasi totalità dei Comuni del Lago di Garda non ha le acque nere separate da quelle bianche, ovvero in caso di forti piogge s'innescherebbe il sistema By-Pass, inevitabile, che scaricherebbe i reflui direttamente nel fiume Chiese, senza alcuna depurazione;

6) Enorme aumento della spesa pubblica, necessaria per realizzare due mega impianti di depurazione in queste due località lontane dal lago di Garda: i lavori per le condotte forzate e le stazioni di pompaggio genererebbero infatti spese di realizzazione quasi raddoppiate rispetto a quelle necessarie per far confluire i reflui gardesani al già esistente grande depuratore di Peschiera del Garda, verso il quale infatti c'è già una favorevole morfologia territoriale;

7) Gli enormi costi annui per mantenere tutte le stazioni di pompaggio; costi che andrebbero a ricadere sugli utenti

8) Ingiusta e illogica azione della Comunità del Garda, che in tal modo, andando a scaricare la sua depurazione in un altro Bacino, come da essi stessi dichiarato, andrebbe a trasferire contributi pecuniari ai Comuni dove verrebbero realizzati i due mega impianti, sottraendo in tal modo risorse alle proprie comunità, per mezzo delle quali invece potrebbero separare le acque nere da quelle bianche in ogni loro Comune e quindi darebbero una prova di rispetto delle regole dell'ecologia e di quelle delle tecniche di depurazione da considerare all'avanguardia, realizzando impianti più piccoli, distribuiti equamente sul lago, quindi meglio gestibili.

Per questi motivi, la nostra organizzazione unitaria avvierà ogni azione con ogni mezzo per contrastare la realizzazione del progetto.

Per quanto sopra esposto, inviamo a tutti i 206 Sindaci dei Comuni della Provincia di Brescia la presente diffida a non procedere in alcun modo con autorizzazioni che potrebbero essere utilizzate nella prossima Vostra Assemblea dei Sindaci bresciani presso ATO il 20 settembre 2019.

Distintamente

Il Portavoce
Gianluca Bordiga


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID81935 - 19/09/2019 20:31:20 (fra)
Depuratore a parte, ma il lago d Idro ed il fiume chiese dovrebbero essere maggiormente tutelati, ripuliti e valorizzati!!!!Ma come sempre oltre alla propaganda, i nostri politici e/o amministratori nn fanno più nulla!!!!!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/03/2019 08:00:00
Depuratore del Garda, si comincia da Gavardo Il presidente Alghisi ha convocato in Broletto i sindaci del bacino del Chiese per illustrare loro il progetto definitivo del doppio depuratore. Il primo impianto sorgerà a Gavardo, con grande amarezza da parte dei sindaci e dei comitati ambientalisti, che però non si arrendono 

04/10/2019 08:00:00
Dai sindaci un progetto alternativo I sindaci dell’asta del Chiese commissioneranno ad esperti uno studio che analizzi il progetto dei maxi depuratori del Garda e i criteri utilizzati per individuare la localizzazione più opportuna. Sarà la base per delle proposte alternative


11/09/2019 10:10:00
Maxi depuratore, le preoccupazioni rimangono L’incontro tecnico dei sindaci dell’asta del Chiese con Ato e Acque Bresciane non ha dato esito soddisfacente. I primi cittadini si preparano a realizzare un progetto alternativo 

06/09/2019 10:46:00
I dubbi degli amministratori Sono ancora tanti i nodi da sciogliere sulla questione della realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari. A breve l’incontro tecnico in Ato con Acque Bresciane

26/06/2019 08:00:00
Dai sindaci del Chiese un no forte e chiaro È un forte compatto quello dei 15 Comuni dell’asta del Chiese nel ribadire il no al maxi depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari



Altre da Valsabbia
18/10/2019

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia


18/10/2019

Barbaine 2019

In occasione dell'omaggio ai Caduti della Resistenza, lo scorso 13 ottobre, a Barbaine di Livemmo ha preso la parola nel ruolo di oratore ufficiale lo storico prof. Giuseppe Biati. Ecco il suo discorso, per chi vuol capire cosa è stato e cosa può essere ancora il fascismo in Italia


18/10/2019

Il coraggio di essere liberi

A Barbaine di Pertica Alta, in occasione della commemorazione dei parigiani caduti per mano fascista, come ogni anno ha preso la parola che uno studente del Perlasca

17/10/2019

Al via i corsi di formazione digitale per i Comuni organizzati da Secoval

Prosegue l’impegno di Secoval e Comunità Montana di Valle Sabbia per accompagnare gli enti locali nella direzione “digital first” (“innanzitutto digitale”)

17/10/2019

Molestie sulle alunne, maestro condannato

Cinque anni e quattro mesi. Questa la condanna in primo grado inflitta ad un maestro valsabbino sorpreso dalle telecamere dei carabinieri a palpeggiare alunne

17/10/2019

«Silent Event»

Anche numerosi soccorritori valsabbini fra i partecipanti ad un evento organizzato a Bergamo dal Servizio di benessere in emergenza di Areu


16/10/2019

Alzheimer: un convegno e un «Caffè»

Occasione imperdibile, quella in programma per sabato alla Passerini di Nozza, per coloro che si ritrovano o potrebbero ritrovarsi a dover affrontare in famiglia la terribile malattia


16/10/2019

Un altro anno da incorniciare

E’ quello della stagione agonistica del Motoclub Lumezzane, che si è svolto a Bione, nei locali messi a disposizione in via don Giuseppe Bazzoli dall’Aignep... in attesa della prossima edizione dell'X-TREAM


15/10/2019

Orazio in visita alla Valle Sabbia

Si, proprio lui, il grande poeta latino, che ci regala i suoi versi tradotti... in dialetto valsabbino. Per saperne di più l'appuntamento è per questo mercoledì sera, alle 20:30, in biblioteca a Vobarno


15/10/2019

Dalla Regione il bando «Rinnova autovetture»

Così il Consigliere regionale valsabbino Massardi: “Dai 2.000 agli 8.000 euro per sostituire l’auto inquinante, 18 milioni dalla Lombardia” (1)

Eventi

<<Ottobre 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia