Skin ADV
Lunedì 24 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




22.07.2017 Preseglie

23.07.2017 Valtenesi

22.07.2017 Roè Volciano

23.07.2017 Bagolino

24.07.2017 Idro Anfo

23.07.2017 Provincia

23.07.2017 Casto Barghe

23.07.2017 Preseglie

22.07.2017 Vobarno Valsabbia

24.07.2017 Bione Bagolino






11 Luglio 2017, 09.08
Gavardo Valsabbia Garda Valtenesi
Sanità pubblica

«La Memoria» fra gioie e dolori

di c.f.
L’assemblea tenutasi una decina di giorni fa a Gavardo ha visto in particolare gli amministratori locali in prima linea per farsi interpreti delle preoccupazioni in merito ad alcuni servizi offerti dall’ospedale di Gavardo. A margine, abbiamo raccolto approfondimenti piuttosto interessanti

Se da un lato l'assemblea ed i progetti esposti sono serviti a rassicurare l’opinione pubblica sul futuro dell’ospedale, con investimenti approvati e nuovi servizi in via di definizione, ciò che ancora desta qualche apprensione, e in alcuni casi malumore, è il presente.

Molto interessante, a tal proposito, è stato il “dopo assemblea”, con le discussioni sviluppate nei vari capannelli che si sono formati all'esterno della sala, proseguite fino a tarda ora, fra semplici cittadini, amministratori comunali e il personale dell’ospedale.
 
Alcune preoccupazioni, come pure degli apprezzamenti, sono giunti anche dal pubblico in sala. Anche il nostro giornale ha registrato, attraverso le lettere al direttore, lamentele per alcuni disservizi, ma anche dei ringraziamenti per le ottime cure ottenute.

Lo avrà notato anche il direttore generale, che da quanto abbiamo appreso l’altra sera, è un nostro assiduo lettore.
D’altro canto, è evidente che vengano sottolineate le carenze: sono quelle che preoccupano i cittadini-pazienti.

In merito all’emodinamica, come è stato detto in assemblea, si è in attesa della risposta dell’assessorato reginale. Ma confidando in una risposta positiva, considerando anche che la Regione Lombardia ha già presso vari ospedali più emodinamiche di quanto previsto dalla legge nazionale di riferimento, restano dei dubbi sulla sua attivazione in tempi ragionevolmente brevi, vista anche la prossima scadenza del mandato regionale, con le elezioni previste la prossima primavera.
 
Alcune problematiche riguardano la carenza del personale.
Da tempo si lamentano carenze di personale tecnico, infermieristico e medico, tanto che sono frequenti i salti di riposo, come pure lo slittamento delle ferie, che secondo le norme si dovrebbero effettuare durante l'anno di competenza, o comunque entro e non oltre il primo semestre dell'anno successivo, mentre a tutt'oggi sono molti i dipendenti che vantano ancora ferie arretrate del 2016.
 
Carenze di organico si evidenziano nel servizio di Anestesia e Rianimazione (un medico in meno) e che l'incarico a termine in attesa di concorso per la sostituzione del primario è avvenuta dopo oltre un anno; due ortopedici in meno nella divisione di Ortopedia e Traumatologia, dove si è aggiunto la recente dimissione del primario, sostituito questa volta con rapidità, in attesa sempre della relativa autorizzazione regionale per il concorso.
 
Ciò però non modifica la consistenza dell'organico del reparto, gravemente sottodimensionato, tanto che la stessa direzione aziendale ha ritenuto necessario e urgente inviare all'ospedale di Gavardo a turno degli ortopedici da Desenzano: personale specializzato che può dare un valido supporto in sala operatoria e negli ambulatori, ma che lasciano il restante gravoso lavoro di reparto e di reperibilità a carico di quei pochi medici rimasti.
 
Alle recenti dimissioni del primario di Ginecologia e Ostetricia si è provveduto con un incarico ad un medico che proviene dall'ospedale di Manerbio, un medico che sarà preparato ed esperto che però è prossimo al pensionamento (un anno circa?). 
Forse, senza nulla togliere alla capacità professionale del nuovo primario, sarebbe stato opportuno affidarsi ad un medico che avesse la possibilità, seppur in attesa di concorso, di pensare oltre che al reparto anche al potenziamento delle attività negli ambulatori e nei consultori, come dichiarato in assemblea dallo stesso direttore generale.
 
Trasferimenti a scapito di Gavardo
Durante la serata, il presidente della Comunità montana di Valle Sabbia si è fatto portavoce di quell’impressione che vi siano dei primari legati al territorio e che rimangano nella struttura per un periodo medio-lungo, in modo da garantire una continuità nella gestione dei reparti.
Questo perché alcune decisioni in merito anche a trasferimenti interni, hanno dato l’idea che si prendano medici con esperienza fatta a Gavardo per trasferirli poi a Desenzano. 
 
Ad esempio, l’Asst da sempre ha avuto tre primari per le tre Pediatrie di Desenzano, Gavardo e Manerbio; da oltre un anno, da quando è andato via il primario di Desenzano, invece di pensare alla sua sostituzione, si è semplicemente disposto il trasferimento del primario della Pediatria di Gavardo a Desenzano e che lo stesso ritorna solo uno o due giorni la settimana; era stata stipulata un’apposita convenzione con un pediatra esterno, ma alla scadenza del contratto non è stato più rinnovato.
 
Anche la responsabile del servizio di dialisi dell'Ospedale di Gavardo è stato trasferito a Desenzano/Manerbio.
È vero che è stato sostituito con un giovane medico, ma la cosa è stata poco gradita dai pazienti sottoposti a dialisi. 
 
Poi il primario del reparto di Medicina generale è stato promosso a capo dipartimento dell'azienda: incarico prestigioso e gratificante per il medico, ma ha impoverito il reparto della sua esperienza oltre che causare una riduzione dell'organico.
 
Durante la serata ci sono state parole di apprezzamento per il reparto di Cure palliative, sia sotto l'aspetto logistico per il comfort offerto, sia per la professionalità del personale.
Tutti conosciamo l’importanza che può avere questo reparto per un paziente, ma anche per i propri familiari.
Qui era presente l’importante figura della psicologa, la cui opera era molto apprezzata, ma che la stessa dal primo marzo 2017 è stata destinata ad altre funzioni.
 
Altro capitolo, di cui la gente ha spesso percezione, è la privatizzazione di alcuni servizi.
Ad esempio, negli anni scorsi il reparto di Lunga degenza/Riabilitazione presso l'ospedale di Salò, ben strutturato, con annessa palestra per la riabilitazione, attraverso una convenzione della Regione Lombardia è stato spostato provvisoriamente presso le cliniche private di Villa Barbarano e Villa Gemma e per il momento non esiste allo studio, vista la disponibilità di spazi a Gavardo, di un suo rientro almeno parziale anche nel settore pubblico di letti e palestra, in modo da aumentare l'offerta e ridurre le liste di attesa.
 
Anche gli ambulatori già attrezzati dei dentisti di Gavardo e Salò sono da tempo chiusi: chi ne ha bisogno deve recarsi a Nozza di Vestone o all'ospedale di Desenzano. Due ambulatori per un bacino di 150 mila persone sono decisamente insufficienti.
L'altra sera è stato annunciato la prossima riapertura dell'ambulatorio di Salò: a quando quello di Gavardo?
 
Anche l'ambulatorio di oculistica, che oggi ha lunghe liste di attesa, avrebbe bisogno di un potenziamento, per consentire maggiori interventi di cataratta, che sembra si stiano riducendo, obbligando i pazienti a recarsi a Desenzano.
Lo stesso per il servizio ambulatoriale di Fisiatria, visto che oggi per una semplice visita servono almeno tre mesi.
 
Ci si rende conto, dicevano i cittadini nella loro lamentele, che non è facile dare risposte esaustive, ma in attesa di un domani migliore, per il quale tutti noi dobbiamo impegnarci, per l’oggi cosa si prevede realisticamente di poter fare?

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID72720 - 11/07/2017 11:37:11 (fra)
Altro che fra gioie e dolori....Qui mi sembra che ci siano solo dolori e dolori!!!!!


ID72725 - 11/07/2017 15:02:33 (turk182) lega-mi
a dimostrazione che la serata organizzata a Gavardo era poco più che propaganda elettorale


ID72735 - 12/07/2017 09:23:09 (roberto74) Certo che....
....a brontolare si fa presto. Quelli che si lamentano di Gavardo per i tempi delle visite hanno mai provato a chiedere al Civile e dintorni? I tempi sono simili se non più lunghi. Il problema non è Gavardo, il problema è sopra le nostre teste di chi gestisce i soldi della Sanità, muovono le pedine come vogliono e intanto noi subiamo....ma per essere a posto con la coscienza l'italiano medio se la prende con l'infermiere del reparto...


ID72740 - 12/07/2017 12:35:26 (Ernesto)
chi abbiamo alla regione o provincia alla sanita??


ID72745 - 12/07/2017 14:59:07 (ornella) un avvocato alla Sanità Lombarda
Milano, 24 giugno 2016 - Giulio Gallera è il nuovo assessore regionale alla Sanità di Regione Lombardia. L'incarico era stato assunto ad interim dal mese di settembre 2015 dal governatore Roberto Maroni. Ad annunciarlo lo stesso Maroni, a margine di un convegno a Palazzo Pirelli dedicato alle Regioni e alla riforma costituzionale.


ID72757 - 13/07/2017 15:14:50 (FabioFilippini) Dr.F.Filippini Ortopedico
Ho lavorato per questa Azienda oltre 38 anni e 17 come Primario dell'UO di Ortopedia di Gavardo. Non sono del territorio ma sono sempre stato attento alle esigenze del territorio. Proprio per questo nessuno più di me conosce il fabbisogno, in campo ortopedico ovviamente, della popolazione della Valsabbia. Nessuno più di me sa quanto sono stati generosi negli ultimi mesi gli Operatori dellOrtopedia di Gavardo. Una conoscenza così lunga e continua poteva essere utile per il futuro di questo Ospedale. Ma ho l'impressione che tutte le scelte vengono fatte ignorando il parere di chi quotidianamente è in prima linea. Buon lavoro a tutti.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/06/2017 15:04:00
Ospedale di Gavardo, quale futuro? Venerdì sera a Gavardo un’assemblea pubblica promossa dal Comune e dalle Comunità montane di Valle Sabbia e del Parco Alto Garda Bresciano con i vertici dell’Asst del Garda e il consigliere regionale Rolfi per fare il punto sulle istanze sanitarie del territorio

01/07/2017 07:30:00
«Ospedale di Gavardo presidio strategico» I presidenti delle Comunità montane di Valle Sabbia e Parco Alto Garda Bresciano hanno ribadito l'importanza dell'ospedale di Gavardo con la richiesta di servizi sanitari efficienti e attenti alle istanze del territorio. VIDEO


02/12/2014 12:34:00
Mancato sviluppo Che ne sarà dell’ospedale di Gavardo ora che i locali sono stati rinnovati? La questione è da troppo tempo sul tavolo della Regione. L’appello di Vezzola e Flocchini

14/07/2017 13:56:00
«Per fugare ogni dubbio» In merito all'articolo "La Memoria, fra gioie e dolori" da noi pubblicato nei giorni scorsi, ecco le risposte del direttore generale dell'ASSST del Garda Peter Assembergs. Lo ringraziamo per la puntualità, la competenza e la completezza 

14/08/2014 09:05:00
L'ospedale di Gavardo? «Un'eccellenza» E' diffusa opinione fra i valsabbini che l'ospedale di Gavardo troppo spesso faccia fatica a dare risposte adeguate alle esigenze di salute dei cittadini, soprattutto in caso di gravi emergenze. Abbiamo raccolto una testimonianza che afferma il contrario




Altre da Garda
22/07/2017

Christian Hubmann, 12 anni d'arte e di cultura

Alla fine di luglio lo storico palazzo Benamati, a Toscolano Maderno, sarà animato da esposizioni di costumi di scena, performance musicali e quadri viventi a cura dell’associazione, che festeggia il suo dodicesimo anno di attività

21/07/2017

Scossa sul Garda

Alle 19:03 di questo venerdì, i sismografi hanno registrato una scossa di magnitudo 3.6 con epicentro nell'area fra Toscolano e Gargnano a 2 km di profondità (2)

21/07/2017

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia

19/07/2017

Niccolò Fabi in concerto all'Anfiteatro del Vittoriale

Sarà il cantautore romano l’ospite del Festival Tener-A-Mente di questo sabato 22 luglio, atteso sul palco del Vittoriale per festeggiare i suoi 20 anni di carriera

17/07/2017

All'Anfiteatro del Vittoriale arriva Jack Savoretti

Martedì 18 luglio continua il Festival Tener-a-mente con il cantautore italo-inglese in Italia con il suo “Sleep No More Tour”

12/07/2017

Banhart e Lanegan all'Anfiteatro del Vittoriale

Ospiti nei giorni scorsi di Tener-A-Mente, Devendra Banhart e Mark Lanegan regalano al pubblico del Vittoriale due concerti molto diversi: personalissime riflessioni in merito di Alfredo Cadenelli. E stasera tocca a Ryan Adams

12/07/2017

Imprenditori valsabbini sotto il Gran Sasso

Il Centro Italia, con le sue eccellenze nel campo della ricerca e della produzione industriale, all’ordine del giorno per la seconda tappa di un viaggio di formazione ed interazione “targato” Associazione Industriale Bresciana (1)

09/07/2017

Al Vittoriale con Devendra Banhart e Mark Lanegan

Dopo il travolgente concerto inaugurale dei Baustelle e il tutto esaurito di Passenger, il festival Tener-A-Mente porta sul palco del Vittoriale due giganti della musica contemporanea: Devendra Banhart e Mark Lanegan.

05/07/2017

«A piedi per i Santuari del Lago di Garda»

È uscita la seconda edizione riveduta e ampliata della guida di Loredana Francinelli e Giovanna Coco, con nuovi itinerari per scoprire le bellezze del Benaco

03/07/2017

Debutto alla grande con i Baustelle

Con un live convincente e incalzante i Baustelle conquistano il Vittoriale. Martedì sarà la volta di Passenger

Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia