Skin ADV
Domenica 19 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


Riflessi sull'acqua

Riflessi sull'acqua

by Simonetta



18.11.2017 Gavardo

18.11.2017 Villanuova s/C

17.11.2017 Lavenone

17.11.2017

17.11.2017 Roè Volciano

17.11.2017 Vobarno

18.11.2017 Giudicarie Storo

17.11.2017 Giudicarie

17.11.2017 Vobarno

17.11.2017 Prevalle






17 Ottobre 2016, 16.00

In cucina

Street food

di Laura
Un mestiere antico quello di far da mangiare, come antico è il preparare da mangiare in strada

Street food letteralmente il termine significa “cibo da strada”: lo street food è sempre esistito fin dall’antica Roma, è diffuso in tutto il mondo, e addirittura si calcola che circa la metà degli abitanti del pianeta consumino cibo acquistato dai venditori ambulanti, in piedi e velocemente.

Le tracce più antiche di cibo preparato e cucinato per strada risalgono agli albori della nostra civiltà, circa diecimila anni fa. I greci già descrivevano l’usanza egizia, tradizione del porto di Alessandria poi adottata in tutta la Grecia, di friggere il pesce e di venderlo per strada.

Dalla Grecia il costume è passato al mondo romano, arricchendosi e trasformandosi in innumerevoli varianti. Si possono ancora osservare, negli scavi di Ercolano e di Pompei, i resti ben conservati di tipici “thermopolia”, gli antenati del moderno “baracchino”.
Erano una sorta di cucinotto che si affacciava direttamente sulla strada, adibito alla vendita di cibi cotti di ogni sorta, principalmente minestre di farro, fave o cicerchie.

All’epoca le classi urbane meno abbienti vivevano in abitazioni, condomìni a tutti gli effetti, per la maggior parte sprovviste di cucina. Il popolino si nutriva dunque per strada, rifornendosi dal più vicino thermopolium che proponeva vivande corroboranti alla portata di tutte le tasche.

In tempi più recenti, si sono visti spuntare nei pressi di stadi e palazzetti, fiere e mercati, numerosi automezzi attrezzati per la vendita di bibite e panini, classici quelli con la salamella o con la porchetta, versione italica degli statunitensi hot-dog e hamburger, a loro volta discendenti della tradizione di poveri immigranti provenienti dalle città di Amburgo e Francoforte.

La corrente odierna dello street food sta prendendo una piega decisamente diversa, puntando all’aspetto culturale di tradizione, a volte da riscoprire, e scommettendo sulla qualità di una proposta sempre più raffinata.

Lo street food si caratterizza fondamentalmente per tre elementi: è economico, è comodo ed è reperibile in ogni angolo della città tramite chioschi e furgoncini, localizzati presso mercati, sagre paesane e in altri luoghi che si contraddistinguono per una forte presenza di turisti.

Si può consumare addirittura camminando, poiché non necessita né di posate né di piatti.

Un  esempio lampante di street food italiano è il vecchio cono gelato artigianale, e, naturalmente, la tradizionale  pizza al taglio che si guadagna lo scettro della miss street food.

Come può mancare il fritto? Mozzarelline, olive ascolane, arancini, patatine, pesce fritto.
E per addolcirsi un po’ si passa alle ciambelle e ai bomboloni gonfi di crema.

Ma lo street food non è tutto rose e fiori: volgendo lo sguardo ad est, per esempio, in Cina vengono proposti lungo le strade strani animaletti, come scorpioni, bachi da seta, prelibatezze che probabilmente nessuno di noi si sognerebbe di mangiare.

La parola d’ordine sono, dunque, tradizione e identità: il cibo, per far parte di questa categoria, deve provenire necessariamente dal territorio circostante. M
a non pensate che lo street food vi faccia mantenere la linea in quanto solitamente si tratta di cibi sfiziosi e ahimè piuttosto grassi.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/08/2011 07:00:00
Come usare le bacchette per mangiare cinese da www.gingerandtomato.com

16/06/2013 14:00:00
Eccesso di cibo? Ecco le soluzioni più naturali Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi ci ricorda che il mangiare in modo incontrollato non è dovuto alla mancanza di volontà ma al modo di affrontare un pasto, che troppo spesso avviene senza respirare, rilassarsi e gustare appieno quello che stiamo mangiando

09/11/2010 09:00:00
Due “Chiocciole” in Valle Sabbia Fra gli otto ristorante bresciani segnalati con la Chiocciola di Slow Food due sono valsabbini, dove si può “mangiare bene, spendendo il giusto”.

12/03/2011 06:51:00
Norma e discrezione A Gavardo è vietato mangiare il gelato per strada? Si, no, forse, dipende dal vigile... e se la decisione del tutore dell’ordine non vi piace potete sempre rivolgervi al livello superiore, quello del sindaco.

27/03/2008 00:00:00
Torna lo «Stratto marzo», antico rito di primavera Sarà ancora un inizio di primavera dal sapore antico nel piccolo borgo di Capovalle stasera alle ore 21, si rinnoverà un rito antico, un appuntamento con la tradizione: lo «Stratto marzo».



Altre da In cucina
26/10/2017

Un ottimo risultato per Alessia Este

Complimenti ad Alessia Este, di Villanuova, che si è classificata seconda al campionato italiano juniores di karate disputato domenica scorsa al centro sportivo fijlkam di Ostia lido


21/10/2017

Alla corte di sua maestà il bagòss

Accademia Italiana della Cucina in "azione" a Bagolino, alla riscoperta delle virtù casearie della produzione nostrana
(1)

24/09/2017

Ledro esalta la patata viola

Una rassegna gastronomica autunnale riporta alla ribalta le pietanze realizzate con l'insolito e prezioso tubero della Valle di Ledro nelle sue diverse declinazioni

11/08/2017

Ferragosto in campagna con... menu fantasia

L’agriturismo BioBio’ a Vobarno propone per il ferragosto un menu fantasia, dove troverete DI TUTTO UN PO’:  un buffet fresco, ma gustoso con prodotti tipici e biologici; verdure, salumi, carni, formaggi e tanto altro

13/07/2017

La Corte dello Spiedo, atto secondo

Tutto pronto ad Agnosine per l'evento più gustoso di tutta la programmazione estiva. Si tratta della seconda edizione de "La Corte dello Spiedo", manifestazione durante la quale i migliori spiedatori della zona e anche no cercheranno di preparare il piatto migliore

07/07/2017

L'Oc de San Martì

Tradizione ed innovazione culinaria, nel progetto ideato dall'amministrazione comunale di Paitone per valorizzare i piattitipici e i ristoratori locali

14/04/2017

Lo spirito verde

 Giovedì prossimo, 20 aprile, alle ore 16, allo Snack-Bar dell'Aquaclub di Condino, ci sarà il primo incontro del ciclo "Vivi! La forza della Natura". Col dottor Giovanni Ambrosini

28/03/2017

Dal campo alla cucina

Serata su “Le erbe spontanee” quella organizzata per questo venerdì 31 marzo, dall’Agriturismo BioBiò di Vobarno

21/03/2017

I primi sono valsabbini

Si chiama Ambra Marca, è una valsabbina di Bagolino ed è stata lei a sbaragliare l’agguerrita concorrenza partecipando con un gustoso primo piatto al concorso “Chef per una notte”, proposta del Giornale di Brescia (2)

21/03/2017

Colomba senza lattosio

Intollerante al lattosio? Tu, o i tuoi amici, non rinunciate alla Colomba d’alta pasticceria per festeggiare la Pasqua. Con la Pasticceria Bazzoli - Linea Pane si può, anche acquistando online. Prenota la tua colomba entro il 3 aprile.
Con Bazzoli è possibile anche personalizzare i regali da inserire nell'uovo di cioccolato

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia