07 Ottobre 2017, 18.08
Gavardo Villanuova s/C Valtenesi
Bracconaggio 2

Contrasto alle pratiche illecite

di red.

In azione, anche nella Bassa bresciana, gli uomini della stazione gavardese dei carabinieri forestali


La mattina fra Castenedolo e Montirone, su specifica richiesta del comando provinciale, il pomeriggio sui monti di Villanuova.
E' stata questa la giornata odierna di controlli per i carabinieri forestali della stazione di Gavardo.

Anche qui un lumezzanese, l'uomo di 59 anni sorpreso la mattina presto a Castenedolo, dopo che per tutta la notte aveva "pasturato" con un “fonofil” l'area dove intendeva cacciare con maggior profitto delle quaglie.

Nella rete tesa dai forestali, in questo caso a Montirone, sono finiti anche due fratelli di 49 e 52 anni che oltre ad utilizzare in un capanno provvisorio il “fonofil”, cacciavano con uno dei fucili che poteva contenere nel caricatore più cartucce di quanto prevede la legge.
In entrambi i casi, oltre alla denuncia e alla relativa multa, i cacciatori si sono ritrovato con le munizioni e le armi sotto sequestro.

Nel pomeriggio ecco i Forestali in azione a Villanuova.

Prima a Berniga, dove un 48enne è stato denunciato perché sorpreso a posizionare una trappola con dentro un lucherino da richiamo, senza anello identificativo.

Poi a Peracque, dove un 43enne aveva appiccato fuoco ad un campo, non ad un mucchio di sterpaglie e troppo vicino alla linea di alta tensione, alle case e al bosco, per essere considerata operazione di normale pulizia. L’uomo ha rimediato una denuncia per “accensione ed esplosione pericolosa”.

Nei giorni scorsi, a Calvagese della Riviera, gli stessi uomini avevano sorpreso altri due cacciatori “fuori dalle regole”. Entrambi utilizzavano come richiamo il “fonofil”: uno in più teneva in gabbia anche un esemplare vivo di frosone (specie particolarmente protetta dalla convenzione di Berna); l’altro, recidivo coi reati in materia venatoria, un tordo bottaccio con ali mutilate.



Commenti:
ID73705 - 08/10/2017 09:00:34 - (Ernesto) - nes

benvengano multe e controlli,,,ma perch non son cosi pignoli quando inquinano i fiumi con relativa moria di pesci???protetti e non protetti???oppure nu sono ben informato io,,,

ID73706 - 08/10/2017 09:09:07 - (ubaldo) - La stessa cosa...

...disse un tale ai carabinieri che gli facevano una multa per sorpasso vietato: «ma perchè non siete così pronti anche coi ladri in appartamento?». E mi pare che più o meno disse così anche un ladro d'apprtamento una volta: «Sisi, voi fate il vostro mesiere, Ma perchè non vi organizzate così bene anche per certi omicidi irrisolti?». Vado avanti? :))

ID73707 - 08/10/2017 12:58:25 - (alkill) - Quando si deve dare esempio....

uno dei denunciati a Montirone era il sindaco in carica del paese...

ID73716 - 11/10/2017 17:23:36 - (alfo70) - Ernesto

Evidentemente non è informato lei. A Gavardo sono sempre attivi,hanno "pizzicato" un bel po' di aziende,si fidi.

Aggiungi commento:
Vedi anche
18/10/2017 17:15

Altri bracconieri nella rete dei Forestali Prosegue l’azione di contrasto al bracconaggio, che ha visto impegnati i carabinieri forestali di Vobarno in quel di Brescia e i colleghi di Gavardo a Vallio e Serle

24/10/2018 09:42

Nella Bassa e in Valsabbia Una lunga serie di illeciti penali, quelli svelati dai Carabinieri forestali di Vobarno in queste ultime settimane

21/11/2017 07:58

Nei guai bracconiere di Levrange Posizionava trappole del tipo “Sep” ed è stato sorpreso dai carabinieri forestali di Vestone. In azione ad Agnosine e Roè anche i colleghi di Vobarno

14/10/2016 08:26

Preso con le mani... nella rete

Sospettavano ci fosse dell’avifauna protetta come lucherini e passere scopaiole, così i forestali del Nucleo Operativo Antibracconaggio (Noe) si sono avvicinati di nascosto a quell’abitazione isolata di Bione

25/08/2016 08:06

Caccia e dintorni: in quattro finiscono nei guai Giro di vite da parte degli uomini della Forestale valsabbina sulle pratiche illegali di caccia e riguardo alla detenzione irregolare di animali. Quattro le denunce



Altre da Valtenesi
31/07/2020

In corsa per Gabriel

«Loro stanno salvando mio figlio, io vado in bicicletta. Come posso aiutarli?». Nasce così la sfida di Manuel Ragnoli, sui pedali, per 560 chilometri in 24 ore

24/07/2020

Si è spenta Prassede Gnecchi

Insegnante e storica dell'antifascismo, è nota per la realizzazione delle pietre d'inciampo sul Garda e in Valtenesi in memoria degli ebrei sterminati nei lager nazisti. Se n'è andata dopo una lunga lotta contro la malattia

11/07/2020

Nubifragio, i danni di vento e grandine

La violenta tempesta che si è abbattuta nel bresciano oggi pomeriggio ha provocato numerosi danni, alcuni anche in Valle Sabbia

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

02/07/2020

Pioggia, vento e grandine piegano la Valtenesi

Oltre a provocare smottamenti, allagamenti e cadute di alberi, il forte temporale di ieri ha danneggiato vigneti e uliveti, i cui raccolti subiranno perdite in percentuale importante

22/06/2020

Un anno sabbatico

È quello che ha chiesto il presidente Poinelli ai gruppi della “Monte Suello”: annullate tutte le manifestazioni del 2020 compresa l’Adunata sezionale a Vestone e Nozza

22/06/2020

Fabio Lozito capogruppo dell'anno

È stato assegnato al capogruppo di Agnosine il premio “Milesi” per il 2019. Premiato anche un alpino di Moniga e il gruppo di Valvestino

22/06/2020

Penne nere, «Stima e fiducia dalla gente»

L’assemblea annuale della “Monte Suello” di ieri a Polpenazze era chiamata a valutare le iniziative e il bilancio del 2019, ma si è inserita con forza l’attualità della pandemia

21/06/2020

Il flash mob delle «mamme del Chiese»

Alla protesta di comitati e associazioni ambientaliste si unisce quella di alcune mamme che ieri pomeriggio si sono radunate a Gavardo per ribadire il loro “no” al progetto del maxi depuratore del Garda