Skin ADV
Sabato 21 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Golfo di Salò

Golfo di Salò

by Luigi



19.04.2018 Barghe

21.04.2018 Barghe

19.04.2018 Bagolino Salò

20.04.2018 Valsabbia

19.04.2018 Roè Volciano

19.04.2018 Pertica Bassa

20.04.2018

20.04.2018 Valtenesi

19.04.2018 Valsabbia Provincia

21.04.2018 Odolo Valsabbia






17 Ottobre 2016, 16.00

In cucina

Street food

di Laura
Un mestiere antico quello di far da mangiare, come antico è il preparare da mangiare in strada

Street food letteralmente il termine significa “cibo da strada”: lo street food è sempre esistito fin dall’antica Roma, è diffuso in tutto il mondo, e addirittura si calcola che circa la metà degli abitanti del pianeta consumino cibo acquistato dai venditori ambulanti, in piedi e velocemente.

Le tracce più antiche di cibo preparato e cucinato per strada risalgono agli albori della nostra civiltà, circa diecimila anni fa. I greci già descrivevano l’usanza egizia, tradizione del porto di Alessandria poi adottata in tutta la Grecia, di friggere il pesce e di venderlo per strada.

Dalla Grecia il costume è passato al mondo romano, arricchendosi e trasformandosi in innumerevoli varianti. Si possono ancora osservare, negli scavi di Ercolano e di Pompei, i resti ben conservati di tipici “thermopolia”, gli antenati del moderno “baracchino”.
Erano una sorta di cucinotto che si affacciava direttamente sulla strada, adibito alla vendita di cibi cotti di ogni sorta, principalmente minestre di farro, fave o cicerchie.

All’epoca le classi urbane meno abbienti vivevano in abitazioni, condomìni a tutti gli effetti, per la maggior parte sprovviste di cucina. Il popolino si nutriva dunque per strada, rifornendosi dal più vicino thermopolium che proponeva vivande corroboranti alla portata di tutte le tasche.

In tempi più recenti, si sono visti spuntare nei pressi di stadi e palazzetti, fiere e mercati, numerosi automezzi attrezzati per la vendita di bibite e panini, classici quelli con la salamella o con la porchetta, versione italica degli statunitensi hot-dog e hamburger, a loro volta discendenti della tradizione di poveri immigranti provenienti dalle città di Amburgo e Francoforte.

La corrente odierna dello street food sta prendendo una piega decisamente diversa, puntando all’aspetto culturale di tradizione, a volte da riscoprire, e scommettendo sulla qualità di una proposta sempre più raffinata.

Lo street food si caratterizza fondamentalmente per tre elementi: è economico, è comodo ed è reperibile in ogni angolo della città tramite chioschi e furgoncini, localizzati presso mercati, sagre paesane e in altri luoghi che si contraddistinguono per una forte presenza di turisti.

Si può consumare addirittura camminando, poiché non necessita né di posate né di piatti.

Un  esempio lampante di street food italiano è il vecchio cono gelato artigianale, e, naturalmente, la tradizionale  pizza al taglio che si guadagna lo scettro della miss street food.

Come può mancare il fritto? Mozzarelline, olive ascolane, arancini, patatine, pesce fritto.
E per addolcirsi un po’ si passa alle ciambelle e ai bomboloni gonfi di crema.

Ma lo street food non è tutto rose e fiori: volgendo lo sguardo ad est, per esempio, in Cina vengono proposti lungo le strade strani animaletti, come scorpioni, bachi da seta, prelibatezze che probabilmente nessuno di noi si sognerebbe di mangiare.

La parola d’ordine sono, dunque, tradizione e identità: il cibo, per far parte di questa categoria, deve provenire necessariamente dal territorio circostante. M
a non pensate che lo street food vi faccia mantenere la linea in quanto solitamente si tratta di cibi sfiziosi e ahimè piuttosto grassi.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/08/2011 07:00:00
Come usare le bacchette per mangiare cinese da www.gingerandtomato.com

16/06/2013 14:00:00
Eccesso di cibo? Ecco le soluzioni più naturali Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi ci ricorda che il mangiare in modo incontrollato non è dovuto alla mancanza di volontà ma al modo di affrontare un pasto, che troppo spesso avviene senza respirare, rilassarsi e gustare appieno quello che stiamo mangiando

09/11/2010 09:00:00
Due “Chiocciole” in Valle Sabbia Fra gli otto ristorante bresciani segnalati con la Chiocciola di Slow Food due sono valsabbini, dove si può “mangiare bene, spendendo il giusto”.

12/03/2011 06:51:00
Norma e discrezione A Gavardo è vietato mangiare il gelato per strada? Si, no, forse, dipende dal vigile... e se la decisione del tutore dell’ordine non vi piace potete sempre rivolgervi al livello superiore, quello del sindaco.

27/03/2008 00:00:00
Torna lo «Stratto marzo», antico rito di primavera Sarà ancora un inizio di primavera dal sapore antico nel piccolo borgo di Capovalle stasera alle ore 21, si rinnoverà un rito antico, un appuntamento con la tradizione: lo «Stratto marzo».



Altre da In cucina
29/03/2018

Venerdì Santo ancora di magro?

È ancora radicata la tradizione di culturale e religiosa di non mangiare carne il venerdì che precede la Pasqua? Lo svela un’indagine sui consumi degli italiani

21/03/2018

Raspelli vs Valerio

Ad essere stato assolto dall’accusa di diffamazione non è stato Edoardo Raspelli, come hanno riportato molti giornali nei mesi scorsi, ma Walter Valerio

21/03/2018

Laboratorio gastronomico

E' andato in scena alla Sosta a Nozza di Vestone il primo appuntamento valsabbino con la gastronomia "targata" Valli Resilienti, che unisce la bravura degli chef alle eccellenze prodotte in Valle


27/02/2018

Per salvare il pomodoro «made in Italy»

Come tutelare una delle produzioni di punta della Lombardia? Lo spiega la Coldiretti regionale in occasione dell’arrivo dell’etichetta “salva pummarola"

09/02/2018

Medaglie d'oro

Arte culinaria valsabbina in mostra e con eccellenti risultati, sotto l'egida della Federazione Italiana Cuochi, alla manifestazione fieristica gardesana che ha avuto luogo all’Expo Riva Hotel

25/01/2018

Curcuma, una magia dorata

La curcuma (Curcuma longa) è una spezia dalle molteplici proprietà benefiche e curative che costituisce un vero toccasana per l’organismo. Vediamo di cosa si tratta e come utilizzarla al meglio in cucina

14/12/2017

Salumi di Valle Sabbia

Sulla tavola per il Natale, per te o per gli amici, la scelta migliore è quella di ripercorrere gusti e sapori di tempi ormai dimenticati. Si può, coi salumi di Vassalini

08/12/2017

Per un Natale senza lattosio

Anche quest’anno chi è intollerante al lattosio può contare sulla Pasticceria Bazzoli di Odolo che prepara panettoni e pandori “delattosati” per te o da regalare ad un amico intollerante, da prenotare entro il 17 dicembre

27/11/2017

Made in Italy, record di specialità

Secondo un'indagine di Coldiretti l Italia detiene il record mondiale per varietà e ampiezza del patrimonio agroalimentare

22/11/2017

Regalo di Natale? Sceglilo Bbuono

Per non sbagliare rivolgiti alla gastronomia della tradizione, con un “foodbox” recapitato direttamente a casa. Con Bbuono si può

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia