Skin ADV
Sabato 28 Marzo 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Cielo e mare

Cielo e mare

di Paolo Salvadori



27.03.2020 Gavardo Valsabbia Garda

26.03.2020 Gavardo Valsabbia

28.03.2020 Valsabbia

26.03.2020 Agnosine

26.03.2020 Valsabbia Val del Chiese Storo

27.03.2020 Val del Chiese

28.03.2020 Gavardo Valsabbia Garda

26.03.2020 Valsabbia Provincia

27.03.2020 Gavardo

28.03.2020 Bione



18 Dicembre 2019, 07.47
Idro Bagolino Anfo Lavenone Valsabbia
Eridio

Sentenza sul lago

di val.
E' quella tanto attesa, sulla quale si è pronunciato il Tribunale Superiore delle Acque, che ha respinto i ricorsi presentati dagli Amici della Terra e dall'Amministrazone Nabaffa

Due erano i ricorsi al Tribunale Superiore delle Acque e pendevano dal 2015. Al centro dell’attenzione le “opere di regolazione per la messa in sicurezza del lago d’Idro”.
Uno era stato presentato dall’associazione “Amici della Terra club Lago d’Idro e Valle Sabbia”, l’altro dall’Amministrazione comunale, sindaco Giuseppe Nabaffa.

Entrambi chiedevano l’annullamento di un accordo di programma datato 2008 e dei decreti regionali che avevano approvato i progetti preliminare e definitivo per la costruzione delle opere.

Ricorsi che mettevano in discussione l’operato dei sindaci di Bagolino e Lavenone, oltre che quello di Augusta Salvaterra che aveva governato Idro prima di Nabaffa, ma anche quanto era stato stabilito a livello regionale e ministeriale, sempre relativamente alle opere programmate sul lago.
Ebbene, il Tribunale Superiore delle Acque ha riunito le due istanze ed è arrivato a sentenza, depositata lo scorso 3 dicembre.

Il ricorso degli Amici della Terra è stato rigettato “per difetto di legittimazione ad agire”.
Il tribunale, insomma, ha ritenuto che l’Associazione non avesse i requisiti per farlo, questo ricorso.

Non ha avuto maggior fortuna l’istanza formulata dal sindaco protempore Giuseppe Nabaffa, respinto invece nel merito.
Unico aspetto sul quale l’Amministrazione avrebbe potuto sostenere le sue ragioni è riguardo alla presenza nel progetto della famosa, o famigerata “savanella”, non prevista nell’accordo del 2008, se non fosse che un ricorso era già stato presentato e respinto perché tardivo rispetto ai termini di legge.

Per il resto,
sull’idea che il progetto lombardo di regolazione ci fossero “manifesti errori logici e scientifici” oppure sulla cosiddetta “opzione zero” che renderebbe inutile ogni opera di regolazione, il tribunale ha respinto tutto, perché “infondate nel merito” oppure “presentate in modo irrituale” cioè secondo la forma prescritta dalla legge.

Quanto alla regola ordinaria di gestione del lago
, sempre secondo il tribunale, nulla ha a che fare con le opere in oggetto.
Insomma, ad uscirne bene, dall’aula del tribunale romano, sembrerebbe essere solo il contestatissimo accordo di programma del 2008, sottoscritto dall’allora sindaco Augusta Salvaterra.

.in foto: quando sul lago tutti manifestavano uniti (2007)


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID82297 - 18/12/2019 14:16:33 (Dolcestilnovo)
Il tempo è galantuomo. Salvaterra sugli scudi.


ID82298 - 18/12/2019 14:18:40 (Baldo degli ubaldi)
Dopo questo risultato mi aspetterei le dimissioni di Bordiga come presidente dell’associazione amici della terra. Del sindaco Armani e dei consiglieri di maggioranza che hanno seguito tutta la vicenda e le pubbliche scuse del ex sindaco Nabaffa. Purtroppo certi personaggi non hanno ritegno e quindi continueranno a mentire e insultare nel vano tentativo di salvarsi la faccia


ID82299 - 18/12/2019 14:21:50 (Dru)
Salvaterra, nome nomen


ID82300 - 18/12/2019 14:58:55 (doc) Doc
Perfetto ci hanno confermato un'escursione lacuale di 3,50.Ringraziamo chi ha firmato.


ID82301 - 18/12/2019 15:04:53 (Baldo degli ubaldi)
Se legge l’articolo dice che le opere non hanno nulla a che vedere con la regola di gestione .


ID82302 - 18/12/2019 15:06:36 (Baldo degli ubaldi)
Inoltre vorrei ricordare a tutti che il’escursione a 3,5 è stata confermata nel 2016 dal sindaco Nabaffa


ID82303 - 18/12/2019 21:31:36 (pluto) pensiero
Alla fine dopo più di 10 anni la verità è emersa, purtroppo il paese è stato diviso e lacerato da feroci lotte intestine che a guardar bene sono il risultato e lo specchio della politica gridata e malsana che respiriamo quotidianamente.


ID82304 - 19/12/2019 19:42:44 (doc) Logica
Secondo me Baldo degli Ubaldi è uno dei firmatari del famigerato accordo del 2008. Se così non fosse non riesco a capire tutto l'accanimento che profonde nel difendere un documento che spalanca la strada all'escursione di 3,50 m. Secondo il suo ragionamento Nabaffa dovebbre chiedere scusa per averlo confermato mentre Salvaterra dovrebbe essere santificata per averlo richiesto e voluto. La logica Baldo dove sta?


ID82305 - 19/12/2019 20:49:01 (blb) Doc
L'escusione dei 3,25 Mt esisteva gia' . Diciamo che e' la regola ufficiale ben prima dell'accordo del 2008. Proprio l'accordo del 2008 ne fissa in deroga dei 3,25 una regola che ci ha permesso di godere dell'escursione di 1,3 mt. L'attuale regola a 1,30 caro doc e' proprio fissata dall'accordo del 2008. Quindi si legga l'accordo e non dica baggianate. Nabaffa firma nel 2016 un accordo che prevede il ritorno alla regola ufficiale dei 3,25, cioe' fine della deroga a 1,30 del 2008. Le e' chiaro Doc? Se vuole glielo spiego riprendendo i punti chiari dell'accordo del 2008


ID82306 - 19/12/2019 21:00:31 (blb) Doc
Nel 2016 nabaffa non conferma l'accordo del 2008 , bensì conferma un documento che prevede il ritorno alla regola di 3,25 di escursione. Ci avete anche messo un cartello che campeggia sulla paleofrana, Idro vuole il nuovo ingresso ma non con il 3,25 di escursione (riferito appunto alla firma di Nabaffa del 2016). Non l'avete forse messo voi ? Hai la memoria corta? Me lo spieghi per favore?


ID82307 - 19/12/2019 21:24:59 (doc)
"Così è se vi pare"Noi Amici della Terra siamo contro l'escursione 3.25 senza se e senza ma. Ora è sempre. Per l'assenza di una lista alternativa siamo stati costretti a candidarci alle elezioni comunali. Perché non l' ha fatto il gruppo Salvaterra "nomen omen"


ID82308 - 19/12/2019 22:46:43 (Baldo degli ubaldi) X doc
Io non sono uno dei firmatari, ma se lei si fosse preso la briga di leggerlo l’accordo 2008 scoprirebbe che non sancisce i 3,5 di escursione mentre il documento approvato da Nabaffa si.


ID82309 - 19/12/2019 22:50:03 (Baldo degli ubaldi) Logica
Logica doc: Salvaterra nomina del lago e Nabaffa Il suo paladino ma siccome Salvaterra non si candida allora lo fate voi per contrastare Nabaffa/Armani che sono i nemici del lago.No comment


ID82310 - 20/12/2019 02:38:08 (blb) doc
la tua logica è quella di scambiare patate per cipolle e se qualcuno te lo fa notare pensi di cavartela con il così e' se vi pare,.... lo dico a Voi cosi e' se vi pare nonostante i fatti, i documenti chiari , le sentenze perse, le persone che avete infamato senza motivo, ... senza voler mai dialogare con l'arroganza di essere solo vuoi i buoni e nel giusto. Rancore e ignoranza... due parole che vi si addicono...


ID82311 - 20/12/2019 02:51:32 (blb) quando
il popolo di Idro togliera' la testa da quel vaso in cui la incastrata si potrebbe parlare di risanamento dell'acqua , di pista ciclabile intorno al lago ragionando su una giusta perequazione dell'utilizzo dell'acqua che e' di tutti in cambio di rive decenti , di opere compensative che rilancino il turismo, ma sopratutto di un'acqua pulita e trasparente ....


ID82312 - 20/12/2019 02:53:26 (blb) e.c. l'ha incastrata
errore di battitura


ID82313 - 20/12/2019 06:29:45 (doc)
Di buona mattina incasso l'insulto di Ignoranza da parte di blb. Grazie per lo stimolo a lottare. Ma lei, caro blb, dove vive? Partecipi a qualche conferenza della Coltivatori Diretti e si renderà conto del perché siamo tanto odiati. Ci vedono come coloro che stanno cercando di impedire un massiccio e indiscriminato uso delle acque del lago ai loro fini. Per noi è un vanto. Per farle capire contro chi lottiamo sappia che C. D. è uno degli sponsor principali della depurazione delle fogne del Garda nel Chiese. Pur di continuare a irrigare per inondazione anelano a quell'acqua "depurata" da batteri ma carica di sostanze chimiche cancerogene e di droghe per prudurre cibo che spacciano per genuino e salutare. A me, come medico, vengono i brividi e mi incazzo. Scusatemi per lo sfogo e per essere andato fuori tema. W il lago!


ID82314 - 20/12/2019 08:11:38 (liberissimo) Maaaa sbaglio ooooooo
Esattamente alle elezioni di maggio 2019 usciva un articolo che citava ..... la galleria non si fa più .... vittoria del comune di Idro ...... eee invece ...... si perdono i ricorsi x incapacità legali e x difetto alla legittimità di agire..... avvocati incompetenti pagati dal comune e associazioni che manco esistono .... aaaa ma quest ultima ora lotta x L intero chiese ... le classiche lotte del tempo perso .... negli ultimi 6 anni cosa avete combinato ???? Nulla di nulla neppure un tentativo x discutere della regola .... a già quelli che hanno firmato nel 2008 non ci sono quindi x il lago non serve far più nulla .... dai ora avete pure la comunità montana che vi appoggia di sutura scenderete a 1 mt di escursione altro che 1.30 ..... INCOMPETENTI


ID82315 - 20/12/2019 09:28:19 (doc)
Liberissimo di dire stupidaggini. Liberissimo. Si informi poi parli.


ID82316 - 20/12/2019 10:42:41 (liberissimo) Doc
Le stupidaggini le avete scritte e dette voi in tutti questi anni ! L’articolo ne è una prova ..... o magari avete vinto il ricorso .... .... Mellai docet



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/03/2010 09:40:00
«Controricorso»: Idro si sfila L'amministrazione comunale di Idro annulla la delibera che dava mandato all'avvocato di resistere al ricorso pendente davanti al tribunale delle acque.

04/06/2015 07:09:00
Di ricorsi ce n'è ancora un paio Uno in Europa, l'altro al Tribunale superiore delle acque. In tema di lago, sicurezza e sfruttamento delle acque altre corti si devono ancora esprimere. Intanto prosegue l'iter per la realizzazione delle opere


25/03/2016 09:34:00
Quattro anni al pusher di Ema Il Tribunale di Brescia ha emesso la sentenza di condanna per il ragazzo che cedette al gavardese Emanuele Ghidini il francobollo allucinogeno che lo condusse a gettarsi nelle gelide acque del Chiese

02/04/2009 00:00:00
Acque agitate sul lago d'Idro In attesa che al Tribunale Superiore delle Acque possano battere il classico martelletto, il confronto si sposta dall’aula alle dichiarazioni. Così le acque restano agitate sull’Eridio, ma anche piuttosto confuse.

02/05/2011 09:00:00
Un tribunale che fa acqua In merito alla posizione assunta dal Tribunale Superiore delle Acque «caso Eridio» ecco un interessante articolo apparso su Anfo Racconta.



Altre da Valsabbia
28/03/2020

Torna l'ora legale

Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 in Italia scatta l’ora legale: lancette avanti, dormiremo un’ora in meno ma avremo giornate più lunghe

28/03/2020

Colomba direttamente a casa

Colombe e uova di cioccolato direttamente a casa tua. E’ la proposta della rinomata Pasticceria Bazzoli perché la Pasqua, nonostante il momento difficile per tutti, anche quest’anno possa avere un contorno di tradizione e di bontà

28/03/2020

Cooperative sociali, con l'emergenza stipendi a rischio

Con le scuole chiuse da fine febbraio per l’emergenza coronavirus più di 300 educatori e operatori sociali dipendenti delle cooperative si trovano in uno stato di “fermo salariale” fino a data da destinarsi

28/03/2020

Il contagio in Valle Sabbia, un'analisi statistica

È quella che ci propone Stefano Simoni, ingegnere gavardese, che ha raccolto i dati pubblicati quotidianamente da Vallesabbianews

28/03/2020

Ospedale di Gavardo, le rassicurazioni dell'Asst del Garda

In una nota l'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale a cui fa riferimento il nosocomio gavardese chiarisce come si sta affrontando l'emergenza Covid19. La maggior criticità nella carenza del personale perché molti operatori si sono ammalati


27/03/2020

Mascherine per Rsa e case di cura

Un altro carico di mascherine sta raggiungendo le strutture residenziali per anziani e cooperative e case d’accoglienza  per persone fragili della Valle Sabbia grazie all’iniziativa AiutAMObrescia

27/03/2020

Riconvocato il tavolo tecnico

Già rimandato una volta a causa dell’emergenza coronavirus, il tavolo per l’esame della progettazione è stato riconvocato a sorpresa dal Ministero su sollecito della Regione. Indignazione e sconcerto tra i sindaci, impegnati in prima linea nel contrastare l’emergenza in corso

27/03/2020

Ospedale di Gavardo in difficoltà

L'impennata di contagi in Valle Sabbia degli ultimi giorni ha messo in crisi il Pronto Soccorso e l'ospedale di Gavardo dove si fatica a far fronte all'emergenza


26/03/2020

Sostegno alle aziende, la Rurale c'è

In questo momento di grande incertezza economica e finanziaria, la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella vuole dare un segnale forte di vicinanza all’imprenditoria locale attraverso iniziative sia bancarie che formative

26/03/2020

Valsabbina anticipa i crediti verso la PA

Il piano per le aziende che nel corso dell’emergenza Covid-19 hanno concluso contratti di fornitura con Asl, strutture ospedaliere e Protezione civile, accessibile anche alle imprese non clienti di Banca Valsabbina

Eventi

<<Marzo 2020>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia