25 Giugno 2020, 17.09
Odolo Lavenone
Compleanno

I cento «in prigionia» del Remigio

di Ubaldo Vallini

Tanti auguri a Remigio Garzoni, di Lavenone, che proprio oggi, giovedì 25 giugno, ha raggiunto il secolo di vita, con una salute invidiabile


«Non me lo sarei mai aspettato: non sono riusciti a farmi prigioniero in guerra e mi tocca esserlo oggi». Vuole essere una battuta di spirito quella di Remigio Garzoni, da un paio d’anni ospite della Soggiorno Sereno di Odolo dove, diciamolo subito, si trova benissimo.
Però nella sua battuta c’è del vero.

I cent’anni dalla sua nascita, infatti,
li ha dovuti festeggiare “blindato” nella struttura della rsa, coi familiari più stretti dall’altra parte di un vetro.
E’ forse un po’ triste, ma è quanto viene richiesto dalle normative studiate per contrastare la diffusione del virus, come tutti sappiamo.

Per l’occasione Remigio ha ricevuto anche una lettera di auguri da parte del sindaco di Lavenone, Franco Delfaccio, che in attesa di poterlo fare di persona e senza nulla di mezzo, l’ha ringraziato «per averci tramandato quei valori di riferimento che sono parte del nostro patrimonio e la nostra ricchezza, quei valori che ci parlano di dovere, spirito di sacrificio, della famiglia, di altruismo e di solidarietà».

Prigioniero, dicevamo.
Di occasioni per finire dietro le sbarre, o anche peggio, in effetti ce ne sono state tante, soprattutto in guerra.
Vicissitudini che Remigio è capace di rivivere tutt’ora, con dovizia di particolari.

Soprattutto in Albania
, dove l'hanno mandato dopo che è stato sul fronte francese e dove si trovava quel fatidico 8 di settembre, senza riuscire a rientrare in patria, ritrovandosi così in balia degli eventi.
Nel Paese delle aquile, infatti, i “nostri” hanno dovuto consegnare le armi ai partigiani e sono diventati in pratica degli schiavi.

«Tutti erano nostri nemici: i fascisti italiani, i partigiani locali, gli albanesi filotedeschi, i tedeschi».
Remigio se l’è cavata elemosinando vitto e alloggio in cambio di lavori umili in campagna, da clandestino, perché tutti cercavano gli ex soldati italiani per mandarli a lavorare ai forni.

«Ne sono morti più lì che durante la guerra – ricorda -. Una volta io e il Pozzi (un compagno di Treviso Bresciano col quale ha sempre fatto coppia e che ora non c’è più ndr.) ci siamo nascosti per quattro giorni in un buco senza mangiare per evitare di essere presi.
Lui si è anche ammalato, tutto gonfio soffriva come un cane, tanto che se avessi avuto un fucile l’avrei ammazzato lì.
Poi lui è guarito e mi sono ammalato io».

Dopo più di un anno trascorso a vivere di stenti, Remigio è riuscito a guadagnare un passaggio su una navicella inglese che riforniva i partigiani sugli scogli.
A Bari e poi a Trani, in ospedale, pesava 38 chili.
Col treno raggiunse Cassino e poi se la fece tutta a piedi fino a casa, dove arrivò il 21 luglio del 1945, giusto in tempo per festeggiare il suo 25esimo compleanno.

La sua Daria l'ha reso vedovo nel 1996, dopo avergli regalato tre figli: Franco, Adriana ed Ettore. E loro una squadra di nipotiti che l'adorano.

Una tempra eccezionale quella di Remigio: tre anni fa, quando finalmente gli è stata consegnata la meritatissima “Croce di Guerra”, siamo stati a trovarlo a Lavenone e l’abbiamo sorpreso a Lavenone mentre falciava il prato con la “ranza”.

Qualche acciacco l’ha rallentato nei tempi più recenti, senza impedirgli, da ospite della rsa e prima del Covid, di trascorrere ogni tanto in compagnia del figlio qualche giorno nella sua campagna, ad occuparsi di piante e di animali, come ha fatto per tutta la vita nel rolo di allevatore e contadino.

Dai Remigio, che l’anno prossimo veniamo a trovarti e ci racconti ancora qualcosa.

.in foto: il compleanno di Remigio festeggiato oggi: Remigio tre anni fa mentre falcia l'erba.



Vedi anche
11/06/2017 07:41

A Remigio la sua Croce di guerra Remigio Garzoni, di Lavenone, all'età di 97 anni ha finalmente ricevuto l'onorificenza che gli spettava, dopo aver combatturo in Francia e in Albania. Una tempra eccezionale la sua 

19/08/2015 15:17

Don Remigio Fusi è tornato alla casa del Padre Nato a Bagolino l’8 settembre del 1929, don Remigio fu uno dei primi collaboratori dei Silenziosi Operai della Croce

18/07/2019 08:45

«Wer Bist du (chi sei tu)?» E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento

02/12/2006 00:00

Stagione eccezionale per Luigi Garzoni Luigi Garzoni, 16enne di Forno d’Ono di Pertica Bassa, studente allo Scar di Villanuova, mentre andr in giro con le stampelle potr esprimere lo stesso grande soddisfazione per l’ennesima annata trascorsa da vero campione di trial.

15/07/2016 10:10

Lode ad Alberto Complimenti ad Alberto Garzoni, di Roè Volciano che, giusto ieri, giovedì 14 luglio, ha conseguito la Laurea Triennale in Filosofia presso l'Università di Padova, con la votazione di 110 e lode



Altre da Odolo
31/07/2020

Vrenda rossa e nera

Nessun riferimento calcistico. Nella Vrenda a Odolo, per due distinti e preoccupanti episodi, scattano i controlli ambientali. Individuati i responsabili, si attendono le analisi

30/07/2020

Mascherine, guanti e rifiuti sparsi ai lati della strada

Non è la prima volta che ci giungono segnalazioni di questo genere, anche da Odolo, e cogliamo l’occasione per sensibilizzare tutti al rispetto delle norme e dell’ambiente che ci circonda. Un grazie al nostro lettore odolese. Pubblichiamo volentieri

29/07/2020

Alla scoperta della Valle Sabbia

Per iniziativa dell’Agenzia territoriale per il turismo della Valle Sabbia e del Lago d’Idro, sono state effettuate la scorsa settimana le riprese di Cremona1 Tv per quattro nuove puntate dedicate alla nostra valle

28/07/2020

Nuovo medico di Medicina Generale a Odolo

Il dottor Andrea Donatini prenderà servizio dal 1° agosto con la cessazione dei due incarichi provvisori ai dott. Felesi e Fornaro. Pazienti invitati ad esercitare la scelta per un nuovo medico

27/07/2020

A Odolo Piergiorgio Cinelli con «QDGHÌ»

La sedicesima edizione di Acque e Terre Festival fa tappa questo martedì sera nel paese della Conca d’Oro con la presentazione integrale dell’ultimo disco del cantautore dialettale valtrumplino

15/07/2020

«Scelte non condivise», si dimette il vicesindaco di Odolo

Luca Pasini ha rassegnato le dimissioni dalla giunta e dal consiglio comunale: «Non mi trovo più nelle scelte e in molte situazioni che si sono venute a creare negli ultimi periodi»

10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

19/06/2020

Anche Odolo è covid-free

A oggi, fra le persone che risultano residenti nel centro valsabbino della Conca d'Oro, tutti i contagiati si sono liberati dal pernicioso virus. Ne abbiamo parlato col sindaco Fausto Cassetti

07/06/2020

Guanti e mascherine gettati a terra

Un fenomeno che si sta riscontrando un po’ ovunque e nemmeno la nostra valle è esente, come dimostrano queste foto inviateci da un nostro lettore

05/06/2020

Tamponi gratis per tutti

E’ quello che hanno chiesto 65 sindaci bresciani scrivendo a Fontana e Gallera. Al massimo il pagamento del ticket. Cinque i firmatari valsabbini

Odolo, il paese la sua gente

La Fucina di Pamparane

14/04/2020

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

14/04/2020

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo

14/04/2020

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi